La Russia dice “nessuna svolta” nei negoziati

Il 30 marzo il ministro ucraino Irina Vereshuk trasmette un videomessaggio tramite i social media (Presidente dell’Ucraina/Facebook)

Il vice primo ministro ucraino Irina Vereshuk ha annunciato che l’Ucraina e la Russia hanno concordato tre corridoi di evacuazione mercoledì.

Un corridoio per l’evacuazione dei residenti di Mariupol e la consegna degli aiuti umanitari a Berdyansk, uno per la consegna e l’evacuazione degli aiuti umanitari e l’evacuazione da Melitopol e uno per file di persone in veicoli personali da Enrodar a Zaporizhzhya, ha affermato Vereshuk.

“Convogli di autobus e camion carichi di aiuti umanitari hanno già lasciato Zaporizhia”, ha detto mercoledì in un videomessaggio.

“Chiediamo che le forze di occupazione rispettino i loro impegni e consentano alle colonne umanitarie di attraversare i posti di blocco”, ha aggiunto Vereshock.

Vereshuk ha detto alla delegazione russa di farlo Martedì colloqui Tra le squadre russe e ucraine a Istanbul, ha ricevuto proposte dalla parte ucraina per organizzare corridoi di evacuazione in alcune delle aree più colpite dai combattimenti, tra cui le province di Kharkiv, Kiev, Kherson, Chernihiv, Sumy, Zaporizhzhya, Donetsk, Luhansk e Mykolaiv.

Si ritiene che almeno 14 persone siano state uccise e 33 ferite martedì a seguito di un’incursione russa nell’ufficio del governatore militare regionale della regione di Mykolaiv, nell’Ucraina sudoccidentale. Il sindaco Alexander Senkevich ha detto alla CNN che “un certo numero di persone” erano ancora intrappolate sotto le macerie.

Alcune informazioni di base: L’annuncio di Vereshok arriva due giorni dopo che il sindaco della città assediata di Mariupol ha detto che le corsie di evacuazione erano in gran parte entrate. sotto controllo Dalle forze russe, dopo settimane di bombardamenti, la città è stata lasciata a pezzi, un numero imprecisato di civili è stato ucciso e centinaia di migliaia di residenti sono stati costretti ad abbandonare le proprie case.

READ  Il Canada invia più aiuti all'Ucraina, vieta le navi russe

“Non tutto è in nostro potere”, ha detto il sindaco Vadim Boychenko in un’intervista televisiva in diretta. “Purtroppo oggi siamo nelle mani degli occupanti”.

Boychenko ha chiesto l’evacuazione completa del resto della popolazione di Mariupol, che aveva una popolazione di oltre 400.000 persone prima che la Russia iniziasse la sua invasione dell’Ucraina il 24 febbraio.

Funzionari ucraini hanno affermato che le forze russe hanno impedito ai convogli di evacuazione di avvicinarsi o lasciare in sicurezza la città portuale meridionale.

Nathan Hodge e Julia Presnyakova della CNN hanno contribuito a questo post.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x