― Advertisement ―

spot_img
HomescienceLa navicella spaziale giapponese Akatsuki, unica missione su Venere, scompare

La navicella spaziale giapponese Akatsuki, unica missione su Venere, scompare

La Japan Aerospace Exploration Agency ha confermato che l’unica missione umana su Venere è nel limbo dopo che un veicolo spaziale giapponese è andato perduto il mese scorso.

L'agenzia spaziale giapponese JAXA ha dichiarato di aver perso i contatti con la navicella spaziale Venus Climate Orbiter che stava orbitando attorno al pianeta terrestre.

La Japan Aerospace Exploration Agency ha dichiarato sulla sua pagina che la sonda, denominata Akatsuki, ha perso il contatto alla fine di aprile durante le operazioni a causa delle difficoltà nel mantenere la sua posizione. sito web. La navicella spaziale era in una modalità di controllo che non è riuscita a fornire un'elevata precisione per un lungo periodo di tempo.

I funzionari non sono stati in grado di ripristinare il servizio attraverso varie procedure, ma l'agenzia ha affermato che “stanno attualmente lavorando per ripristinare le comunicazioni”.

La sonda ha già superato la durata prevista

La sonda ha già superato la durata di 4,5 anni per cui era stata progettata dal suo lancio nel 2010. I funzionari stanno attualmente decidendo come gestire le fasi successive del processo di indagine.

“Stiamo attualmente valutando la nostra risposta futura. Annunceremo la nostra politica una volta che l'avremo decisa”, ha affermato nell'aggiornamento la Japan Aerospace Exploration Agency.

La prima sonda spaziale giapponese è stata lanciata il 21 maggio 2010 a bordo di un razzo H2-A diretto su Venere. È entrata nell'orbita del pianeta il 7 dicembre 2015, dopo un precedente tentativo nel 2010. L'obiettivo della sonda era confermare la presenza di fulmini in nubi dense e cercare segni di vulcani attivi.

READ  La NASA prevede di lanciare il suo massiccio missile lunare SLS questo mese

Akatsuki è l'unica sonda operativa su Venere. Gli altri due rover solari che volano attorno a Venere, di cui uno realizzato dalla NASA e un altro realizzato dall’Agenzia spaziale europea, non erano destinati ad esaminare il pianeta.