La polizia neozelandese afferma di aver ucciso un estremista ispirato dallo Stato Islamico che ne ha accoltellato 6 in un supermercato

Le autorità neozelandesi hanno detto venerdì di aver sparato e ucciso un estremista violento dopo che era entrato in un supermercato e aveva accoltellato sei acquirenti.

Tre degli accoltellati sono rimasti gravemente feriti

Il primo ministro Jacinda Ardern ha descritto l’incidente come un attacco terroristico. Ha detto che l’uomo era un cittadino dello Sri Lanka ispirato dal gruppo dello Stato islamico. Ha detto che è ben noto ai servizi di sicurezza del paese ed è costantemente monitorato.

Ha detto che per legge un uomo non può essere tenuto in prigione.

“Questo è stato un attacco violento. Non aveva senso”, ha detto Ardern. “Mi dispiace molto che sia successo”.

L’attacco è avvenuto intorno alle 14:40 nel supermercato Count Down di Auckland, la città più grande della Nuova Zelanda.

Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern ha partecipato a una conferenza stampa venerdì a Wellington per fornire i dettagli di un attacco al supermercato ad Auckland. (Foto di Robert Kitchen/Paul/Getty Images)

Ardern ha detto che poiché l’uomo era sotto costante sorveglianza, una squadra di sorveglianza della polizia e un gruppo di tattiche speciali sono stati in grado di sparargli e ucciderlo entro 60 secondi dall’inizio dell’attacco.

Un aggressore noto ai servizi di sicurezza

Il commissario di polizia Andrew Koster ha affermato di essere preoccupato per l’ideologia dell’uomo e ha continuato a seguirlo da vicino. Koster ha detto che venerdì lo hanno seguito da casa sua al supermercato.

“È entrato nel negozio come aveva fatto prima”, ha detto Koster, “ha preso un coltello dall’interno del negozio”. Le squadre di monitoraggio erano il più vicino possibile per monitorare la sua attività”.

Quando sono iniziati i disordini, ha detto Koster, due poliziotti dello Special Tactics Group sono accorsi sul posto. Ha detto che l’uomo si è avvicinato alla polizia con un coltello e gli hanno sparato e ucciso.

Il video di un passante ripreso dall’interno del supermercato ha registrato il rumore di 10 colpi sparati in rapida successione.

Ardern ha affermato che le restrizioni legali le hanno impedito di discutere ciò che voleva sul caso, ma aveva sperato che tali restrizioni sarebbero state presto revocate.

Secondo quanto riferito, alcuni acquirenti dei supermercati hanno cercato di aiutare i malati con asciugamani e pannolini.

“Per tutti coloro che erano lì e hanno assistito a un evento così orribile, non riesco a immaginare come si sentirebbero all’indomani”, ha detto Ardern. “Ma grazie per essere venuto ad aiutare coloro che avevano bisogno di te quando avevano bisogno di te.”

Auckland è attualmente in rigoroso blocco mentre combatte l’epidemia di coronavirus. La maggior parte delle attività commerciali sono chiuse e le persone generalmente possono uscire di casa solo per fare la spesa, per esigenze mediche o per fare esercizio.

READ  L'inaugurazione solleva sospetti tra i teorici della cospirazione a Qanun

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x