La Russia nega che le tute da cosmonauta sostengano l’Ucraina

Sabato l’Agenzia spaziale russa ha smentito le notizie dei media occidentali secondo cui i cosmonauti russi che si sono uniti alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) hanno scelto di indossare abiti a motivi gialli e blu a sostegno dell’Ucraina.

“A volte il giallo è solo giallo”, ha detto il servizio stampa di Roscosmos tramite il suo canale Telegram.

“Le tute da volo per il nuovo equipaggio sono realizzate con i colori dell’emblema dell’Università tecnica statale di Mosca Bauman, da cui si sono laureati i tre cosmonauti … Vedere la bandiera ucraina ovunque e in ogni cosa è pazzesco.”

Dmitry Rogozin, direttore generale di Roscosmos, è stato ancora più schietto, dicendo sul suo canale personale Telegram che i cosmonauti russi non avevano simpatia per i nazionalisti ucraini.

In una conferenza stampa trasmessa in diretta dalla Stazione Spaziale Internazionale venerdì, è stato chiesto al cosmonauta veterano Oleg Artemyev, comandante della missione, delle tute.

“Ogni equipaggio sceglie un colore diverso”, ha detto. “Tocca a noi scegliere un colore”. “La verità è che abbiamo accumulato un sacco di stoffa gialla, quindi dovevamo usarla. Ecco perché dovevamo indossare tute gialle mentre volavamo”.

E sabato sera è stato citato sul canale Telegram di Roscosmos, dicendo che gli abiti sono stati realizzati sei mesi fa e che i tre cosmonauti hanno scelto i colori della loro scuola di origine.

“Il colore è solo un colore. Non ha nulla a che fare con l’Ucraina”, ha detto. “In questi giorni, anche se siamo nello spazio, siamo con il nostro presidente e la nostra gente!”

La Russia ha invaso l’Ucraina, che sventola la sua bandiera blu e gialla, il 24 febbraio. Secondo le Nazioni Unite, i combattimenti che ne sono seguiti hanno ucciso migliaia di persone, distrutto parti di città e costretto milioni di ucraini a fuggire dalle loro case.

READ  Il papa dice che le donne possono leggere a messa, ma possono ancora diventare sacerdotesse

Rogozin ha suggerito che le sanzioni statunitensi imposte in risposta all’invasione potrebbero distruggere il lavoro collettivo della Stazione Spaziale Internazionale e far cadere la stazione spaziale dall’orbita.

Funzionari dell’agenzia spaziale statunitense, la NASA, hanno affermato che i membri dell’equipaggio americano e russo sono a conoscenza degli eventi sulla Terra, ma che il loro lavoro non è stato influenzato da tensioni geopolitiche.

Scritto da Kevin Levy. Montaggio di Helen Popper

// BEGIN: Facebook clicks on unlike button FB.Event.subscribe("edge.remove", function (response) { Tracking.trackSocial('facebook_unlike_btn_click'); }); };

var plusoneOmnitureTrack = function () { $(function () { Tracking.trackSocial('google_plus_one_btn'); }) } var facebookCallback = null; requiresDependency('https://connect.facebook.net/en_US/all.js#xfbml=1&appId=404047912964744', facebookCallback, 'facebook-jssdk'); });

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x