La parte dell’Apollo 11 che ha permesso ad Armstrong, Aldrin di tornare in sicurezza dalla superficie lunare potrebbe ancora orbitare intorno alla Luna

La storia è cambiata per sempre dopo che Neil Armstrong ha detto: “L’aquila è atterrata”, ma un nuovo studio suggerisce che parte del modulo lunare Apollo 11 “Eagle” (LM), che si pensava si fosse schiantato sulla luna, potrebbe essere ancora in orbita attorno al luna, industriale celeste.

L’appassionato spaziale californiano James Medor ha condotto simulazioni dell’orbita prevista della fase di ascesa del satellite utilizzando il General Mission Analysis Tool (GMAT), sviluppato dalla NASA come parte del veicolo spaziale GRAIL, e ha scoperto che potrebbe ancora orbitare intorno alla luna a circa 100 chilometri, lo stesso La distanza che hai lasciato.

“Questi risultati indicano che ‘Eagle’ potrebbe rimanere in orbita intorno alla Luna oggi”, ha scritto Medor. studio.

Un nuovo studio ha rivelato che la fase di ascesa del modulo lunare “Eagle” dell’Apollo 11 potrebbe continuare a orbitare attorno alla luna. Può orbitare intorno alla luna a una distanza di circa 100 chilometri, che è la stessa distanza che ha lasciato

La simulazione di MIDOR mostra che l’altezza critica dell’aquila nei periodi 1969-1970 e 2019-2020 era più o meno la stessa.

La simulazione MIDOR mostra che l'altezza critica dell'aquila nei periodi 1969-1970 e 2019-2020 era quasi la stessa

La simulazione MIDOR mostra che l’altezza critica dell’aquila nei periodi 1969-1970 e 2019-2020 era quasi la stessa

Il 21 luglio, Armstrong e Aldrin hanno usato la fase di salita per incontrarsi con l'unità di comando della Columbia

Il 21 luglio, Armstrong e Aldrin hanno usato la fase di salita per incontrarsi con l’unità di comando della Columbia

Si presume che il modulo lunare si sia schiantato sulla superficie della luna, ma il suo destino è sconosciuto

Si presume che il modulo lunare si sia schiantato sulla superficie della luna, ma il suo destino è sconosciuto

Scorri verso il basso per il video

Ha continuato: “Sebbene siano possibili esiti catastrofici, c’è qualche possibilità che questa macchina abbia raggiunto uno stato di inattività, permettendole di rimanere in orbita fino ad oggi. In tal caso, dovrebbe essere rilevabile dal radar, in modo simile al modo in cui l’Indian Lunar Orbiter Chandrayaan-1 è stato trasportato in volo nel 2016 (JPL, 2017).

L’analisi approssimativa indica che l’aquila sarà più di 125 [kilometers] sopra la superficie a circa 25 [percent] dai valichi di frontiera. Se si presume che il radar sia in grado di rilevare oggetti a questa altitudine, quattro periodi di osservazione di due ore scelti con saggezza dovrebbero fornire una copertura sufficiente per trasportare uno dei manufatti più importanti nella storia dell’esplorazione spaziale.

READ  Soldati cinesi a bordo della navicella spaziale su Marte dopo aver completato il programma

La posizione del modulo lunare su Apollo 11 è l’unico modulo lunare nelle missioni Apollo sconosciute, secondo Museo nazionale dell’aria e dello spazio Smithsonian.

Perché la fase di ascesa dell’aquila del modulo lunare è stata così importante?

La fase di ascesa dell’Eagle Lunar Module (ELM) includeva Aldrin e Armstrong, oltre a pannelli degli strumenti e controlli di volo.

Aveva il proprio motore del sistema di spinta verso l’alto, oltre a due serbatoi di spinta ad alta velocità, in modo che potesse tornare nell’orbita lunare e incontrarsi con il modulo di comando Apollo.

Inoltre, disponeva di un sistema di controllo dell’interazione che consentiva agli astronauti di controllare la propria posizione e traslazione, con 16 propulsori simili a quelli utilizzati nel modulo di servizio.

Aveva anche una presa d’aria frontale in EVA che permetteva ad Aldrin e Armstrong di salire dalla superficie lunare.

Il portello superiore e la porta di aggancio consentono l’accesso da e verso l’unità di comando.

DailyMail.com ha contattato la NASA con una richiesta di commento.

La fase di salita del mezzo da sbarco Eagle, una “unità irregolare di circa 2,8”. [meters] alta e 4,0 x 4,3 metri di larghezza, ‘secondo’ NASA, ospitando gli astronauti Armstrong e Buzz Aldrin durante la loro discesa sulla Luna e il successivo ritorno.

Il 21 luglio, Armstrong e Aldrin hanno lasciato la superficie lunare con il loro carico utile di 22 kg di roccia lunare, utilizzando la fase di ascesa per incontrare il modulo di comando della Columbia e il pilota Michael Collins, morto all’inizio di quest’anno all’età di 90 anni. .

L'astronauta dell'Apollo 11 Buzz Aldrin (nella foto) fa il suo ultimo passo dal modulo lunare Eagle alla superficie della luna

L’astronauta dell’Apollo 11 Buzz Aldrin (nella foto) fa il suo ultimo passo dal modulo lunare Eagle alla superficie della luna

Una volta saliti al modulo di comando, la fase di ascesa è stata eliminata e si è creduto a lungo che si fosse schiantata sulla superficie lunare.

Secondo la NASA, il modulo lunare si sarebbe schiantato sulla superficie lunare tra uno e quattro mesi dopo la fine della missione.

Tuttavia, il suo destino è sconosciuto dopo che è stato scaricato nell’orbita lunare il 22 luglio 1969, due giorni dopo che Armstrong e Aldrin sono saliti per la prima volta sulla luna.

In un’intervista a nuovo mondoSarebbe incredibile, ha detto Medor, se la fase di ascesa del modulo Lunar Eagle dell’Apollo 11 fosse ancora presente.

“Molte persone saranno davvero entusiaste di sapere che questa cosa è ancora là fuori”, ha detto Medor. Sarebbe fantastico riportarlo sulla Terra e metterlo in un museo.

Per quanto emozionante sarebbe stata una tale scoperta, avvertì Medor, tuttavia, la fase dell’Ascensione potrebbe essere stata completamente distrutta una volta che Armstrong e Aldrin furono al sicuro con Collins, sulla via del ritorno sulla Terra.

“Va ricordato che i moduli lunari sono stati progettati per missioni di 10 giorni e poca attenzione è stata prestata all’affidabilità a lungo termine”, ha scritto Meder nello studio.

“Per questo motivo, le perdite di carburante possono provocare eventi di propulsione o addirittura la distruzione completa in qualsiasi momento dopo lo smaltimento del veicolo”.

Lo studio è disponibile sul server di prestampa arXiv e può esserlo. ho letto qui.

Cos’è il Programma Apollo?

Questa immagine della NASA scattata il 16 luglio 1969 mostra l'enorme veicolo spaziale Apollo 11 alto 363 piedi 107 (modulo lunare S/Saturn 506) lanciato dal Pad A, Launch Complex 39. Kennedy Space Center (KSC), alle 9:32 (EST).

Questa immagine della NASA scattata il 16 luglio 1969 mostra l’enorme veicolo spaziale Apollo 11 alto 363 piedi 107 (modulo lunare S/Saturn 506) lanciato dal Pad A, Launch Complex 39. Kennedy Space Center (KSC), alle 9:32 (EST).

Apollo è stato il programma della NASA lanciato nel 1961 e che ha portato il primo uomo sulla luna otto anni dopo.

READ  Avvertimento per la salute al chiuso di attività insolite di rabbia nel distretto dei laghi di Kootenai - Nelson Star

I primi quattro voli hanno testato l’attrezzatura del programma Apollo e sei degli altri sette voli sono riusciti ad atterrare sulla luna.

La prima missione con equipaggio sulla luna è stata l’Apollo 8, che ha orbitato attorno ad essa la vigilia di Natale del 1968, ma non è atterrato.

L’equipaggio dell’Apollo 9 ha trascorso dieci giorni in orbita attorno alla Terra e ha completato il primo volo con equipaggio del modulo lunare, la parte del razzo Apollo che sarebbe poi atterrato sulla luna da Neil Armstrong.

La missione Apollo 11 fu la prima ad atterrare sulla luna il 20 luglio 1969.

La capsula è atterrata sul Mare della Tranquillità, trasportando il comandante della missione Neil Armstrong e il pilota Buzz Aldrin.

Armstrong e Aldrin hanno camminato sulla superficie lunare mentre Michael Collins è rimasto nell’orbita lunare.

Quando Armstrong divenne la prima persona a camminare sulla luna, disse: “Questo è un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l’umanità”.

Apollo 12 nello stesso anno sbarcò il 19 novembre sull’oceano delle tempeste, scrive NASA.

L’Apollo 13 doveva essere la terza missione di sbarco sulla luna, ma meno di 56 ore dopo l’inizio del volo, un’esplosione di un serbatoio di ossigeno ha costretto l’equipaggio a cancellare l’atterraggio sulla luna e trasferirsi al modulo lunare Aquarius per tornare sulla Terra.

L’Apollo 15 era la nona missione lunare con equipaggio del programma spaziale Apollo ed era considerato all’epoca il volo spaziale con equipaggio di maggior successo fino a quel momento grazie alla sua lunga durata e alla maggiore attenzione all’esplorazione scientifica rispetto a quanto fosse possibile nelle missioni precedenti.

L’ultimo sbarco sulla luna dell’Apollo è avvenuto nel 1972 dopo che un totale di 12 astronauti sono atterrati sulla superficie lunare.

l'astronauta Edwin

L’astronauta Edwin “Buzz” Aldrin tira fuori gli esperimenti del modulo lunare sulla Luna durante la missione Apollo 11. Foto di Neil Armstrong, 20 luglio 1969

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x