La NASA ha rilasciato un’immagine segreta di Giove tra le prime immagini del James Webb Deep Space Telescope

  • Due nuove immagini di Giove sono state scattate dal telescopio spaziale James Webb della NASA da 10 miliardi di dollari.
  • La NASA ha rilasciato silenziosamente le immagini nel rapporto di messa in servizio del telescopio di ieri
  • Tre delle lune di Giove – Europa, Tebe e Metis – e gli anelli della Grande Macchia Rossa appaiono sulla loro superficie.

Gli appassionati di spazio in tutto il mondo sono rimasti scioccati dalle stelle della prima serie di immagini a colori scattate dal James Webb Space Telescope (JWST) della NASA, pubblicato ieri.

Ma ciò che non hanno scoperto nascosto tra il rapporto di messa in servizio di 60 pagine sono due nuove immagini di Giove.

Il telescopio ha catturato gli scatti luminosi del gigante gassoso – il più vicino alla Terra nel nostro sistema solare – quando era in fase di test.

Gli anelli di Giove sono mostrati oltre a tre delle sue lune; Europa, Tebe e Metis.

L’ombra di Europa può essere vista anche sull’immagine chiamata “F212N”, proprio accanto alla famigerata Grande Macchia Rossa.

La Grande Macchia Rossa è un massiccio sistema temporalesco di lunga durata situato a 22 gradi a sud dell’equatore di Giove, che produce venti fino a 268 mph (432 km/h).

Un’immagine NIRCam a lunghezza d’onda corta di Giove ripresa dal telescopio spaziale James Webb della NASA, che mostra le lune Tebe, Europa e Metis e la Grande Macchia Rossa sulla superficie del pianeta. Catturato con un filtro F212N che evidenzia la luce a una lunghezza d’onda di 2,12 μm
Immagine NIRCam a onde corte di Giove ripresa dal telescopio spaziale James Webb della NASA, che mostra le lune Tebe, Europa e Metis. Catturato con un filtro F323N che evidenzia a una lunghezza d’onda di 3,23 μm
Il rapporto di messa in servizio afferma che le immagini “hanno dimostrato che JWST può tracciare bersagli in movimento anche quando c’è luce diffusa dal luminoso Giove”.
Mostra anche la sua capacità di catturare dettagli come anelli e lune attorno a pianeti luminosi

Acquirente: le basi

Giove è il quinto pianeta dal Sole e il più grande del nostro sistema solare.

È un’enorme palla di gas composta principalmente da idrogeno ed elio con alcuni elementi pesanti.

“Le striature e i vortici familiari a Giove sono in realtà nuvole fredde e tempestose di ammoniaca e acqua, che galleggiano in un’atmosfera di idrogeno ed elio”, ha affermato la NASA.

“La Grande Macchia Rossa di Giove è una tempesta gigante più grande della Terra ed erutta da centinaia di anni”.

Il pianeta è grande il doppio dell’altro pianeta messo insieme e la Grande Macchia Rossa da sola è abbastanza grande da contenere l’intera Terra all’interno.

Un veicolo spaziale, l’orbiter Juno della NASA, sta attualmente esplorando questo mondo gigantesco.

fatti e cifre

distanza dal sole: 750 milioni di km

orbitale: 12 anni

superficie: 61,42 miliardi di chilometri quadrati

raggio: 69.911 km

Messa: 1.898 x 10^27 kg (317,8 m3)

Durata della giornata: 0 giorni 9 h 56 g

lune: 53 con designazioni ufficiali; Satelliti aggiuntivi illimitati

Le due immagini sono state scattate dalla Near Infrared Camera (NIRCam) di JWST e ciascuna utilizza un filtro diverso per distinguere lunghezze d’onda discrete della luce.

Il rapporto afferma che le immagini “hanno rivelato che il pianeta Terra giapponese (JWST) può tracciare bersagli in movimento anche quando c’è luce diffusa dal luminoso Giove”.

Gioviano significa “simile a Giove” e descrive Giove, Saturno, Urano e Nettuno nel nostro sistema solare.

La NASA ha selezionato nove obiettivi per testare la capacità del telescopio di tracciare oggetti in rapido movimento, che si muovono a velocità fino a 67 millisecondi al secondo.

Altri strumenti testati a bordo sono stati l’imager nel vicino infrarosso, lo spettrometro non clivato (NIRISS) e lo strumento nel medio infrarosso (MIRI), che rilevano e quantificano diverse lunghezze d’onda.

Giove era l’obiettivo più lento, con una velocità di 3,3 millisecondi al secondo, ma tutti i test hanno avuto successo.

Queste immagini mostrano anche la loro capacità di catturare dettagli come gli anelli e le lune attorno ai pianeti luminosi.

Il rapporto di messa in servizio spiega: “Osservare un pianeta luminoso, le sue lune e i suoi anelli doveva essere difficile, a causa della luce diffusa che poteva influenzare lo strumento scientifico utilizzato, ma il sensore di guida di precisione (FGS) deve anche tracciare le stelle guida vicino al pianeta luminoso”, spiega il rapporto di messa in servizio.

Queste osservazioni hanno corroborato l’aspettativa che il processo di acquisizione della stella guida funzioni con successo fintanto che Giove si trova ad almeno 140″ di distanza dall’FGS, coerentemente con la modellazione pre-volo”.

Il successo in questo test apre la possibilità al telescopio di tracciare asteroidi vicini alla Terra (NEA), comete e altri oggetti interstellari.

Il rapporto di messa in servizio riassume sei mesi di test strumentali JWST ed è stato rilasciato ieri con la prima serie ufficiale di immagini dello spazio profondo.

Gli autori hanno scritto: “Il risultato principale di sei mesi dopo la messa in servizio è questo: JWST è pienamente in grado di realizzare le scoperte per le quali è stato costruito.

“JWST” è concepito per consentire scoperte fondamentali nella nostra comprensione della formazione e dell’evoluzione di galassie, stelle e sistemi planetari,

“Ora sappiamo per certo che lo farà.”

Gli utenti di Twitter sono rimasti scioccati nel trovare la foto dell’acquirente nascosta nel rapporto di messa in servizio
Sia gli accademici che gli appassionati di spazio sono sbalorditi dalle immagini abbaglianti di JWST
Immagini abbaglianti e senza precedenti di un “vivaio stellare”, una stella morente ricoperta di polvere e una “danza cosmica” tra un gruppo di galassie sono state rivelate dal nuovo Superspace Telescope della NASA. Tra questi c’è un’immagine che rivela piccole stelle nella Nebulosa Carina (nella foto), dove i raggi ultravioletti e i venti stellari formano enormi pareti di polvere e gas.
Le telecamere a bordo di Webb hanno catturato l’ultima immagine di questa nebulosa planetaria, classificata come NGC 3132, informalmente conosciuta come la Nebulosa dell’Anello Meridionale. Dista circa 2500 anni luce. Una foto è stata scattata nel vicino infrarosso (a sinistra) e una nel medio infrarosso (a destra)

Strumenti sul telescopio JAMES WEBB

Nircam (Near InfraRed Camera) Infrarossi dal bordo del visibile tramite il vicino infrarosso

NIR (Vicino allo spettrografo a infrarossi) Eseguirà anche la spettroscopia sulla stessa gamma di lunghezze d’onda.

Maria (Strumento Mid-InfraRed) Misura la gamma di lunghezze d’onda dell’infrarosso medio-lungo da 5 a 27 micrometri.

FGS/Neris (Sensore di orientamento di precisione, Imaging nel vicino infrarosso e Spettrofotometro senza fenditura), utilizzato per stabilizzare la linea di vista dell’osservatorio durante le osservazioni scientifiche.

Gli esperti della NASA hanno rivelato le prime cinque immagini ufficiali dello spazio profondo scattate da JWST in una conferenza stampa globale.

Queste immagini includevano un “vivaio stellare”, una stella morente ricoperta di polvere e una “danza cosmica” tra un gruppo di galassie.

Le capacità a infrarossi di Webb gli consentono di “vedere il tempo passato” entro soli 100-200 milioni di anni dal Big Bang, permettendogli di scattare foto delle prime stelle a brillare nell’universo più di 13,5 miliardi di anni fa.

Le sue prime immagini di nebulose, esopianeti e ammassi galattici hanno suscitato grandi celebrazioni nel mondo scientifico, in quella che è stata salutata come una “Grande Giornata per l’Umanità”.

Tra le scoperte annunciate dalla NASA c’era che gli scienziati hanno visto vapore acqueo nell’atmosfera di un esopianeta a più di 1.000 anni luce dalla Terra.

Webb ha rilevato la caratteristica impronta digitale dell’acqua, insieme a prove di nuvole e nebbia, nell’atmosfera che circonda WASP-96 b, un pianeta gigante gassoso caldo e gonfio che orbita attorno a una stella lontana simile al sole ogni 3,4 giorni.

È la prima analisi spettroscopica dell’atmosfera di un esopianeta. WASP-96 b ha circa la metà della massa di Giove e la sua scoperta è stata annunciata nel 2014.

Una delle cinque straordinarie immagini rilasciate mostra una nebulosa planetaria causata da una stella morente, un destino che attende il nostro sole in un lontano futuro.

Con un diametro di circa mezzo anno luce e circa 2.500 anni luce dalla Terra, la Nebulosa Anello Meridionale può essere vista con dettagli sbalorditivi mai visti prima.

C’è un’altra immagine del Quintetto di Stefan, che si trova nella costellazione di Pegaso ed è noto come il primo gruppo compatto di galassie scoperto nel 1877.

Una delle immagini è del Quintetto di Stephan, che si trova nella costellazione di Pegaso ed è noto come il primo gruppo compatto di galassie scoperto nel 1877.
Nella visione a medio infrarosso del Pentagramma di Stefan, la ragnatela di polvere penetra, fornendo nuove informazioni su come interazioni come queste hanno guidato l’evoluzione delle galassie nell’universo primordiale.
Nell’immagine, la prima immagine del telescopio spaziale James Webb, mostra SMACS 0723, un gruppo di galassie a miliardi di anni luce dalla Terra.

Telescopio James Webb

Il James Webb Telescope è stato descritto come una “macchina del tempo” che potrebbe aiutare a svelare i segreti del nostro universo.

Il telescopio sarà utilizzato per osservare le prime galassie nate nell’universo primordiale più di 13,5 miliardi di anni fa e per osservare le sorgenti di stelle, esopianeti e persino lune e pianeti del nostro sistema solare.

Il telescopio James Webb e la maggior parte dei suoi strumenti hanno una temperatura di circa 40 K – circa meno 387 gradi Fahrenheit (meno 233 gradi Celsius).

È il più grande e potente telescopio spaziale orbitante al mondo, in grado di guardare indietro di 100-200 milioni di anni dopo il Big Bang.

L’osservatorio a infrarossi orbitante è progettato per essere circa 100 volte più potente del suo predecessore, il telescopio spaziale Hubble.

Alla NASA piace pensare a James Webb come a un successore di Hubble piuttosto che a un sostituto, poiché i due lavoreranno insieme per un po’.

Il telescopio Hubble è stato lanciato il 24 aprile 1990 tramite lo space shuttle Discovery dal Kennedy Space Center in Florida.

Orbita intorno alla Terra a circa 17.000 miglia orarie (27.300 chilometri orari) in un’orbita terrestre bassa ad un’altitudine di circa 340 miglia.

READ  La missione di turismo spaziale Ax-1 ha bisogno di bel tempo per essere lanciata

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x