La morte di Benedetto apre la strada a Papa Francesco per andare in pensione in età avanzata in futuro

Sei mesi fa, papa Francesco ha spazzato via la speculazione che stesse per dimettersi per problemi di salute, ma anche se ha giocato con l’idea, ha incontrato un grosso ostacolo: c’era già un altro ex papa in pensione.

La morte sabato di Benedetto, che nel 2013 è diventato il primo papa in 600 anni a dimettersi invece di governare a vita, dovrebbe rendere più facile qualsiasi decisione di dimettersi per Francesco e per la Chiesa, che ha lottato abbastanza per avere “due papi, ” figuriamoci tre: due in pensione e un sovrano. Uno. Potrebbe anche spingere l’attuale papa a rivedere ciò che accade ai futuri papi che decidono di abbandonare l’incarico a causa della loro età avanzata piuttosto che morire.

Francesco ora ha 86 anni, un anno in più di Benedetto quando andò in pensione. Nonostante abbia bisogno di un bastone e di una sedia a rotelle, non mostra alcun segno di rallentamento. Questo mese sono previsti viaggi in Africa e in Portogallo ad agosto. Ha chiarito che non esiterebbe a dimettersi un giorno se la sua salute mentale o fisica gli impedisse di guidare la chiesa di 1,3 miliardi di membri. In un’intervista alla Reuters del 2 luglio, ha smentito le voci di un’imminente dimissione. “Non mi è mai venuto in mente”, ha detto, respingendo le voci tra i diplomatici secondo cui aveva il cancro.

Nell’ultimo mese, i media cattolici e alcuni media laici sono stati presi da una frenesia con notizie non supportate e tweet frivoli che ipotizzavano che avrebbe fatto coming out.

entro pochi mesi. Ma mentre si avvicina al decimo anniversario della sua elezione a marzo, e quattro anni dopo il suo nono decennio, le possibilità di dimettersi aumenteranno.

READ  Ecco come appare una villa in stile villa italiana da 11 milioni di dollari a Thornhill

La legge ecclesiastica prevede che il papa possa dimettersi ma la decisione deve essere presa senza pressioni esterne, una precauzione che risale ai secoli in cui i governanti europei influenzavano il papato. Non è più inimmaginabile

Ora che la lunga durata della vita ha reso impensabili le dimissioni papali, ci sono stati ripetuti appelli da parte dei leader ecclesiastici a regolarizzare il ruolo dei papi del passato, in parte a causa della confusione causata da due uomini in bianco che vivono in Vaticano. Il mese scorso Francesco ha dichiarato a un quotidiano spagnolo di non avere alcuna intenzione di definire lo status giuridico dei papi titolari, sebbene in precedenza avesse indicato in privato che un dicastero vaticano avrebbe potuto scrivere tali regole.

Il cardinale australiano George Pell, un conservatore vicino a Benedetto, ha scritto che mentre un papa in pensione potrebbe mantenere il titolo di “papa emerito”, dovrebbe tornare ad essere cardinale ed essere conosciuto come “cardinale (titolo), papa emerito”. e Pell ha detto.Ha anche detto che un papa precedente non dovrebbe vestirsi di bianco, come ha fatto Benedetto XVI, dicendo a Reuters in un’intervista del 2020 che era importante per i cattolici chiarire che “c’è un solo papa”.

Gli accademici e gli avvocati ecclesiastici dell’Università italiana di Bologna che hanno studiato il caso affermano che la chiesa non può rischiare che appaiano anche “due teste o due re” e hanno proposto una serie di regole. Dicono che l’ex papa non dovrebbe tornare ad essere cardinale, come suggerisce Pell, ma essere chiamato “vescovo emerito di Roma”.

READ  Recensione del Summit of the Gods: nelle alture (montagna)

È esattamente come vuole essere chiamato, ha detto Francis a Reuters a luglio. In questo caso, potrebbe non essere necessaria una nuova legislazione, che sarebbe quindi soggetta alle norme esistenti che riguardano i vescovi a riposo.

L’attuale normativa prevede che i vescovi titolari “evitino ogni situazione e rapporto che possa suggerire un qualche tipo di autorità parallela a quella del vescovo diocesano, con conseguenze devastanti per la vita pastorale e l’unità della comunità diocesana”. Benché in pensione, Benedetto ha scritto, rilasciato interviste e, consapevolmente o no, è diventato motivo di preoccupazione per gli oppositori di papa Francesco, sia per motivi dottrinali sia perché erano restii a rinunciare ai privilegi religiosi che il nuovo papa voleva smantellare.

Francesco ha detto a Reuters che non sarebbe rimasto in Vaticano né sarebbe tornato a casa in Argentina, ma avrebbe vissuto modestamente nella casa di un prete in pensione nella capitale italiana “perché è la mia diocesi”. Ha detto che voleva essere vicino a una grande chiesa in modo da poter trascorrere i suoi ultimi giorni ascoltando le confessioni.

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è stata generata automaticamente da un feed sindacato.)

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x