La nuova immagine risponde a molte domande sul buco nero nella nostra galassia e svela alcuni misteri

dopo di più Più di cinque anni di modellazione e analisi dei dati e persino di dischi rigidi in tutto il mondo, come hanno fatto gli astronomi finalmente rilasciato Il primo scatto di un buco nero al centro della nostra galassia.

Gli astronomi sospettavano da tempo che una cena invisibile a circa 27.000 anni luce dalla Terra stesse divorando la luce delle stelle, ma la nuova immagine è la prima conferma concreta di questa intuizione. il nome della cosa Sagittario A*o Sgr A* in breve, questo buco nero supermassiccio appare come una torta circolare nella sua immagine con diversi punti luce sul dorso.

Lindy Blackburn Radioastronomo al Centro di Astrofisica | Harvard & Smithsonian e uno degli scienziati responsabili dell’analisi dei dati raccolti attraverso la collaborazione Event Horizon Telescope (EHT), che ha preso e raccolto l’ultima immagine. Oltre alle meraviglie dell’immagine stessa, Blackburn afferma che questa scoperta giocherà anche un ruolo importante nel far progredire la comprensione scientifica dei buchi neri.

“Ora che sappiamo che è possibile visualizzare il buco nero al centro della nostra galassia, stiamo lavorando alla prossima generazione di EHT”, afferma Blackburn.

Prima dell’immagine EHT, l’immagine centrale del telescopio a raggi X Chandra della NASA era uno dei migliori scorci del misterioso buco nero al centro della nostra galassia. Raggi X: NASA/CXC/SAO; Infrarossi: NASA/HST/STScI. Riquadro: Radio (Collaborazione EHT))

Ciò che gli scienziati hanno capito bene – I buchi neri nella fantascienza sono spesso rappresentati come vuoti di vortici o buchi neri pronti per spazzare i veicoli spaziali sopra il loro orizzonte degli eventi fino a un punto di non ritorno, a differenza degli antichi esploratori mitologici che cadono dal bordo della Terra piatta.

READ  Spaceflight porterà i carichi utili di Orbit Fab e GeoJump in orbita lunare il prossimo anno - TechCrunch

Tuttavia, il recente lavoro pionieristico dell’EHT ha dimostrato che questa immagine potrebbe essere un po’ elastica. Grazie alla prima immagine della collaborazione del buco nero M87 rilasciata nel 2019, gli astronomi hanno pensato che i buchi neri sembrassero effettivamente una torta, con l’oscurità al centro e all’esterno. Poiché gli stessi buchi neri sono ancora invisibili a noi e ai nostri telescopi, la forma della ciambella evidenzia effettivamente il calore emesso dalla materia mentre orbita attorno al buco nero.

Dato che Sgr A* ha la stessa forma circolare di M87 ha confermato agli astronomi che i buchi neri supermassicci di diverse dimensioni – M87 è più di 1.000 volte più grande – hanno la stessa struttura generale. Blackburn dice che l’emergere di Sgr A* ha confermato anche alcune vecchie teorie scientifiche.

“Una delle caratteristiche più sorprendenti dell’immagine di Sgr A* è che la dimensione del suo anello di emissione lenticolare corrisponde esattamente a quella prevista dalla relatività generale”, afferma.

Blackburn afferma anche che le macchie di luce su Sgr A* non erano sorprendenti e potrebbero riflettere il plasma dinamico che circonda il buco nero.

“Ci aspettiamo che queste caratteristiche varino nel corso della notte”, afferma. “Le osservazioni future dovrebbero rivelare se questo è davvero il caso”.

alcune sorprese – Tuttavia, non tutti i risultati di Sgr A* sono stati esattamente quelli che gli scienziati si aspettavano. La prima sorpresa è stata la “distribuzione della luminosità relativamente uguale” dell’anello, suggerendo che potrebbe essere orientato frontalmente con il suo asse di rotazione puntato verso la Terra. Blackburn afferma anche che il buco nero è “stranamente” inclinato rispetto al piano medio della galassia.

READ  Avvertimento per la salute al chiuso di attività insolite di rabbia nel distretto dei laghi di Kootenai - Nelson Star

Un’altra scoperta inaspettata rivelata dall’imaging di Sgr A* è che il livello di contrasto in alcune sue misurazioni era inferiore a quanto previsto dalle simulazioni al computer.

Ciò significa che “c’è qualcosa che non comprendiamo completamente sul comportamento del plasma nel flusso di accrescimento”, afferma Blackburn.

I dischi di accrescimento attorno ai buchi neri sono le briciole disordinate lasciate quando si divorano i pasti. Una migliore comprensione di questi dischi potrebbe aiutare gli scienziati a studiare il comportamento dei buchi neri nel loro insieme, un argomento che rimane pieno di misteri.

Qual è il prossimo – Con due buchi neri risolti con successo, Blackburn afferma che l’EHT ha grandi progetti su come studiare questi oggetti in seguito.

“Stiamo lavorando per un EHT di prossima generazione che sarà effettivamente in grado di catturare film da una sorgente a frequenze multiple, rivelando la dinamica del flusso verso l’interno e verso l’esterno vicino al confine del buco nero, nonché la natura dei bagliori”, ha affermato. dice.

Una cosa è certa: la scienza dei buchi neri diventerà ancora più eccitante nei prossimi anni.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x