La missione della NASA ingrandirà con un asteroide prima di restituire un campione sulla Terra

Un veicolo spaziale della NASA che ha campionato un asteroide per 200 milioni di miglia (321 milioni di km) ha ora un piano per tornare a casa.

Questa settimana, i funzionari della NASA hanno annunciato che la sonda spaziale Osiris Rex della NASA lascerà l’asteroide vicino alla Terra Bennu e inizierà un viaggio di quasi tre anni verso la Terra.

Il veicolo spaziale, formalmente noto come Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security e Regolith Explorer, sta trasportando un enorme campione che ha raccolto dalla superficie dell’asteroide a ottobre. L’obiettivo della missione era raccogliere 60 grammi o 2 once di materiale – e sebbene gli scienziati non lo sapranno con certezza fino a quando non lo apriranno, l’evento di raccolta sembra aver superato questo obiettivo. La regolite è uno strato di polvere e rocce rotte sulla superficie di asteroidi e pianeti.

Un campione prelevato dall’asteroide potrebbe fare più luce sulla formazione del sistema solare e su come elementi come l’acqua potrebbero aver raggiunto la Terra in precedenza attraverso gli impatti di questi resti rocciosi.

Quando Osiris Rex lascerà Benno a maggio, inizierà un viaggio di 200 milioni di miglia (321 milioni di km) di ritorno sulla Terra. Il campione dovrebbe essere consegnato sulla Terra il 24 settembre 2023.

La sonda è arrivata per la prima volta per dare un’occhiata più da vicino a Bennu nel 2018 e da allora ha orbitato attorno all’asteroide. Daremo un’ultima occhiata all’asteroide prima che l’astronave saluti il ​​suo unico compagno nello spazio negli ultimi anni.

Ad aprile, il veicolo spaziale effettuerà un sorvolo finale dell’asteroide per vedere come il contatto del veicolo spaziale con la superficie di Bennu potrebbe aver alterato la posizione di raccolta del campione.

READ  Gli astronauti inviano un messaggio natalizio di speranza sulla Terra dalla Stazione Spaziale Internazionale

In origine, Osiride avrebbe dovuto lasciare Rex Pino a marzo.

“Lasciare la vicina Bennu a maggio ci mette nel” posto perfetto “, quando la manovra di partenza consuma la minima quantità di carburante a bordo della navicella, ha detto Michael Morrow, vicedirettore del progetto per OSIRIS-REx al Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt. Maryland in una dichiarazione.

“Tuttavia, con un cambio di velocità di oltre 265 metri al secondo, questa sarà la più grande manovra di propulsione condotta da OSIRIS-REx da quando si è avvicinato a Bennu nell’ottobre 2018”.

Volare all’inizio di aprile non faceva parte della missione all’inizio, quindi partire a maggio concede più tempo per l’ultimo sguardo.

Se tutto va secondo i piani, Osiris Rex sorvolerà il sito del campione, chiamato Nightingale, a due miglia (3,2 chilometri) di distanza.

Quando la testa di raccolta del campione sul braccio della navicella è scesa sulla superficie dell’asteroide in ottobre, in realtà è affondata di circa 1,6 piedi (0,48 metri) sotto il materiale sull’asteroide. Questo evento è stato chiamato TAG o Touch and Go.

La navicella ha anche lanciato le sue eliche per allontanarsi in sicurezza dall’asteroide.

È possibile che questi due eventi abbiano causato la formazione di materiale sulla superficie dell’asteroide e alterato l’aspetto del sito dell’usignolo.

Questo volo sarà simile a quello che Osiris Rex ha fatto a Benno per circa un anno prima che il team della missione decidesse un luogo adatto per atterrare e raccogliere un campione.

La sonda osserverà la rotazione completa di Pino, inclusi gli emisferi settentrionale e meridionale e l’equatore, e quelle immagini possono essere confrontate con le immagini raccolte nel 2019.

READ  Ricercatori statunitensi hanno scoperto una nuova classe di cellule di memoria nel cervello

Il flyby serve anche come un buon test per gli strumenti scientifici su OSIRIS-REx, che potrebbero essere stati coperti di polvere durante la raccolta del campione. La navicella spaziale potrebbe avere un futuro che va oltre questa missione se tutto va bene perché semplicemente lascerà il campione sulla Terra e non atterrerà mai più sul pianeta.

Una volta che OSIRIS-REx si avvicinerà alla Terra nel 2023, smaltirà la capsula contenente il campione, che sparerà attraverso l’atmosfera terrestre e si paracaduterà nel deserto dello Utah.

Il team sarà a disposizione per recuperare il campione dall’hangar che servirà da camera bianca temporanea. Il campione verrà quindi trasportato ai laboratori attualmente in costruzione presso il Johnson Space Center di Houston.

“Osiris-Rex ha davvero presentato una scienza incredibile”, ha detto Lori Glaze, direttore della scienza planetaria della NASA, in una dichiarazione. “Siamo davvero entusiasti che la missione stia pianificando un altro volo osservativo dell’asteroide Bennu per fornire nuove informazioni su come l’asteroide sta rispondendo al TAG e per fare un addio appropriato”.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x