― Advertisement ―

spot_img

Paolini e Mozzetti alzano il tricolore in gare storiche

LONDRA - Un mese fa gli appassionati di sport italiani avrebbero potuto pensare che questa settimana avrebbero guardato la loro squadra difendere il titolo...
HomesportLa Juventus torna con una nuova veste e una nuova ambizione

La Juventus torna con una nuova veste e una nuova ambizione

Federico Chiesa © Getty Images

La Juventus è tornata nella discussione sul titolo di Serie A mentre si prepara ad ospitare il Bologna domenica, un nuovo e solido stile di gioco per il club che cerca di riprendersi dai disastri della scorsa stagione.

La squadra di Massimiliano Allegri, come le altre tre grandi italiane, ha brillato nella giornata di apertura con una vittoria per 3-0 sull’Udinese e ha prodotto una prestazione aggressiva e offensiva solitamente non associata a un allenatore conservatore.

Federico Chiesa ha elogiato lo “stile di calcio moderno” della sua squadra dopo averla portata in vantaggio dopo 108 secondi a Udine e aver finalmente mostrato segnali che i suoi problemi di infortunio potrebbero essere alle spalle.

Lo stesso Allegri è stato più attento ai cambi tattici, e più attento a evidenziare come gioca Chiesa in attacco.

Ha detto: “Deve segnare 14-16 gol in questa stagione. È sprecato sulla fascia”.

Ma c’era qualcosa di nuovo nell’approccio della Juventus, un ottimismo che era mancato la scorsa stagione, anche prima che le loro traversie in tribunale finissero con una penalità di 10 punti e una squalifica dal calcio europeo per tutta la stagione.

La Juventus ha segnato solo 35 gol su azione la scorsa stagione. Le loro partite erano spesso noiose. L’uscita anticipata dalla Champions League e la schiacciante sconfitta per mano del Napoli a gennaio hanno evidenziato i limiti della squadra.

E mentre Chiesa afferma che l’obiettivo della Juventus è tornare nella massima competizione europea per club, gli osservatori in Italia hanno subito indicato la Juventus come una delle favorite per la vittoria del titolo.

READ  Tornato a Imola, Lewis Hamilton ha ancora vividi ricordi di Ayrton Senna

Con i suoi principali rivali – Milan e Napoli campioni in carica – in transizione, la Juventus sembrava affamata e capace, come ha fatto da quando ha rotto la banca per ingaggiare Cristiano Ronaldo.

Domenica il Milan ospiterà i propri tifosi in casa per la prima volta stagionale contro il Torino, con il vento in poppa dopo l’inizio positivo dello scorso fine settimana per i nuovi arrivati.

Christian Pulisic e Tjani Reynders, due dei nove volti nuovi, hanno eccelso al Bologna e c’è speranza per i rossoneri del Milan di poter raggiungere i 20 scudetti davanti ai rivali locali dell’Inter.

Lunedì sera la squadra di Simone Inzaghi affronterà il Cagliari neopromosso con il morale alto, ma forse la partita più interessante del fine settimana sarà la sfida della Fiorentina con il Lecce, che nel fine settimana ha battuto la Lazio.

Sembra che l’allenatore della Fiorentina Vincenzo Italiano chiamerà la stessa squadra che ha battuto il Genoa 4-1 nella giornata di apertura e ha fatto sì che la gente si chiedesse se i toscani potrebbero essere un cavallo oscuro tra i primi quattro.

Tuttavia, il Brentford sta cercando di strappare l’attaccante Nicolas Gonzalez dopo aver offerto più di 40 milioni di euro, una vendita che lascerebbe i fan a interrogarsi ancora una volta sulle ambizioni del proprietario Rocco Commisso per il club.


Giocatore da tenere d’occhio: Hvica Kvaratskhelia

Dopo aver saltato per infortunio la vittoria della giornata di apertura del Napoli contro il Frosinone, l’esterno stella Kvaratskhelia tornerà in campo nella sua prima apparizione casalinga della stagione domenica sera in visita al Sassuolo.

READ  Il titolo di "Gran Premio Made in Italy ed Emilia-Romagna" scelto per gli appassionati di F1 di Imola

Kvaratskhelia è l’altra metà della devastante coppia offensiva di Victor Osimhen che ha portato il Napoli al primo scudetto dal 1990.

Il 22enne ha segnato 14 gol e realizzato lo stesso numero di gol la scorsa stagione, ed è ora in procinto di negoziare un prolungamento del suo contratto con il Napoli.


Statistiche chiave

3: L’ultima volta che la Juventus vinse 3-0 nel primo tempo della gara d’andata fu nel 2001 contro il Venezia. Quell’anno vinsero il campionato.

26: il numero di gol segnati in una divertente partita d’apertura.