La Russia invia bombardieri nucleari a pattugliare la Bielorussia

La Russia ha inviato sabato due bombardieri a lungo raggio con capacità nucleare a pattugliare i cieli della Bielorussia, in una missione volta a sottolineare gli stretti legami di difesa dei due alleati in mezzo alle tensioni con l’Occidente.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che i due bombardieri strategici Tu-22M3 sono stati addestrati “per svolgere compiti congiunti con l’aeronautica e la difesa aerea bielorusse”. I caccia Su-30 forniti dalla Russia alla Bielorussia hanno scortato i bombardieri.

Il pattugliamento di quattro ore di sabato, la terza missione russa del suo genere in Bielorussia dal mese scorso, si è svolto tra le preoccupazioni occidentali per il rafforzamento delle forze russe vicino al confine ucraino.

Mosca ha negato qualsiasi piano per invadere l’Ucraina e ha sollecitato gli Stati Uniti per garanzie di sicurezza che escludano l’espansione della NATO in Ucraina o il dispiegamento di armi lì. Quasi certamente gli Stati Uniti ei loro alleati rifiuteranno le richieste di Mosca.

Alcuni funzionari ucraini hanno espresso preoccupazione per il fatto che la Russia utilizzerà la Bielorussia come base per attaccare il loro paese dal nord. Tra le sue tensioni con l’Unione europea, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha dichiarato il mese scorso che il suo paese sarebbe pronto a ospitare armi nucleari russe.

L’UE ha accusato l’autoritario Lukashenko di incoraggiare migranti e rifugiati a utilizzare il suo paese come porta d’ingresso per entrare illegalmente negli Stati membri dell’UE vicini, come Polonia, Lituania e Lettonia. L’Unione Europea ha imposto sanzioni al governo di Lukashenko per la sua repressione del dissenso interno dopo la contestata rielezione di Lukashenko nel 2020.

READ  Sparatoria alla scuola di Parkland: Nicholas Cruz si dichiara colpevole

Il leader bielorusso non ha chiarito che tipo di armi russe la Bielorussia sarebbe pronta ad accogliere, ma ha osservato che l’ex stato sovietico ha conservato con cura le necessarie infrastrutture militari risalenti ai tempi dell’Unione Sovietica.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha descritto l’offerta di Lukashenko come un “serio avvertimento contro la sconsiderata politica occidentale”.

Il massimo diplomatico bielorusso, Vladimir Makei, ha approvato la dichiarazione di Lukashenko in un’intervista pubblicata sabato. Ha detto che la Bielorussia potrebbe accettare di ospitare armi nucleari come parte della sua risposta a possibili attività della NATO in Polonia.

Facendo eco alle preoccupazioni della Russia sui crescenti legami tra Ucraina e NATO, McKee ha affermato che l’alleanza militare occidentale è l’Ucraina in una “testa di ponte contro la Russia”.

——

Yuras Karamano ha contribuito a Kiev, in Ucraina.

jQuery(document).ready( function(){ window.fbAsyncInit = function() { FB.init({ appId : '404047912964744', // App ID channelUrl : 'https://static.ctvnews.ca/bellmedia/common/channel.html', // Channel File status : true, // check login status cookie : true, // enable cookies to allow the server to access the session xfbml : true // parse XFBML }); FB.Event.subscribe("edge.create", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_like_btn_click'); });

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); };

var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=404047912964744', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x