La maglietta di Banksy aiuta gli imputati a rovesciare una statua

Centinaia di persone hanno fatto la fila sabato nella città inglese di Bristol per l’ultimo lavoro dello sfuggente artista di strada Banksy: una maglietta creata per aiutare quattro sospetti ad abbattere una statua locale di un commerciante di schiavi.

La maglietta grigia presenta la parola Bristol sopra il piedistallo vuoto che a lungo ha eretto una statua del 17° secolo del mercante di schiavi Edward Colston con una corda appesa e detriti sparsi qua e là.

I manifestanti antirazzisti hanno demolito la statua e l’hanno scaricata nel porto di Bristol nel giugno 2020 tra le proteste globali scatenate dalla polizia per l’uccisione di un uomo di colore americano, George Floyd.

Quattro persone sono state accusate di danni penali nell’incidente con il taglio della statua e saranno processate la prossima settimana.

“Ho realizzato alcune magliette commemorative per celebrare l’occasione”, ha detto Banksy sui social media venerdì. “Disponibile in vari punti vendita della città da domani. Tutto va agli accusati perché possano farsi una pinta.”

Banksy ha affermato che le magliette costano 25 sterline egiziane ($ 33) e sono limitate a una per cliente.

L’identità di Banksy non è mai stata confermata, ma ha iniziato la sua carriera spruzzando muri e ponti a Bristol, una città portuale nel sud-ovest dell’Inghilterra. Alcune sue opere sono state vendute all’asta per milioni di dollari.

Colston fece una fortuna trasportando schiavi africani attraverso l’Atlantico verso le Americhe su navi con base a Bristol. Era un importante benefattore di Bristol, con strade e istituzioni a lui intitolate – alcune delle quali sono state ribattezzate da quando il taglio della statua ha acceso il dibattito sul razzismo e la commemorazione storica.

READ  Coronavirus: allarme in Germania, morti 962 in più. Formula Covid: scontri a Dover

Le autorità cittadine hanno recuperato la statua di Colston dal porto e hanno detto che sarà collocata in un museo, insieme ai segni della dimostrazione di Black Lives Matter.

var addthis_config = {services_exclude: "facebook,facebook_like,twitter,google_plusone"}; jQuery(document).ready( function(){ window.fbAsyncInit = function() { FB.init({ appId : '404047912964744', // App ID channelUrl : 'https://static.ctvnews.ca/bellmedia/common/channel.html', // Channel File status : true, // check login status cookie : true, // enable cookies to allow the server to access the session xfbml : true // parse XFBML }); FB.Event.subscribe("edge.create", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_like_btn_click'); });

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); }; requiresDependency('https://s7.addthis.com/js/250/addthis_widget.js#async=1', function(){ addthis.init(); }); var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=404047912964744', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x