La Pop Art italiana rimane per le strade: Galleria CIMA Mario Schifano

Nei nostri viaggi di andata e ritorno della domenica a Jersey City, aspetto l’angolo di Tonelli, dove White Mana Diner Accovacciato su viti di conchiglie 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Dall’altra parte della strada, pesi pesanti svanivano in contorni, appollaiati su una vecchia insegna a Anello in prima fila, Salotto e bar a tutto tondo di boxe Mario Costa. È difficile descrivere la profonda consolazione spirituale che provo tra i fantasmi del cartellone di Ringside. Dopo tutto, “la scena” Jay Debord Ci ricorda: “Non è un gruppo di immagini, ma una relazione sociale tra le persone, mediata dalle immagini”. Nuova galleria in Centro d’Arte Moderna Italiana (CIMA) intitolato Di fronte all’America: Mario Schifano 1960-1965, Evidenzia la consapevolezza unica della pop art italiana della cultura di massa come spazio condiviso e praticabile. a Affrontare l’AmericaLe icone che consumiamo sono incarnate e onnipresenti come i guerrieri dei cartelloni pubblicitari, come noi.

Nel 1962, lo spartiacque del MoMASeminario sulla Pop ArtHenry Gildsaler ha ricordato il film Midnight. Invece di zombi o persone, Gildsaler, assistente curatore del Dead Museum of American Painting and Sculpture, immaginare “Artisti pop in diverse parti della città, sconosciuti gli uni agli altri, emergono dal fango e oscillano in avanti.” Nell’ultima roccaforte del MoMA, la metafora dei sopravvissuti umani: il poeta vincitore del Pulitzer Stanley Konitz, critici d’arte come Dora Ashton, NazioneHilton Kramer e Leo Steinberg dell’Hunter College (uno dei “re di Kalcherberg” di Tom Wolfe in Parola disegnataHanno analizzato le unità estetiche del movimento e “il valore come commento significativo sulla vita contemporanea oltre al problematico rapporto tra arte e cultura di massa”. Il dottor Peter Sells, curatore delle gallerie di pittura e scultura al Museum of Modern Art, ha presentato diapositive di lavori di Lichtenstein, Warhol, Jones, Kinholz e altri. Include “Oggetti illustrati nei dipinti e nei proiettori”, Comunicato stampa dei membri del MoMA[d] Articoli popolari come la bandiera americana, bottiglie di Coca-Cola, lattine di zuppa Campbell, Marilyn Monroe, personaggi dei fumetti, hamburger e torte.

Ma anche se la musica pop sembrava “uscire dal fango”, gli “idoli e le bestie sacre” di Gildsaler – superstar come Liechtenstein, Warhol e Marcel Duchamp – hanno avuto pochi problemi a negoziare l’ecosistema per i seminari di MMA. Niente negato L’affermazione di Konitz “I segni, gli slogan ei trucchi della pop art provengono direttamente dalla cittadella della società borghese, baluardo della comunicazione dove si producono immagini e desideri di un essere umano collettivo, solitamente di plastica”. Per i critici pop, questo è andato in pezzi William C. Seitz L’ascesa dell’Espressionismo Astratto è chiamata “oscillazione sul comfort, un senso di trascendenza nella formulazione” e “l’individuo sulla società”. Per le “bestie sacre” del pop questo era l’obiettivo. Classificato come “belle arti” americane nel 1962, l’Espressionismo astratto immaginava la pittura su tela come uno spazio per la produzione di eventi unici. Da un lato, il pop americano ha avuto la tendenza a trattare l’arte come un meccanismo per critiche ideologiche coerenti sulla tragica permanenza della cultura di massa, il che è piuttosto l’opposto. Ecveras Con superfici lisce.

Entra Mario Shifano. Nel 1962, il regista italiano nato in Libia – Shivano è un pittore, collage, fotografo, regista e musicista rock – aveva già anticipato una trasformazione pop. Possiamo vedere il passaggio a metà turno nella sua serie “Monochrome” (1960-1962), molte delle quali sono in mostra al CIMA. I “monocromi” di Shivano sono campi di blocchi di colore, smalti su carta apposti su tela. È l’influenza di un artista del cartellone pubblicitario che guarda da vicino un angolo del proprio lavoro e sospetto che i miei fantasmi in prima fila si sentirebbero compresi. La curation curation evidenzia le intersezioni tra “Monochromes” e “pop” che possono essere distinte come tali Grandi dettagli pubblicitari, Schifano assume il logo Coca-Cola. Il titolo di quest’ultimo rende la sua argomentazione sul consumismo così chiara da essere irrilevante, forse deliberatamente. Grandi dettagli pubblicitari Si preoccupa molto del modo in cui gli spettatori sperimentano gli elementi grafici e testuali nelle icone.

Indirizzo della mostra CIMA, Affrontare l’AmericaParticolarmente appropriato a questo proposito. In qualità di Presidente di CIMA, Laura Mattioli, AppuntiL’America era un paese mitico per gli italiani negli anni Cinquanta; Nuova musica, nuovi prodotti, persino mobili contemporanei: tutto di questo posto ha sbalordito Shivano. Lo stesso si può ovviamente dire della Gran Bretagna degli anni ’50, che ha visto artisti come David Hockney, Richard Hamilton e membri del ‘Gruppo indipendenteAffrontare il consumismo borghese. In entrambi i casi, tuttavia, la prospettiva artistica implicava negoziati con la cultura di massa americana come sistema di icone in competizione con altri sistemi locali o tradizionali. ‘Americano,’ Avviso L’artista pop italiano, Tano Vista, dipinge la Coca-Cola come un valore; Per me il disegno di Michelangelo è la stessa cosa, nel senso che siamo in un paese dove consumiamo, invece di mangiare cibo in scatola, Monna Lisa Sul cioccolato.

Questa idea è elaborata da Schifano Numero 3, Che è “monocromatico” in quanto due copie dell’indirizzo stampato sono rivolte in direzioni opposte. Piace Jun Yao osserva Questo “significa che la scacchiera può essere capovolta e che non ha una parte superiore o inferiore adatta”. Lo spettatore può scegliere come individuare il lavoro o semplicemente scegliere di non affrontare affatto il problema del ribaltamento. Suggerirei che il CIMA Beeline va da Numero 3 Per lavorare come Leonardo, Il ritratto di da Vinci di Shivano, un pezzo di smalto su carta coperto da due piatti collegati. Questo lavoro apre possibilità allo spettatore di immaginare icone culturali, relazioni con la storia o forme di consumo? Certo, penso di sì. Insisti affinché una particolare forma di critica o di esperienza di massa sia leggibile concettualmente o formalmente? No. Al contrario, c’è tensione interna Leonardo Tra gli elementi costruttivi evidenti e la ritrattistica esagerata è locale. Si rende soggetto al giudizio dello spettatore sulla creduloneria e sul contesto.

Se “affrontare l’America” ​​significava qualcosa sui negoziati carichi di pop art italiana con la cultura pop americana, CIMA avrebbe potuto descrivere la prospettiva singolare di Schifano così come “affrontare New York”. Alcuni dei pezzi più interessanti compaiono al CIMA della serie. Parole e disegni di Frank O’Hara e Mario Schifano. C’è una qualità organica e una recensione per ciascuno, negoziando un piccolo spazio con strati di smalto, inchiostro, penna a cera, vernice spray e gauche. I colori emorragici di Schifano competono con linee grafiche pulite; C’è un effetto temporale del processo evidenziato nei testi di O’Hara che, come Numero 3Possono essere inseriti e organizzati concettualmente come poesie da più prospettive. OharaIl poeta tra i pittori è forse la figura più emblematica della scena newyorkese, ma le energie collaborative di Shivano nel Parole e grafici Cattura le recensioni simboliche popolari dei paesaggi urbani: sofisticati sedimenti della superficie di New York per pubblicità, volantini, scritti di richiamo e risposta che coprono le superfici limitate di vetrine con ripiano in acciaio, impalcature di edifici, lampioni e piani in muratura.

Dopotutto, gli slogan e gli espedienti di Konets sono, nel migliore dei casi, una misura limitata della vita urbana. Sono sicuro che c’è un po ‘di Pleasantville là fuori, prof WandaVision Una simulazione di vita borghese in cui la gente mangia la zuppa di Campbell e appende fuori le bandiere americane di Jasper Johns, ma sono sicuro solo perché me lo dicono “re come Cheruburg”. La vita urbana, che è tutto ciò che so veramente, è un collage che posso scrivere con le mie mani. Immagino che Shivano vedesse la mia New York in questo modo, e al CIMA potevo vedermi attraverso gli occhi di uno sconosciuto che si sente come il mio. La “scuola” del pop italiano, che dominò la Biennale di Venezia nel 1964, era conosciuta come “Piazza del Popolo– Prende il nome dalla famosa “Piazza del Popolo” di Roma, che fino a poco tempo fa era soffocata dal traffico, dal commercio e dai rumori.

“Piazza del Popolo ha continuato a produrre pittori, ma non pittura”, ha detto l’artista Fabio Mori. “Solo pittori in movimento, non pittori in movimento”. Forse, ma qual è l’esperienza dello spazio urbano – “Piazza del Popolo” – se non un movimento stridente di spettatori, consumatori e collage? Nella parte posteriore di Ringside, Mike Tyson tiene gli uccelli da corsa ad alta quota Pigeon Hilton dalle gabbie. È stato costruito da parti delle gabbie della sua infanzia, che Costa ha salvato dopo la morte della madre di Iron Mike. È riproducibile e reale. I corridori volano due miglia e tornano, poi cinque, poi dieci, finché non arrivano [can] Completa da 300 a 500 miglia di corsa “in direzioni diverse” come Al-Hadeel Numero 3S. In un collage di ponti e tunnel della mia vita reale, Mario Schifano traccia le rotte di volo dei piccioni sul tabellone frontale e Frank O’Hara può scrivere il mio nome completo su un uccello.

READ  L'elenco di oggi dei compleanni famosi per il 14 marzo 2021 include le celebrità Billy Crystal e Michael Kane

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x