La Francia ha denunciato la “duplicità” nell’accordo sottomarino USA-Australia mentre Canberra ha fatto marcia indietro

L’ambasciatore francese richiamato in Australia Jean-Pierre Thibault parla durante un’intervista televisiva a Canberra, in Australia, venerdì 17 settembre 2021. L’Australia ha detto sabato di aver notato con rammarico il richiamo della Francia del suo ambasciatore per l’improvvisa cancellazione di un contratto sottomarino a favore di un accordo statunitense.

Associated Press

Sabato, il ministro degli Esteri francese ha denunciato ciò che ha descritto come “la doppiezza, il disprezzo e le bugie” che circondano l’improvvisa rottura del lucroso contratto francese per la costruzione di sottomarini per l’Australia a favore di un accordo con gli Stati Uniti, e ha dichiarato che c’era una crisi a mano tra gli alleati occidentali.

Il giorno dopo che la Francia ha richiamato i suoi ambasciatori negli Stati Uniti e in Australia, il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha criticato quello che ha detto essere un accordo segreto che ha sconvolto la Francia.

Ha detto in un’intervista alla televisione France 2 che il richiamo dei suoi ambasciatori “dimostra la forza della crisi odierna” tra il governo francese, Washington e Canberra. Ha detto che era la prima volta in assoluto che la Francia, il più antico alleato degli Stati Uniti, richiamava il suo ambasciatore negli Stati Uniti.

La storia continua sotto l’annuncio

Il Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden annuncia l’accordoOltre ai leader di Australia e Gran Bretagna, almeno otto sottomarini a propulsione nucleare hanno fatto arrabbiare la Francia. I francesi avevano firmato un contratto nel 2016 per dozzine di sottomarini diesel-elettrici convenzionali e i lavori erano già in corso. L’accordo con il gruppo statale francese Naval Group, che è di maggioranza, valeva almeno 66 miliardi di dollari.

READ  Quattro morti a Cipro a causa degli incendi boschivi "più distruttivi" | Notizie Europa

Le cortesie diplomatiche svanirono dalla finestra mentre le autorità francesi cercavano di esprimere la loro rabbia.

Le Drian ha smentito le notizie secondo cui si erano tenute consultazioni precedenti con la Francia prima dell’annuncio, dicendo: “Questo non è vero”.

“Gli alleati non si trattano l’un l’altro con tale brutalità e imprevedibilità, come un partner importante come la Francia… quindi c’è già una crisi”, ha detto Le Drian.

“Ci sono ragioni per mettere in dubbio la forza della nostra alleanza”, ha detto Le Drian.

In precedenza, anche l’ambasciatore francese in Australia ha deviato dal linguaggio diplomatico quando ha descritto quello che è stato ampiamente descritto in Francia come il “decennio del secolo”.

“Questo è stato un enorme errore e una gestione molto scadente della partnership”, ha detto l’ambasciatore francese Jean-Pierre Thibault prima di tornare in Francia.

La storia continua sotto l’annuncio

Thibault ha affermato con rabbia che l’accordo sulle armi tra Francia e Australia, firmato nel 2016, doveva essere basato su “fiducia, comprensione reciproca e onestà”. “Mi piacerebbe essere in grado di assumere una macchina del tempo ed essere in una posizione in cui non finiremo in una situazione così sorprendente, goffa, inappropriata e non australiana”.

Ha detto di aver appreso del contratto annullato dalla stampa australiana.

Il Canada è stato sorpreso da un nuovo accordo di sicurezza tra Stati Uniti, Australia e Gran Bretagna

In una dichiarazione scritta venerdì, Le Drian ha affermato che la decisione francese di richiamare i suoi ambasciatori – su richiesta del presidente Emmanuel Macron – è stata “giustificata dall’eccezionale gravità delle dichiarazioni” fatte da Australia e Stati Uniti.

READ  La Casa Bianca sospende per una settimana il vice segretario stampa per aver minacciato un giornalista

Quello che i funzionari francesi hanno descritto come un contratto complesso e multistrato riguardava più di semplici sottomarini. È stato il pilastro della visione francese della regione indo-pacifica, dove la Francia ha una presenza e la Cina cerca di rafforzare la sua influenza.

Naval Group ha dichiarato in una nota che le conseguenze dell’annullamento del contratto saranno analizzate con l’Australia “nei prossimi giorni”. Ha notato che i team in Francia e Australia hanno lavorato al progetto negli ultimi cinque anni.

I dipendenti australiani che lavorano con il Naval Group e le loro famiglie hanno stabilito le loro case nel porto di Cherbourg, in Normandia. Un funzionario sindacale, David Rubin, ha detto a BFMTV che i dipendenti sono stati informati che potrebbe esserci un’opzione per tenerli in servizio.

La storia continua sotto l’annuncio

Il ministro della Difesa australiano Peter Dutton ha dichiarato domenica che l’Australia ha sollevato preoccupazioni con la Francia per l’ordine – che valeva 40 miliardi di dollari nel 2016 e si ritiene che costi molto di più oggi – per alcuni anni.

“I suggerimenti secondo cui il governo australiano non ha comunicato queste preoccupazioni sfidano, francamente, ciò che è pubblico e certamente ciò che hanno detto pubblicamente per un lungo periodo di tempo”, ha detto Dutton a Sky News.

L’ufficio del ministro degli Esteri australiano Marise Payne ha precedentemente rilasciato una dichiarazione in risposta alla convocazione del diplomatico e ha notato il “rammarico” di Canberra per il ritiro del suo rappresentante da parte del suo alleato.

“L’Australia comprende la profonda delusione della Francia per la nostra decisione, che è stata presa in conformità con i nostri chiari e dichiarati interessi di sicurezza nazionale”, afferma la nota. Ha aggiunto che l’Australia apprezza la sua relazione con la Francia e attende con impazienza futuri impegni insieme.

READ  L'Arabia Saudita rifiuta il rapporto dell'intelligence statunitense sull'uccisione di Khashoggi | Notizie di Jamal Khashoggi

Payne e il segretario alla Difesa Peter Dutton sono attualmente negli Stati Uniti per colloqui annuali con le loro controparti americane e per i loro primi colloqui con l’amministrazione Biden.

Dopo che l’accordo con gli Stati Uniti è stato annunciato questa settimana, il primo ministro australiano Scott Morrison ha dichiarato di aver detto a Macron a giugno che c’erano “problemi molto reali sul fatto che la capacità dei sottomarini convenzionali” avrebbe soddisfatto le esigenze di sicurezza strategica dell’Australia nell’Indo-Pacifico.

La storia continua sotto l’annuncio

Morrison non ha fatto specifico riferimento al massiccio accumulo militare della Cina, che ha subito un’accelerazione negli ultimi anni.

Morrison era a Parigi mentre tornava a casa dal vertice del G7 in Gran Bretagna, dove ha tenuto colloqui con i futuri partner della coalizione Biden e il primo ministro britannico Boris Johnson. Thibault ha detto che era anche all’incontro con Macron e Morrison.

“Ci sono stati cambiamenti nella situazione regionale”, ha detto Morrison, ma non ha indicato che l’Australia stesse considerando un cambiamento alla propulsione nucleare, ha detto Thibault.

“Tutto doveva essere fatto con la massima trasparenza tra i due partner”, ha aggiunto.

Il deputato australiano dell’opposizione Mark Dreyfus ha chiesto al governo australiano di ricucire i suoi rapporti con la Francia.

“L’impatto sulle nostre relazioni con la Francia è motivo di preoccupazione, in particolare come paese con importanti interessi nella nostra regione”, ha affermato Dreyfus. “I francesi sono rimasti scioccati da questa decisione e il signor Morrison avrebbe dovuto fare di più per proteggere il rapporto”.

La storia continua sotto l’annuncio

Le nostre newsletter sugli aggiornamenti mattutini e serali sono state scritte dagli editori di Globe, fornendo un riassunto conciso dei principali titoli della giornata. Registrati oggi.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x