La guerra in Ucraina alimenta i timori dei giovani russi in età di leva

Con le forze russe impantanate in Ucraina, molti giovani russi in età di leva sono sempre più preoccupati per la prospettiva di essere mandati in combattimento. Particolarmente accrescendo queste preoccupazioni è la coscrizione annuale primaverile, che inizia venerdì e mira a radunare 134.500 uomini per un turno di servizio militare di un anno.

Il ministro della Difesa Sergei Shoigu ha promesso in una riunione dei leader militari questa settimana di non inviare nuove reclute in prima linea o “punti caldi”.

Ma questa affermazione è stata accolta con scetticismo da molti in Russia che ricordano le guerre separatiste nella Repubblica cecena meridionale negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000, quando migliaia di giovani scarsamente addestrati furono assassinati.

Non mi fido di loro quando dicono che non manderanno reclute in combattimento. “Mentono sempre”, ha detto Vladislav, un 22enne che sta completando gli studi e teme di dover affrontare la coscrizione una volta laureato. Ha chiesto che il suo cognome non fosse usato per paura di rappresaglie.

Tutti gli uomini russi di età compresa tra i 18 ei 27 anni devono prestare servizio militare per un anno, ma una grande percentuale evita la coscrizione per motivi di salute o differimenti concessi agli studenti universitari. La percentuale di uomini che evitano la coscrizione è particolarmente elevata a Mosca e in altre grandi città.

Anche se il presidente Vladimir Putin ei suoi funzionari affermano che le reclute non sono coinvolte in quella che le autorità russe chiamano “operazione militare speciale in Ucraina”, molti sembravano essere stati catturati durante i suoi primi giorni. Dall’Ucraina sono emersi video di russi catturati, alcuni dei quali sono stati mostrati mentre chiamavano i loro genitori e pubblicati sui social media.

La madre di un prigioniero ha detto di aver riconosciuto il figlio di 20 anni in un video, nonostante il suo aspetto fosse bendato.

READ  Nuove leggi mirano a reprimere anche forme moderate di protesta in Russia

“L’ho riconosciuto dalle sue labbra e dal suo mento. Sai, l’avrei riconosciuto dalle sue dita”, ha detto la donna, che ha chiesto di essere identificata solo per nome, Lyubov, per motivi di sicurezza. “L’ho allattato al seno e l’ho cresciuto”.

Il ministero della Difesa è stato costretto a ritrattare le sue dichiarazioni e ad ammettere che alcuni coscritti sono stati “per errore” inviati in Ucraina e catturati mentre prestavano servizio con un’unità di rifornimento lontana dal fronte.

C’erano accuse secondo cui, prima dell’invasione, alcuni coscritti erano stati costretti a firmare contratti militari che consentivano loro di essere inviati in combattimento, un dovere solitamente limitato ai volontari nell’esercito. Alcuni soldati catturati hanno detto che i loro comandanti gli avevano detto che stavano andando all’addestramento militare, ma all’improvviso si sono ritrovati a combattere in Ucraina.

Lyudmila Narusova, una senatrice del parlamento russo, ha parlato all’inizio di marzo di un intero gruppo di 100 uomini che sono stati costretti a firmare tali contratti e sono stati inviati nella zona di combattimento – e solo quattro sono sopravvissuti. I funzionari militari non hanno commentato le sue accuse.

Il commissario per i diritti umani di San Pietroburgo, Svetlana Agapetova, ha detto mercoledì che i parenti di sette soldati le hanno scritto per lamentarsi del fatto che gli uomini erano stati costretti a firmare il contratto e mandati in Ucraina contro la loro volontà. Ha detto che due di loro erano già stati rimandati in Russia.

Negli ultimi anni, il Cremlino ha sottolineato l’aumento della quota di soldati volontari a contratto mentre cerca di modernizzare l’esercito e migliorarne la preparazione. La forza di un milione di soldati comprende ora più di 400.000 soldati a contratto, di cui 147.000 nella fanteria. Se la guerra continua, questi numeri potrebbero essere insufficienti per continuare le operazioni.

READ  Almeno 15 persone sono state uccise in più attacchi vicino al confine tra Stati Uniti e Messico

Alla fine il Cremlino potrebbe trovarsi di fronte a una scelta: continuare a combattere con un numero limitato di truppe e vedere cessare l’offensiva, oppure cercare di ricostituire i ranghi con un reclutamento più ampio e rischiare la rabbia dell’opinione pubblica che potrebbe alimentare il sentimento anti-coscrizione e destabilizzare la situazione politica. Uno scenario del genere si è verificato durante i combattimenti in Cecenia.

Dmitriy, il 25enne esperto di informatica, ha un differimento che deve tenerlo fuori dal progetto per motivi medici. Ma rimane nervoso come molti altri, temendo che le autorità rinuncino improvvisamente a qualche ritardo per sostenere i militari.

Odio la guerra. “Penso che sia un completo disastro”, ha detto Dmitry, che ha anche chiesto di non essere nominato, per paura di rappresaglie. Temo che il governo cambierà le regole e dovrò affrontare la coscrizione. Dato che da mesi dicono che non attaccheranno l’Ucraina, perché dovrei fidarmi di quello che dicono ora sulla bozza? “

La proposta di legge faciliterebbe la stesura dell’arruolamento consentendo alle reclute militari di chiamare più facilmente gli arruolati, ma per il momento il disegno di legge è stato sospeso.

Tuttavia, ha solo aumentato l’ansia del pubblico.

Alexei Tabalov, un avvocato che fornisce consulenza alle reclute, ha affermato che i comitati medici degli uffici di collocamento spesso accettano giovani che devono essere esonerati dal servizio a causa di una malattia. Ora, ha aggiunto, le loro posizioni potrebbero diventare più dure.

“È molto probabile che i medici chiuderanno gli occhi alle malattie dei coscritti e dichiareranno che sono idonei al servizio militare”, ha detto Tabalov.

Oltre ad abbassare gli standard medici per i coscritti, si teme che il governo possa tentare di imporre una sorta di legge marziale che impedisca agli uomini russi di lasciare il paese e li costringa, come l’Ucraina, a combattere.

READ  L'Ucraina annuncia nuovi contrattacchi contro le forze russe nel sud

“Abbiamo ricevuto molte chiamate da persone che hanno paura di mobilitarsi”, ha detto Tabalov. Le persone ora hanno paura di tutto in questa situazione. Nessuno aveva mai pensato alla necessità di analizzare la legge sulla mobilitazione”.

Il Cremlino ha negato con veemenza qualsiasi piano del genere e i funzionari militari insistono sul fatto che i militari abbiano abbastanza soldati a contratto per prestare servizio in Ucraina. Tuttavia, molti russi rimangono scettici nei confronti delle smentite dei funzionari, data la loro esperienza.

“Che tipo di fiducia ci sarebbe se un giorno Putin dicesse che i coscritti non sarebbero stati inviati lì… e poi il ministero della Difesa riconoscesse la loro presenza lì?” chiese Tabalov.

La legge attuale consente un servizio civile alternativo di 21 mesi in ospedali, case di cura e altre strutture per coloro che considerano il servizio militare incoerente con le loro convinzioni, ma gli uffici di arruolamento militare spesso generalmente ignorano le richieste di tale servizio.

Dopo l’inizio della guerra, Tabalov ha detto che il suo gruppo ha visto un aumento delle richieste di informazioni sull’Alternative Service Act, che è formulato in modo vago e consente ai funzionari militari di negare facilmente le domande.

“Siamo preoccupati che nell’attuale stato d’animo militare, gli uffici di arruolamento militare possano assumere una posizione più dura e negare le domande per il servizio civile alternativo”, ha affermato.

___

rimaniamo in contatto

Hai familiari ucraini e russi? Come affronti la crisi? e-mail dotcom@bellmedia.ca.

  • Per favore includi il tuo nome, posizione e informazioni di contatto se sei disposto a parlare con un giornalista con CTV News.

  • I tuoi commenti possono essere utilizzati nella storia di CTVNews.ca.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x