La Russia concede il condono fiscale per incoraggiare i combattimenti in Ucraina | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina

Le autorità russe hanno annunciato che i soldati e gli impiegati statali schierati per combattere in Ucraina saranno esenti dall’imposta sul reddito, l’ultimo sforzo di Mosca per incoraggiare il sostegno a una campagna militare contro Kiev che ha subito molteplici battute d’arresto e sconfitte.

La nuova misura fiscale riguarda tutte le forze russe che combattono nei quattro territori ucraini che Mosca ha dichiarato propri – Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhia – sebbene non controlli completamente le quattro regioni.

Venerdì, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha indicato un’eccezione contenuta nella legge anticorruzione, i cui dettagli sono stati pubblicati giovedì sera dalle autorità russe.

Secondo il decreto, militari, forze dell’ordine, membri dei servizi di sicurezza e altri dipendenti statali in servizio nelle quattro regioni non sono più tenuti a fornire informazioni sulle proprie “entrate, uscite e beni”.

Le forze russe in Ucraina hanno anche diritto, secondo il decreto, a ricevere “bonus e doni” se sono di “natura umanitaria” e vengono ricevuti come parte di quella che la Russia chiama “operazione militare speciale” in Ucraina. L’esenzione fiscale si applica anche ai partner e ai figli di coloro che servono e risale al 24 febbraio 2022, data in cui la Russia ha lanciato la sua invasione dell’Ucraina.

Tempi di Mosca menzionato Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato giovedì un decreto che elimina l’obbligo per i funzionari governativi di rivelare le loro dichiarazioni dei redditi per la durata della guerra della Russia in Ucraina.

Prima del decreto, la legge russa richiedeva ai dipendenti pubblici di rendere pubbliche le dichiarazioni dei redditi per se stessi e per i loro familiari stretti, nel tentativo di frenare la corruzione endemica. Gli ufficiali militari erano inoltre tenuti a rivelare le loro dichiarazioni dei redditi al momento della loro nomina o licenziamento”, ha riferito il Moscow Times.

READ  L'Inghilterra ha battuto la Danimarca ai supplementari e si è qualificata per la finale di Euro 2020

Il giornale ha affermato che “il decreto esonera anche i soldati che combattono in Ucraina, nonché i membri dei servizi di sicurezza dal rilascio delle dichiarazioni dei redditi, nonché i funzionari che si sono recati nelle regioni annesse dalla Russia in Ucraina per lavorare”.

Il Cremlino ha offerto una serie di incentivi ai russi che combattono in Ucraina, offrendo ricompense in denaro e promettendo aiuti finanziari alle famiglie in caso di morte o ferimento di persone care.

All’inizio di questa settimana, è stato annunciato che i soldati russi che combattono in Ucraina avrebbero potuto congelare il loro sperma gratuitamente nelle banche di ghiaccio.

La notizia che lo stato russo finanzierà il congelamento dello sperma per le sue forze armate segue le notizie di ottobre di un aumento della domanda di congelamento dello sperma dopo che Putin ha annunciato una mobilitazione parziale per mobilitare più forze per sostenere la guerra di Mosca.

La mobilitazione di Mosca ha spinto centinaia di migliaia di russi a fuggire dal paese per evitare la coscrizione.

Migliaia di ucraini sono anche fuggiti per evitare di entrare in guerra, ha riferito venerdì l’agenzia di stampa tedesca DPA. Il Dipartimento degli affari politici ha affermato che “quasi 12.000 uomini sono stati sorpresi mentre tentavano di attraversare illegalmente il confine, dirigendosi verso i paesi occidentali”.

L’agenzia di stampa, citando le forze di frontiera ucraine, ha affermato che 15 uomini sono morti nel tentativo di fuggire dal Paese per evitare il servizio militare, tra cui “due che sarebbero morti congelati nei Carpazi mentre si recavano in Romania”.

READ  L'1% più ricco riceve due terzi dei 42 trilioni di dollari di nuova ricchezza: Oxfam | Affari ed economia

Il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov ha affermato che, data l’entità delle perdite russe in attrezzature e truppe in Ucraina, l’esercito di Mosca impiegherà almeno cinque anni per riguadagnare la forza precedente.

“Secondo l’intelligence della NATO, i russi hanno subito pesanti perdite in carri armati, artiglieria, veicoli corazzati e soldati”, ha affermato Reznikov, citato dal media Ukraineska Pravda. Ha detto: “Le forze armate regolari della Federazione Russa possono essere ripristinate al più presto entro cinque anni, e forse non prima di 10 anni”.

Reznikov non ha fornito dettagli sulle forze armate ucraine, ma le parti hanno subito pesanti perdite dall’inizio della guerra a febbraio.

Il generale statunitense Mark Milley ha stimato a novembre che circa 100.000 soldati russi sono stati uccisi o feriti dall’invasione di febbraio. Ha detto che le forze armate a Kiev “probabilmente” hanno subito lo stesso livello di vittime.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x