La sequenza di DNA più antica del mondo è presa da un mammut di milioni di anni

Uno studio pubblicato mercoledì ha mostrato che i denti di mammut sepolti nel permafrost siberiano più di un milione di anni fa hanno prodotto la sequenza di DNA più antica del mondo mai vista.

I ricercatori hanno affermato che i tre esemplari, uno di circa 800.000 anni e due di oltre un milione di anni, forniscono importanti informazioni sui mammiferi giganti dell’era glaciale, incluso l’antico patrimonio dei mammut lanosi.

I genomi superano di gran lunga il DNA più antico precedentemente sequenziato: un cavallo che risale da 780.000 a 560.000 anni fa.

“Questo DNA è incredibilmente antico. Gli esemplari sono mille volte più antichi dei resti dei Vichinghi, e anche prima della storia dell’esistenza degli umani e dei Neanderthal”, ha detto Luv Dalin, professore di genetica evolutiva presso il Center for Paleogenetics di Stoccolma e autore principale. A partire dal Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Nature.

I mammut furono originariamente scoperti in Siberia negli anni ’70 e tenuti presso l’Accademia delle scienze russa a Mosca.

I ricercatori hanno prima datato i campioni da un punto di vista geologico, confrontandoli con altre specie, come i piccoli roditori, che sono noti per essere unici per determinati periodi di tempo e che si trovano negli stessi strati sedimentari.

Ciò indica che i due mammiferi erano un antico mammut della steppa di oltre un milione di anni.

Il più piccolo del trio è uno dei più antichi mammut lanosi mai trovati.

DNA del puzzle

Dalin ha detto in un comunicato stampa che hanno anche estratto dati genetici da piccoli campioni di polvere da ciascun dente di un dente di mammut, “come un pizzico di sale che metti nel piatto della cena”.

READ  Il telescopio spaziale Hubble cattura una vista straordinaria dell'eterea "galassia perduta"

Sebbene si sia degradato in frammenti molto piccoli, gli scienziati sono riusciti a disporre decine di milioni di coppie di basi chimiche, che formano filamenti di DNA, e fanno stime sull’età dalle informazioni genetiche.

Ciò indica che il mammut più antico, chiamato Krestovka, è ancora più grande a circa 1,65 milioni di anni, mentre il secondo mammut, Adycha, ha circa 1,34 milioni di anni e il più giovane Chukochya ha 870.000 anni.

Il paradosso per il mammut più antico, ha detto Dalin, potrebbe essere la minimizzazione del processo di datazione del DNA, il che significa che è probabile che la creatura abbia circa 1,2 milioni di anni, come suggeriscono le prove geologiche.

Ma ha detto che era possibile che il campione fosse effettivamente più vecchio e si sia sciolto dal permafrost ad un certo punto e poi sia stato confinato in uno strato più piccolo di sedimenti.

L’autore principale Tom Van der Valk, del Science for Life Lab dell’Università di Uppsala, ha affermato che i frammenti di DNA erano come un puzzle di milioni di piccoli pezzi, “in un modo, molto più piccolo di quello che puoi ottenere da una qualità DNA moderno “.

Utilizzando un genoma di un elefante africano, un moderno parente del mammut, come modello per il loro algoritmo, i ricercatori sono stati in grado di ricostruire parti dei genomi dei mammut.

Lo studio ha scoperto che il più vecchio mammut Krestovka rappresentava un lignaggio genetico precedentemente non riconosciuto che i ricercatori stimano divergesse da altri mammut circa 2 milioni di anni fa ed era l’antenato di quelli che colonizzarono il Nord America.

READ  Solstizio d'inverno 2020: cosa sapere sul giorno più corto dell'anno

Lo studio ha anche rintracciato l’ascendenza dal mammut Adicha di un milione di anni a Chukuchia e altri moderni mammut lanosi.

Varianti genetiche associate alla vita artica, come capelli, termoregolazione, depositi di grasso e tolleranza al freddo sono state trovate in campioni antichi, indicando che il mammut era davvero peloso molto prima che apparisse il mammut lanoso.

La Siberia alternava le condizioni dell’era glaciale secca e fredda e periodi caldi e umidi.

Daleen ha detto che il cambiamento climatico sta ora sciogliendo il permafrost e rivelando più campioni, anche se forti piogge potrebbero significare lavare via i resti.

Ha detto che le nuove tecnologie significano che potrebbe essere possibile sequenziare anche il DNA più antico dai resti trovati nel permafrost, risalenti a 2,6 milioni di anni.

I ricercatori sono ansiosi di guardare creature come gli antenati di alci, muschio, lupi e limoni per far luce sull’evoluzione delle specie moderne.

“La genomica è stata spinta a un tempo profondo dai giganti dell’era glaciale”, ha detto in un articolo pubblicato sulla rivista Nature Alfred Rocca, professore presso il Dipartimento di Scienze Animali presso l’Università dell’Illinois.

“Potrebbero essere i piccoli mammiferi che hanno circondato la loro giornata presto.”

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x