La siccità in Italia ha messo in luce un antico ponte imperiale sul Tevere

La peggiore siccità d’Italia degli ultimi 70 anni ha messo in luce i moli di un antico ponte sul Tevere un tempo utilizzato dagli imperatori romani ma danneggiato nel III secolo.

Due pilastri del Ponte Nerone si vedono per gran parte dell’estate nei pressi del Ponte Vittorio Emanuele che attraversa il fiume nei pressi del Vaticano, il cumulo di rocce ricoperto di muschio dove ora si crogiolano i gabbiani.

Il ponte fu costruito nel I secolo affinché l’imperatore Nerone raggiungesse i suoi giardini vicino al Gianicolo vicino all’odierna Piazza San Pietro, ha detto lo storico Anthony Maganlahti. Il ponte stava già crollando nel III secolo e il traffico fu deviato al vicino ponte Sant’Angelo, che deviava i pellegrini attraverso Castel Sant’Angelo verso il Vaticano.

Inizialmente si pensava che il Ponte Nero avesse quattro moli, ma Majanlahti dice che due furono smantellati nel XIX secolo per consentire un migliore flusso del traffico fluviale.

“Poiché il livello dell’acqua del fiume è ora molto basso a causa della siccità diffusa in tutta Italia, siamo in grado di vedere molti dei pilastri dei ponti che normalmente possiamo vedere”, ha detto Maganlahti.

Negli anni di normale livello dell’acqua, nella stagione più secca è spesso possibile vedere un molo del ponte, ma quest’anno si possono vedere due pilastri.

Il governo italiano ha dichiarato lo stato di emergenza in diverse regioni a causa della prolungata siccità e della conseguente ondata di caldo. Ha anche rivelato la siccità Carro armato della seconda guerra mondiale Nel fiume più grande d’Italia, il Po, così come il decreto sui laghi del Novecento.

READ  Un cimitero italiano a Camogli è crollato, facendo cadere in mare centinaia di bare

___

Segui tutte le storie di AP sulla siccità e l’ambiente su https://apnews.com/hub/climate-and-environment.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x