La NASA raccoglie i nomi per l’invio nello spazio a bordo della capsula Orion sulla luna, notizie scientifiche

La National Aeronautics and Space Administration (NASA) sta raccogliendo nomi da inserire su una chiavetta USB che volerà a bordo dell’Artemis I.

Artemis I sarà il primo test di volo senza pilota del razzo Space Launch System e della navicella spaziale Orion.

Il volo apre la strada all’atterraggio della prima donna e prima persona di colore sulla luna.

Leggi anche | La NASA ha finalmente deciso di aprire il campione lunare sigillato dal 1972

“Aggiungere il proprio nome su un’unità flash è gratuito”, ha affermato la portavoce della NASA Kathryn Hambleton.

“Ci auguriamo che questo sia un modo per entusiasmare le persone, educarle e ispirare la prossima generazione, la generazione di Artemis”, ha affermato Hambleton.

Dall’apertura delle domande all’inizio di questo mese, la NASA ha già ricevuto più di 1 milione di nomi, secondo Hambleton.

“Speriamo di mantenere questo slancio per poco più di una settimana fa… per raccogliere più nomi e generare più entusiasmo dalle persone di tutto il mondo che saranno in movimento per impostazione predefinita”, ha affermato.

Vedi anche | Perché il business spaziale sta diventando l’ultima frontiera redditizia?

L’agenzia spaziale statunitense prevede di fissare una data a maggio o giugno. Tutti gli occhi saranno puntati sull’Historic Launch Complex 39B quando Orion e lo Space Launch System (SLS) decolleranno per la prima volta dal Kennedy Space Center della NASA in Florida.

Un ingranaggio conico alto 30 piedi collega gli stadi di spinta superiore e inferiore del razzo Space Launch System (SLS). Il convertitore contiene anche un motore RL10 che alimenta uno stadio di spinta criogenico temporaneo che invierà l’Orion su un percorso preciso verso la Luna.

READ  Lunedì la "Stella di Natale" è apparsa nel cielo per la prima volta in 800 anni: come vedere un meraviglioso collegamento se il tempo lo permette

Artemis I sarà il primo di una serie di missioni sempre più complesse a costruire una presenza umana a lungo termine sulla Luna per i decenni a venire.

La NASA prevede di costruire habitat lunari e utilizzare le lezioni apprese lì per future missioni su Marte negli anni ’30.

Gli osservatori sono incoraggiati dal fatto che il programma lanciato dall’ex presidente Donald Trump sia continuato sotto Joe Biden, anche se non ha espresso il suo sostegno.

(con il contributo delle agenzie)

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x