La FIFA ha un piano per l’Africa. Ma chi sta servendo?

Questo mi ricorda la volta in cui Gianni è andato alla riunione del Consiglio FIFA e ha detto al consiglio di firmare un documento che gli permetteva di vendere la Coppa del Mondo per Club a investitori privati ​​(si è scoperto essere SoftBank). I membri, guidati da funzionari europei, hanno chiesto dettagli. L’audit interno ha rilevato che l’evento è stato di gran lunga inferiore a quanto suggerito da Gianni.

Ora, torniamo al tweet: si scopre che anche i funzionari della FIFA sono rimasti sorpresi. Barbara Gonzalez è andata da Gianni alla Confederation of African Football e ha chiesto di essere fotografata con lui. Cinque minuti dopo, ha inviato un tweet. Ora non sto dicendo che il campionato in Africa sia una cattiva idea, ma sicuramente ci deve essere un piano forte prima che un progetto così grande sia attuato?

RS: Se non altro, devi ammirare la maleducazione al riguardo, anche perché Infantino mi sciocca. appositamente Il tipo di persona che si innamorerà del vecchio trucco del “come dici tu”.

Là, dice, deve esserci un piano solido: economico, ovviamente, ma anche in senso matematico. L’idea di base mi sembra solida. Nell’Africa subsahariana, le squadre di calcio africane stanno lottando per investire. Ciò significa che la stragrande maggioranza dei paesi che producono un flusso costante di giocatori per i club europei raramente vede uno di questi talenti in mostra nei campionati nazionali. Questo, a sua volta, non attira i fan ad andare a vedere le partite in diretta. Questo completa un circolo pulito ma vizioso, poiché significa che sì, i club stanno lottando duramente per investire.

READ  Il Qatar ospita per unirsi alle qualificazioni alla Coppa del Mondo europea 2022

La Premier League affronterà alcuni di questi problemi. Un migliore accordo televisivo, se non altro, consentirebbe ai club di investire in infrastrutture. Questo può aiutare a coltivare e trattenere i giovani talenti per un po ‘più a lungo. Non mi sembra impossibile per un campionato africano essere in grado di competere con uno dei campionati generatori di talenti in Europa – Paesi Bassi o Portogallo, ad esempio – per la qualità in un periodo di tempo relativamente breve.

Naturalmente, c’è una questione spinosa che non ho ancora avuto il coraggio di sollevare. Penso di poter trovare un elenco abbastanza convincente di circa 20 squadre africane che avranno buone ragioni per l’inclusione, grazie alla data, al supporto o alla posizione. Ma sospetto che Infantino e CAF, che ora è gestito da un suo fedele alleato, possano avere un sistema diverso?

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x