La Russia lancia esercitazioni mediterranee in mezzo al conflitto con la Gran Bretagna Notizie dalla Russia

Gli esercizi arrivano giorni dopo che Mosca ha annunciato di aver sparato colpi di avvertimento contro una nave da guerra britannica nel Mar Nero.

L’esercito russo ha lanciato ampie manovre nel Mediterraneo che includevano aerei da guerra in grado di trasportare missili ipersonici, in una dimostrazione di forza tra le crescenti tensioni a seguito di un incidente con un cacciatorpediniere britannico nel Mar Nero.

Mosca ha detto che mercoledì una delle sue navi da guerra ha sparato colpi di avvertimento e un aereo da guerra ha sganciato bombe sulla traiettoria della nave britannica HMS Defender per costringerla a uscire da un’area vicino alla Crimea che la Russia rivendica come sue acque territoriali. La Gran Bretagna ha negato tale resoconto, insistendo sul fatto che la sua nave non era stata presa di mira e ha affermato che stava navigando in acque ucraine.

Le esercitazioni russe, iniziate venerdì nel Mediterraneo orientale, arrivano mentre un gruppo d’attacco di portaerei britanniche si trova nella regione.

All’inizio di questa settimana, i caccia F-35 britannici e americani della HMS Queen Elizabeth hanno effettuato sortite di combattimento contro lo Stato Islamico.

La Russia sta conducendo una campagna militare in Siria dal settembre 2015, consentendo al governo del presidente Bashar al-Assad di riprendere il controllo della maggior parte del paese dopo una devastante guerra civile.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che due aerei da combattimento MiG-31 in grado di trasportare missili ipersonici Kinzal erano arrivati ​​alla base aerea russa in Siria per l’esercitazione. La base aerea di Hmeimim, situata nella provincia costiera di Latakia, funge da importante hub per le operazioni di Mosca nel paese.

READ  Un critico dell'Autorità Palestinese muore durante il suo arresto da parte dell'Autorità Palestinese | Notizie del conflitto israelo-palestinese

Questa è la prima volta che aerei da guerra in grado di trasportare il Kinzhal sono stati schierati al di fuori dei confini della Russia.

L’esercito dice che il Kinzhal vola a 10 volte la velocità del suono e ha un’autonomia di 2.000 chilometri (circa 1.250 miglia).

Il ministero della Difesa ha affermato che le esercitazioni nel Mediterraneo orientale includono diverse navi da guerra, due sottomarini e bombardieri a lungo raggio Tu-22M3 insieme ad altri aerei da combattimento.

I caccia supersonici Tu-22M3 con capacità nucleare sono stati schierati per la prima volta in Siria il mese scorso in uno spettacolo di espansione della presa militare della Russia nel Mediterraneo.

L’esercito russo ha aggiornato la pista di Hmeimim per ospitare bombardieri pesanti e ha costruito una seconda pista per espandere le operazioni lì.

La Russia ha anche ampliato e modificato una base navale nel porto siriano di Tartus, l’unica struttura che attualmente possiede al di fuori dell’ex Unione Sovietica.

L’esercito russo ha aumentato il numero e la portata delle sue esercitazioni in mezzo ad aspre tensioni nelle relazioni con l’Occidente, che sono precipitate ai minimi post-guerra fredda in seguito all’annessione della penisola di Crimea da parte di Mosca nel 2014.

Come parte degli sforzi del presidente Vladimir Putin per rafforzare l’esercito russo, negli ultimi anni la Marina ha rilanciato la pratica dell’era sovietica di ruotare costantemente le sue navi da guerra nel Mediterraneo.

Parlando con i giornalisti domenica a bordo della HMS Queen Elizabeth, il commodoro Steve Morehouse ha affermato che il Mediterraneo orientale è diventato più “affollato e conteso” con la pesante presenza militare russa in Siria, che ha portato a scontri regolari con navi e aerei da guerra russi. .

READ  Trump e RNC si scontrano sull'uso del suo nome nella raccolta fondi

Ha notato che una nave da guerra russa aveva raggiunto una distanza di 16 chilometri (10 miglia) dalla portaerei.

La Russia avverte Gran Bretagna e America di un “destino allettante”

Nel frattempo, la Russia ha avvertito la Gran Bretagna e gli Stati Uniti venerdì del “destino allettante” di inviare navi da guerra nel Mar Nero e ha affermato che avrebbe difeso i propri confini con tutti i mezzi possibili, compresa la forza militare.

Il ministero della Difesa, in un comunicato trasmesso alla televisione di stato, ha affermato che non era saggio per le navi britanniche e americane avvicinarsi alla costa della Crimea.

“Chiediamo al Pentagono e alla Marina britannica, che stanno inviando le loro navi da guerra nel Mar Nero, di non tentare il destino invano”, ha detto il portavoce del ministero, il generale Igor Konashenkov.

Ha detto che l’HMS Defender era “nient’altro che un bersaglio” per le difese della flotta del Mar Nero.

Il viceministro degli Esteri Sergei Ryabkov ha affermato separatamente che Washington e Londra stanno seminando discordia non accettando che la Crimea faccia parte della Russia e che la Russia è pronta a difendere i suoi confini con tutti i mezzi, compresa la forza militare.

Mosca ha avvertito la Gran Bretagna giovedì che avrebbe bombardato le navi militari britanniche nel Mar Nero se si fossero ripetute quelle che ha definito azioni provocatorie della Marina britannica al largo della costa della Crimea.

L’ambasciata britannica a Tbilisi, la capitale del Caucaso meridionale della Georgia, ha scritto su Twitter venerdì che l’HMS Defender sarebbe dovuto arrivare nella città portuale di Batumi, sulla costa orientale del Mar Nero.

READ  Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden incontra la regina Elisabetta II dopo il suo primo vertice del G7

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x