La Marina americana afferma di aver sparato colpi di avvertimento alle navi iraniane nel Golfo Notizie dal Medio Oriente

Gli Stati Uniti dicono che le navi del Corpo della Guardia Rivoluzionaria Iraniana si sono avvicinate alle navi della Marina e della Guardia Costiera degli Stati Uniti lunedì sera.

La Marina americana ha detto di aver sparato colpi di avvertimento contro le navi della Guardia rivoluzionaria iraniana nel Golfo, accusando le navi della Guardia rivoluzionaria iraniana di avvicinarsi alle navi statunitensi in acque internazionali.

a dichiarazione La quinta flotta degli Stati Uniti ha detto, martedì, che tre navi della Guardia rivoluzionaria iraniana si sono avvicinate lunedì sera a una nave pattuglia della Marina americana e alla nave della Guardia costiera statunitense.

“Gli equipaggi degli Stati Uniti hanno emesso molteplici avvertimenti via radio da ponte a ponte e altoparlanti, ma le navi della Guardia rivoluzionaria iraniana hanno continuato le loro manovre da vicino”, si legge nel comunicato.

“equipaggio [US navy patrol ship] Firebolt ha quindi sparato colpi di avvertimento e le navi della Guardia rivoluzionaria iraniana si sono spostate a una distanza di sicurezza dalle navi americane “.

Questo è il secondo scontro tra le marine statunitensi e iraniane nelle acque del Golfo questo mese, dopo quasi un anno senza tali incidenti.

All’inizio di questa settimana, la Marina degli Stati Uniti ha pubblicato un filmato datato 2 aprile che mostra una nave guidata dalla Guardia rivoluzionaria iraniana di fronte alla USCGC Monomoy, causando il blocco improvviso della nave della Guardia costiera statunitense a causa del fumo del motore.

L’Iran non ha riconosciuto immediatamente quello scontro, che non ha provocato feriti o danni.

La barca da attacco veloce iraniana più vicina a terra che ha raggiunto le navi statunitensi era di 62 metri durante l’incidente di lunedì notte.

READ  Mongolia: l'anticiclone russo-siberiano porta un record assoluto per la pressione atmosferica

Iran e Stati Uniti sono impegnati in colloqui indiretti in corso per un possibile ritorno all’accordo nucleare iraniano del 2015.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato unilateralmente dallo storico accordo nel 2018 a favore di una strategia di “massima pressione” contro Teheran, aumentando le tensioni tra i due paesi.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha promesso di rinnovare la diplomazia con l’Iran e le potenze mondiali sperano di riportare i due paesi al pieno rispetto dell’accordo, formalmente noto come Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA).

Martedì scorso, il comandante delle forze statunitensi in Medio Oriente ha affermato che l’esercito americano è stato attento a non consentire che gli incidenti con la Marina della Guardia rivoluzionaria iraniana si trasformassero in rappresaglie reciproche anche se non ha parlato specificamente dell’interazione di lunedì.

“Le attività che di solito vediamo dalla Marina del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane non sono necessariamente attività dirette dalla Guida Suprema o dallo Stato iraniano, ma piuttosto azioni irresponsabili da parte dei comandanti locali del sito”, ha detto il generale Kenneth McKenzie, comandante del Comando centrale degli Stati Uniti.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x