La polizia bielorussa ne arresta oltre 100 e impedisce la marcia dell’opposizione | Notizie di politica

La polizia ha arrestato più di 100 persone mentre si riunivano per nuove proteste contro il presidente Alexander Lukashenko.

La polizia in Bielorussia ha arrestato più di 100 persone, tra cui cinque giornalisti, media locali e un gruppo per i diritti umani, mentre si riunivano per nuove manifestazioni contro il presidente Alexander Lukashenko.

Le proteste sono scoppiate nell’ex paese sovietico lo scorso agosto dopo che Lukashenko ha annunciato un sesto mandato in una votazione che l’opposizione e diplomatici occidentali hanno detto essere truccata.

Ma le proteste si sono placate durante l’inverno bielorusso sulla scia di una violenta repressione che ha visto migliaia di manifestanti arrestati, molti uccisi e centinaia condannati a lunghe pene detentive a causa dei disordini.

Il canale Nexa Telegram, l’opposizione che mobilita e coordina i manifestanti, ha chiesto l’inizio di una “seconda ondata” di manifestazioni sabato.

Hanno circondato la piazza della città di Minsk, dove la manifestazione avrebbe dovuto iniziare sabato pomeriggio, con veicoli della polizia e furgoni della prigione, e hanno bloccato le strade che vi conducevano.

L’agenzia di informazione russa ha citato una portavoce del ministero dell’Interno bielorusso che ha affermato che non si sono svolte manifestazioni su larga scala nel sito, sebbene più di 100 persone siano state arrestate durante il giorno.

Il gruppo per i diritti umani Viasna ha affermato che le forze dell’ordine hanno arrestato almeno 110 persone, tra cui cinque giornalisti, in tutto il paese.

READ  Che aspetto aveva il principe Filippo quando era giovane

L’organizzazione, il cui canale sull’app di messaggistica di Telegram comprende più di 400.000 follower, ha affermato che tra gli arrestati c’erano Galina Olasik e Anna Caltegina, redattori del notiziario dell’opposizione TUT.by.

Un altro punto vendita, Nasha Niva, con 90.000 lettori di telegrammi, ha detto che anche il suo caporedattore, Jahor Marcinovic, è stato arrestato in piazza, insieme a un fotografo.

Quasi tutti i leader dell’opposizione sono stati arrestati o costretti ad andarsene, in particolare Svetlana Tikhanovskaya, fuggita in Lituania poco dopo le elezioni di agosto.

La polizia ha anche selezionato il gruppo che rappresentava la minoranza polacca in Bielorussia.

Gli agenti di polizia trattengono i manifestanti mentre bloccano l’opposizione per protestare contro i risultati ufficiali delle elezioni presidenziali a Minsk, in Bielorussia [AP Photo]

Le immagini che circolano sui social media hanno mostrato il centro della città di Minsk sotto stretta sorveglianza da veicoli militari.

Tikhanovskaya ha condiviso un video su Twitter, scrivendo: “Siloviki ha brutalmente attaccato un ciclista oggi a Minsk.

“In Bielorussia, non puoi uscire di casa ed essere sicuro di tornare sano e salvo. I bielorussi vivono in questa realtà da più di sei mesi”.

Rachel Dunbar, vicedirettore della divisione Europa e Asia centrale di Human Rights Watch, ha descritto l’arresto di Marcinovic come “una notizia terribile” in un tweet.

All’inizio di questo mese, la Bielorussia ha imprigionato un giornalista di Tut tramite Tut. Per sei mesi per aver pubblicato cartelle cliniche trapelate che mostravano un manifestante morto dopo essere stato arrestato dalla polizia non aveva alcol nel suo sistema come hanno affermato le forze dell’ordine.

READ  Deb Haaland nominato Primo Segretario degli Interni indigeno d'America | Notizie sull'ambiente

Nexta sabato pomeriggio ha invitato i manifestanti a riorganizzarsi e organizzare azioni sparse nelle loro città.

I manifestanti si sono anche riuniti giovedì per raduni separati per celebrare la Giornata della libertà in Bielorussia, che l’opposizione celebra ogni anno nell’anniversario della dichiarazione di indipendenza nel 1918.

Viasna ha detto che la polizia ha arrestato almeno 176 persone durante il giorno.

Nonostante le sanzioni imposte dall’Unione Europea per la repressione violenta, Lukashenko ei suoi alleati hanno tenuto duro, con il leader autoritario che ha affermato di aver resistito a una rivoluzione guidata dall’Occidente.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x