La Guardia Costiera americana spara colpi di avvertimento contro una nave iraniana: il Pentagono | Donald Trump News

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto che le navi iraniane sono arrivate a circa 137 metri dalle navi statunitensi nello Stretto di Hormuz.

Il Pentagono ha detto, lunedì, che una nave della Guardia Costiera statunitense ha sparato circa 30 colpi di avvertimento dopo che 13 navi della Marina della Guardia rivoluzionaria iraniana e altre navi della Marina americana si sono avvicinate nello Stretto di Hormuz.

Questo è il terzo scontro tra navi statunitensi e iraniane il mese scorso e la seconda volta che gli Stati Uniti hanno dovuto sparare colpi di avvertimento a causa di quello che hanno descritto come un comportamento pericoloso da parte delle navi iraniane nella regione, dopo una relativa tregua in tali interazioni. L’ultimo anno.

Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto che i colpi di avvertimento sono stati sparati dopo che i motoscafi iraniani si sono avvicinati da 137 metri (450 piedi) a sei navi militari statunitensi, inclusa la USS Monterey, che stava scortando il sottomarino missilistico guidato Georgia.

Kirby ha detto che il cutter della Guardia Costiera degli Stati Uniti ha sparato colpi di avvertimento da una mitragliatrice calibro 50 prima che le navi iraniane partissero.

Kirby ha detto che il primo colpo è stato sparato quando le barche iraniane hanno raggiunto i 300 iarde (274 metri) dalle navi statunitensi e il secondo quando hanno raggiunto i 150 iarde (137 metri).

Navi delle Guardie rivoluzionarie iraniane che navigano vicino a navi militari statunitensi nel Golfo Persico vicino al Kuwait in questa foto del 15 aprile 2020 [File: US Navy via AP Photo]

“E ‘importante … e stavano agendo in modo aggressivo”, ha detto, aggiungendo che il numero di navi iraniane era maggiore rispetto al recente passato.

L’ultimo incidente arriva mentre le potenze mondiali e l’Iran cercano di accelerare gli sforzi per riportare Washington e Teheran in conformità con l’accordo nucleare del 2015.

READ  Perché questo adolescente britannico sta andando in bicicletta a Glasgow per la COP26?

I funzionari statunitensi sono tornati a Vienna la scorsa settimana per il quarto round di colloqui indiretti con l’Iran su come riprendere il rispetto dell’accordo, che l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump aveva abbandonato nel 2018, spingendo l’Iran a iniziare a violare i suoi termini dopo quasi un anno.

Un funzionario statunitense, parlando a condizione di anonimato, ha detto ai giornalisti il ​​6 maggio che c’era speranza per un accordo se l’Iran avesse preso una decisione politica.

“E ‘possibile vedere un ritorno reciproco alla compliance nelle prossime settimane, o una comprensione della compliance reciproca? È possibile, sì”, ha detto il funzionario durante il briefing telefonico.

L’amministrazione Trump ha anche imposto sanzioni all’Iran dopo che si è ritirato dall’accordo.

L’Iran ha sempre sottolineato che non dovrebbero essere prese ulteriori misure da parte sua fino a quando gli Stati Uniti – la prima parte a ritirarsi dall’accordo – non torneranno a conformarsi.

Anche Teheran vuole che le sanzioni vengano revocate.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x