La Russia afferma che le sanzioni “devastanti” non danneggeranno Putin personalmente

  • Il Cremlino: le sanzioni personali contro Putin non gli danneggeranno
  • La Russia mantiene la pressione con esercitazioni a terra e in mare
  • L’Ucraina dice che Mosca sta cercando di seminare il panico
  • Iniziano a Parigi i colloqui del quartetto sull’Ucraina orientale

MOSCA/PARIGI (Reuters) – La Russia ha avvertito mercoledì che le sanzioni contro il presidente Vladimir Putin non lo danneggerebbero personalmente, ma sarebbero “politicamente devastanti” dopo che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto che avrebbe preso in considerazione una mossa del genere se la Russia avesse invaso l’Ucraina. .

Biden ha affermato martedì che le sanzioni personali contro Putin, sebbene una mossa rara, potrebbero essere viste come parte di una campagna coordinata di Washington e dei suoi alleati per convincere Mosca che qualsiasi nuova aggressione contro l’Ucraina avrebbe costi rapidi e pesanti.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che i membri del Congresso e i senatori statunitensi che discutono di sanzioni personali contro i massimi leader russi ignorano il fatto che è loro legalmente vietato detenere beni, proprietà e conti bancari all’estero.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Peskov ha affermato che le sanzioni unilaterali contro Putin “non sarebbero dolorose (ma) politicamente distruttive” e in precedenza aveva affermato che equivarrebbero a una rottura dei legami diplomatici.

Quando i funzionari hanno iniziato i colloqui con quattro paesi a Parigi, la Russia ha condotto nuove esercitazioni militari di terra e mare e ha spostato più paracadutisti e aerei da combattimento in Bielorussia, nell’Ucraina settentrionale, in quelle che ha chiamato esercitazioni congiunte lì il mese prossimo.

L’Ucraina ha affermato che la Russia, che ha ammassato decine di migliaia di truppe vicino al suo confine ma ha negato i piani di invasione, sta cercando di seminare il panico. Il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba ha affermato che Mosca non ha ancora mobilitato abbastanza forze per lanciare un’offensiva su larga scala, ma ciò non significa che non sarà in grado di farlo in seguito.

READ  Il presidente italiano esorta l'UE e l'Africa a fare di più sui migranti

Quasi otto anni dopo l’occupazione russa della Crimea e il suo sostegno ai combattenti separatisti nel Donbass dell’Ucraina orientale, l’ex repubblica sovietica è diventata un punto critico nel potenziale confronto est-ovest più serio dalla Guerra Fredda.

La Russia afferma che la crisi è guidata dalle azioni della NATO e degli Stati Uniti e richiede garanzie di sicurezza dall’Occidente, incluso l’impegno della NATO a non accettare mai l’Ucraina. Mosca considera l’Ucraina una zona cuscinetto tra la Russia ei paesi della NATO.

Gli Stati Uniti hanno trascorso settimane cercando di costruire un accordo con i partner europei su un solido pacchetto di sanzioni in caso di attacco alla Russia. Ma il compito è stato complicato dalla dipendenza dell’Europa dall’energia russa e dal fatto che le sanzioni danneggeranno anche i suoi affari.

I leader aziendali italiani, tra cui il colosso energetico Enel, la banca UniCredit (CRDI.MI) e il grande assicuratore Generali (GASI.MI), hanno proceduto a una videoconferenza con Putin mercoledì nonostante l’invito del governo a non partecipare.

“Vorrei sottolineare che consideriamo l’Italia uno dei principali partner economici”, ha detto Putin, elogiando la collaborazione con aziende e banche italiane su grandi progetti energetici.

L’Unione Europea dipende dalla Russia per circa un terzo delle sue forniture di gas. Qualsiasi interruzione delle sue importazioni russe aggraverebbe l’attuale crisi energetica causata dalla carenza.

Gli Stati Uniti hanno discusso con i principali paesi produttori di energia e aziende di tutto il mondo di una possibile deviazione delle forniture verso l’Europa se la Russia invadesse l’Ucraina.

Colloqui di “Normandia”.

A Parigi, funzionari di Francia, Germania, Russia e Ucraina hanno avviato colloqui sulla furiosa guerra del Donbass, che dal 2014 ha ucciso quasi 15.000 persone.

READ  Quali sono i buoni regali di viaggio? Esperienze che i viaggiatori possono prenotare da soli

Andrei Yermak, capo di stato maggiore del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, ha descritto i colloqui come “un forte segnale verso la pace nell’Ucraina orientale”.

Ma ha detto che si stavano verificando gravi violazioni del cessate il fuoco e ha escluso la possibilità di parlare direttamente con i separatisti.

Nel parlamento russo, Andrey Turchak, un membro di spicco del partito al governo Russia Unita, ha affermato che Mosca dovrebbe sostenere le regioni separatiste con determinati tipi di armi.

La Russia nega di essere una parte nel conflitto del Donbass, ma fonti ucraine di alto livello affermano che stima di avere 2.000 militari lì e circa 35.000 separatisti.

Le potenze europee considerano i colloqui a quattro vie “formato Normandia”, che non si tengono da più di sei mesi, come vitali per rimanere pertinenti al dialogo più ampio con Mosca mentre gli Stati Uniti e la NATO conducono negoziati separati sulla crisi.

I funzionari francesi hanno affermato di sperare che si possano compiere alcuni progressi che potrebbero aiutare uno sforzo più ampio per ridurre le tensioni.

Un funzionario presidenziale francese ha affermato che l’obiettivo era quello di fissare una data per i colloqui sulle misure umanitarie e il rilascio dei prigionieri, che avrebbero poi portato a negoziati sul futuro della regione del Donbass. Tuttavia, ha detto che la verità è che i colloqui di Parigi serviranno a determinare se la Russia è seria.

“O il presidente Putin cerca con noi la massima tensione… oppure apprezza che in questo periodo di grande volatilità, sia utile utilizzare questo modulo per ridurre le tensioni”.

Il ministero della Difesa russo è stato citato dall’agenzia di stampa Interfax per aver affermato che un’unità di paracadutisti è stata dispiegata in Bielorussia mercoledì, un giorno dopo essersi spostata in artiglieria e marine prima di esercitazioni congiunte il mese prossimo.

READ  Banca italiana di BNP, sindacati litigano per sciopero

Ha aggiunto che la Russia trasferirà anche i caccia Su-35 in Bielorussia per le esercitazioni di “risoluzione alleata”.

L’accumulo di forze russe in Bielorussia, stretto alleato della Russia e dell’ex repubblica sovietica dell’Ucraina settentrionale, crea un nuovo fronte per un potenziale attacco.

Più di 20 navi russe hanno iniziato le manovre nel Mar Nero, nell’Ucraina meridionale, ha detto l’agenzia di stampa RIA.

In Vaticano, papa Francesco ha guidato una preghiera per la pace in Ucraina, riferendosi al suo “popolo torturato” e dicendo di sperare di superare ferite, paure e divisioni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Natalia Zenets, Pavel Politiuk, Matthias Williams, Tom Palmforth, Vladimir Soldatkin, Gabriel Tetro-Farber, Maria Kislyova, Andrew Osborne e Alexander Marrow; Scrittura di Mark Trevelyan; Montaggio di Timothy Heritage e John Stonestreet

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x