La guerra in Ucraina ha messo alla prova i tratti politici di Biden

Entrambi i commenti hanno sorpreso i cancellieri, non compaiono da nessuna parte nelle sue note scritte e vanno oltre la posizione ufficiale del governo. La sua osservazione del genocidio è avvenuta all’interno di un impianto di lavorazione dell’etanolo in Iowa, dove si trovava in cima a una piattaforma ricoperta di paglia.

“Lasceremo che gli avvocati decidano a livello internazionale se è qualificato o meno”, ha detto sull’asfalto dell’aeroporto internazionale di Des Moines mentre si preparava a salire a bordo dell’Air Force One.

Biden deve anche affrontare una guerra in cui credono i funzionari Può durare per mesiNaviga nel peso e nei limiti della presidenza. Le sue parole sono analizzate da vicino per il significato formale, anche quando sottolineate, portando a timori di un’escalation della crisi.
Allo stesso tempo, la sua fretta di visitare l’Ucraina e guardare da vicino la situazione è ostacolata dalla bolla che lo accompagna ovunque. Le paure interne lo spingono in altre direzioni e la sua giurisdizione si estende ben oltre la guerra esterna, portando a volte a scenari contraddittori come dichiarare Genocidio All’interno di un impianto di biocarburanti, frammenti di polvere di mais galleggiano dall’alto.

Questa dinamica a volte ha portato a tensioni per un presidente la cui risposta al conflitto è stata a volte profondamente emotiva e la cui esperienza decennale nelle relazioni internazionali – ai livelli inferiori di senatore e vicepresidente – lo ha messo in allerta sul suo pensiero.

Il suo commento sul genocidio ha sollevato preoccupazioni da parte di alcuni funzionari sul fatto che fosse in anticipo sul processo legale dell’amministrazione e potrebbe essere visto come una pressione sui funzionari che attualmente lavorano per prendere una decisione formale, secondo persone che hanno familiarità con la risposta. Solo una settimana prima di parlare, l’alto funzionario della sicurezza nazionale di Biden ha detto che non erano state soddisfatte le condizioni per chiamarlo genocidio e il Dipartimento di Stato deve ancora dire se ha trovato prove per cambiare quella posizione.

Durante la visione di scene di atrocità emerse la scorsa settimana, Biden ha suggerito in privato che potrebbero essere la prova del genocidio, secondo una persona che ha familiarità con la questione. Tuttavia, questo non è stato ufficializzato dalla sua amministrazione quando lo ha definito genocidio in pubblico.

È stato l’ultimo esempio dei tratti politici di lunga data di Biden di parlare schietto ed empatia messi alla prova nel suo nuovo ruolo di alto profilo. I suoi alleati e consiglieri affermano che queste caratteristiche servono come forza illustrativa per un’alleanza occidentale spesso unificata. Biden ha detto in privato che non c’è molto tempo da perdere nel chiamare le azioni di Putin per quello che sono.

READ  Decine di migliaia fuggono mentre gli incendi in Colorado bruciano centinaia di case | Notizie meteo

Ma alcuni hanno messo in dubbio le sue motivazioni e si sono chiesti se un approccio più disciplinato potesse funzionare meglio.

Dopo aver affermato in Iowa che era diventato “più chiaro” che il genocidio era in corso in Ucraina, il presidente francese Emmanuel Macron ha espresso preoccupazione per il fatto che un linguaggio escalation potrebbe far fallire i tentativi di negoziare una soluzione alle violenze.

“Voglio continuare a cercare il più possibile di fermare questa guerra e ricostruire la pace. Non sono sicuro che l’escalation della retorica serva a questa causa”, ha detto Macron. Allo stesso modo ha messo in guardia contro l’escalation dopo il commento di Biden a Varsavia secondo cui Putin non dovrebbe rimanere al potere.

Altri leader mondiali hanno accolto francamente Biden. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha affermato di ritenere “assolutamente corretto che sempre più persone” usino la parola “genocidio” per descrivere gli attacchi della Russia in Ucraina. Tuttavia, il leader canadese si è fermato prima di accusare il Cremlino di genocidio.

Biden è fuori davanti al resto della sua amministrazione

I presidenti degli Stati Uniti di solito sono diffidenti nell’applicare l’etichetta “genocidio” prima Un lungo iter che si conclude al Dipartimento di Stato. Era solo un appuntamento Ufficialmente applicato otto volte. Dopo la dichiarazione di Biden, i funzionari hanno affermato di non aver ancora fornito una designazione ufficiale basata su ciò che ha detto.

“Ci sono alcuni obblighi legali che derivano da un rapporto ufficiale sul genocidio”, ha detto alla CNN Victoria Nuland, il vice segretario di stato per gli affari politici, il giorno dopo le osservazioni di Biden.

Tuttavia, la Casa Bianca è stata attenta a non minimizzare le parole come semplici riflessioni di un comune cittadino.

“È il presidente e siamo qui per implementare le sue opinioni”, ha detto il segretario stampa Jen Psaki. “Penso che non dovremmo fraintendere chi è e dove si trova sul totem, che è in alto”.

In definitiva, il commento di Biden sul genocidio non dovrebbe portare a cambiamenti immediati nella politica degli Stati Uniti nei confronti dell’Ucraina, portando alcuni a dubitare dell’utilità del suo discorso.

“Per me, la domanda più grande è a quale scopo serve? Possiamo avere un dibattito giuridico-filosofico sul fatto che ciò che i russi hanno fatto finora sia tecnicamente un genocidio. Hanno chiaramente commesso una serie di atti che rientrano nella categoria di criminalità di guerra Ma “La domanda, allora, è perché parlarne in questo modo? Rende più facile porre fine alla guerra?”, ha affermato Richard Haass, presidente del Council on Foreign Relations.

READ  Word 246 di oggi Risposta: mercoledì 20 febbraio Soluzione

“Sarò onesto con te, non vedo il senso di farlo, e non fraintendermi, non è quello che fanno i russi”, ha continuato Haas. “Non è che queste non siano cose terribili. La mia domanda ora è: in che modo serve la politica americana e gli obiettivi strategici? E sarò onesto con te, non vedo come funzioni”.

Alla fine, l’osservazione di Biden era radicata nello stesso punto in cui la sua determinazione Putin non può rimanere al potere: l’emozione devastante del conflitto, manifestata in immagini difficili da guardare di atrocità e sofferenza. Lo stesso Biden si è lamentato del fatto che, come presidente, la sua capacità di testimoniare la sofferenza in Ucraina è limitata dagli oneri e necessari ornamenti del lavoro.

“Non manderemo il presidente in Ucraina”

Durante la pianificazione della sua visita in Polonia il mese scorso, il team di Biden ha esplorato la possibilità di attraversare il confine per visitare l’Ucraina, che invierebbe un importante segnale di sostegno. Il presidente Volodymyr Zelensky ha incoraggiato Biden a visitare ripetutamente Kiev in una telefonata prima dell’invasione russa e ha continuato a incoraggiare pubblicamente i leader occidentali a fare il viaggio.

I funzionari della Casa Bianca, discutendo la possibilità che Biden scivoli in Ucraina, hanno valutato l’impronta americana che una tale visita richiederebbe – comprese le risorse militari e dei servizi segreti, insieme a un entourage di aiutanti e stampa – così come le risorse ucraine. necessario.

Ma alla fine, la portata della visita presidenziale degli Stati Uniti era troppo ampia e gli assistenti non l’hanno presa in seria considerazione. Invece, Biden è andato in una città nel sud-est Polonia vicino al confine. Quando era lì, si è pentito di non poterci andare Le 50 miglia extra sono in Ucraina.

“Non mi lasceranno, comprensibilmente, credo, attraversare il confine e guardare cosa sta succedendo in Ucraina”, ha detto.

In qualità di senatore e vicepresidente, Biden è stato un visitatore abituale delle zone di guerra americane, compresi i viaggi segreti nell’oscurità, un fatto che ha menzionato quando ha incontrato le truppe all’interno di uno stadio in Polonia.

READ  L'ambasciatore del Myanmar nel Regno Unito ha chiuso l'ambasciata di Londra in quello che sembrava essere un "colpo di stato" del suo vice

“Sono stato dentro e fuori dall’Iraq e dall’Afghanistan circa 40 volte”, ricorda.

Tuttavia, a differenza di una sosta in Iraq o in Afghanistan, dove le basi e il personale statunitensi possono aiutare a proteggere lo spazio aereo, l’Ucraina non è una zona di guerra degli Stati Uniti e Biden ha fermamente rifiutato di inviare truppe statunitensi all’interno del paese stesso.

Con il ritiro delle forze russe dalla regione intorno all’Ucraina, un flusso di leader occidentali è arrivato nel paese. Prima è stata la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che si è fermata per assistere a scene di atrocità a Bucha prima di dirigersi a Kiev.

la seguì Il primo ministro britannico Boris Johnson, che ha camminato per le strade della capitale con Zelensky, Stringi la mano e incontra i residenti Esci da settimane di bombardamenti. Una donna gli ha regalato una statuina di pollo di porcellana in segno di gratitudine. Mangia una ciotola di zuppa con Zelensky.

Guardando da Washington, Biden non poteva fare a meno di desiderare di andare da solo. Da quando è entrato in carica, ha sostenuto a lungo che incontrare i leader faccia a faccia è molto meglio che parlare al telefono, e il vertice della NATO del mese scorso a Bruxelles è stata una sua idea. Come politico, la sua forza è sempre stata nelle interazioni umane con la gente comune.

Tuttavia, anche la logistica della visita del leader britannico – che comprendeva aerei, treni ed elicotteri – sarebbe impossibile per un leader americano.

Da quando è tornato dall’Europa, Biden ha usato le sue apparizioni pubbliche per concentrarsi esclusivamente su questioni interne e ha migliorato i suoi viaggi nel paese per promuovere il progresso economico mentre i suoi indici di popolarità continuano a diminuire. Gli assistenti affermano che i problemi del tavolo della cucina sono una priorità e che il suo programma lo riflette.

Biden ha detto questa settimana che sta ancora decidendo se inviare un alto funzionario statunitense in Ucraina. Quando un giornalista ha chiesto scherzosamente se erano pronti per partire, hanno risposto: “Sei tu?”

Biden disse: “Sì”.

“È pronto, è pronto a tutto. Il ragazzo ama le auto veloci, alcuni piloti ed è pronto per andare in Ucraina”, ha detto giovedì il segretario stampa Jen Psaki in un’intervista a “Pod Save America”.

Tuttavia, è stata chiara sul fatto che non c’era possibilità di un viaggio del genere: “Non mandiamo il presidente in Ucraina”, ha detto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x