La Serbia chiede alla NATO di schierare esercito e polizia serbi in Kosovo

BELGRADO (Reuters) – Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha detto sabato che la Serbia chiederà alle forze di pace della NATO di consentire loro di dispiegare l’esercito e la polizia serbi in Kosovo, anche se ritiene che la richiesta non venga accolta.

Vucic ha dichiarato in una conferenza stampa a Belgrado che presenterà la richiesta in una lettera al comandante dell’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (KFOR).

Le osservazioni di Vucic sono arrivate dopo una serie di incidenti tra le autorità del Kosovo ei serbi locali che costituiscono la maggioranza nelle regioni settentrionali del Kosovo a maggioranza albanese.

“Chiederemo al comandante della Kosovo Force di garantire il dispiegamento dell’esercito e del personale di polizia della Repubblica di Serbia nella provincia del Kosovo e Metohija”, ha detto Vucic in una conferenza stampa a Belgrado. Ha detto di non avere “illusioni” di accettare la richiesta.

Ha detto che il governo di Belgrado adotterà formalmente il documento lunedì o martedì.

Sarà la prima volta che Belgrado chiederà il dispiegamento di truppe in Kosovo, in base a quanto previsto dalla risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’ONU che pose fine alla guerra del 1998-1999, in cui la NATO intervenne contro la Serbia per proteggere il Kosovo a maggioranza albanese.

La risoluzione afferma che la Serbia può dispiegare fino a 1.000 funzionari militari, di polizia e doganali nei siti religiosi cristiani ortodossi, nelle aree a maggioranza serba e nei valichi di frontiera, se il comandante della KFOR approva tale dispiegamento.

Al momento dell’accordo, il Kosovo è stato riconosciuto a livello internazionale come parte della Serbia. Con il sostegno occidentale, il Kosovo ha dichiarato l’indipendenza nel 2008, una dichiarazione che la Serbia non ha riconosciuto.

READ  L'ex presidente ucraino sbarca a Kiev per affrontare il caso di tradimento

(Segnalazione di Aleksandar Vasović) Montaggio di Peter Graf

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x