La Francia restituisce gli angeli di marmo rubati alla Chiesa d’Italia nel 1989

ROMA (Associated Press) – Un collezionista d’arte britannico che due decenni fa ha acquistato una coppia di angeli in marmo del XVII secolo da un negozio di antiquariato di Napoli, ha restituito “stucco” alato alla polizia artistica italiana dopo aver appreso che erano stati rubati dalla chiesa.

La polizia d’arte italiana dei Carabinieri ha detto che il collezionista senza nome ha cercato di rivendere gli angeli in un negozio di antiquariato ad Avignone, in Francia, prima del suo trasferimento pianificato dalla Francia al Portogallo, quando la polizia d’arte francese li ha segnalati come possibili beni rubati.

La polizia artistica italiana ha detto martedì che angeli, decorati con foglie di vite e frutti posizionati strategicamente, sono stati rubati dalla chiesa di San Sebastiano a Guardia Sanframondi, a nord-est di Napoli, il 13 dicembre 1989. La polizia ha detto che il collezionista non ne era a conoscenza. Mostra l’origine degli angeli e riportali indietro senza alcuna lotta legale.

Martedì sono stati ufficialmente consegnati all’Italia con una cerimonia tenutasi presso l’ambasciata francese.

I Carabinieri hanno indicato in un comunicato che le chiese della regione sono state oggetto di numerosi furti dopo che il terremoto dell’Irbinia del 1980 ha colpito vaste aree del sud Italia.

La polizia ha notato che un altro gruppo di angeli, analogamente riportato nel database dei carabinieri, era stato recentemente restituito in un’altra chiesa della Guardia Sanframondi dopo che era stato in un negozio di antiquariato a Milano ed era stato identificato dal parroco della chiesa.

READ  Before Fiddler celebra la ricchezza della musica di Klizmir e il mondo del compositore Sholem Alishim | notizia

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x