La sonda solare passa attraverso la coda di una cometa

Agenzia spaziale europea / NASA orbita solare Attualmente sta effettuando una serie di oscillazioni attorno al sistema solare in modo che possa avvicinarsi al suo obiettivo finale, il Sole. Mentre il laboratorio di scienze è in viaggio, ha l’opportunità di indagare anche su altri argomenti interessanti, inclusa una cometa con cui ha avuto un incontro ravvicinato di recente.

ESA/ATG medialab

comete Per lo più pezzi di ghiaccio Si riscalda quando si avvicina al sole ed emette gas che formano code distintive. In genere hanno orbite altamente ellittiche (cioè molto ellittiche), possono provenire dalle lontane profondità del Sistema Solare e cambiare poco nel tempo. Alla luce di ciò, l’opportunità di esplorare da vicino una cometa è eccitante, poiché offre agli scienziati l’opportunità di dare un’occhiata a come poteva essere il Sistema Solare molto tempo fa.

L’orbiter solare è passato attraverso la coda di una di queste comete, chiamata Comet C/2021 A1 Leonard, nel corso di diversi giorni intorno al 17 dicembre 2021. L’ESA ha ora partecipato Maggiori informazioni sulla cometa e su ciò che i ricercatori sperano di imparare da essa.

Il team di Solar Orbiter è stato in grado di prevedere quando l’orbiter passerà attraverso la coda della cometa osservando i dati sul vento solare, che sono flussi di particelle energetiche emesse dal sole. Inserendo i dati sul vento solare in un programma di modellazione di veicoli spaziali e sulle orbite della cometa, possono vedere quando la sonda solare interseca la coda della cometa.

Il team ha utilizzato una suite di strumenti sul Solar Orbiter chiamata Solar Wind Analyzer (SWA) per rilevare le sostanze chimiche nella coda della cometa, trovando ossigeno e ioni di carbonio, azoto molecolare, molecole di monossido di carbonio, anidride carbonica e possibilmente acqua. Gli esperti hanno anche potuto osservare il modo in cui il vento solare ha influenzato il campo magnetico attorno alla cometa, che viene estratto dal campo magnetico del sole.

READ  La Stazione Spaziale Internazionale è visibile da tutto il Canada a luglio

Questa è la seconda volta che la sonda solare si avvicina a una cometa anche passato La coda della cometa di ATLAS nel 2020. Questa volta, più strumenti Solar Orbiter erano online e pronti per il monitoraggio, raccogliendo dati aggiuntivi che aiuteranno gli astronomi a migliorare la loro comprensione delle comete.

“Questo tipo di scienza aggiuntiva è sempre una parte eccitante di una missione spaziale”, ha affermato Daniel Muller, scienziato del progetto Solar Orbiter dell’ESA. “Quando è stato previsto il transito della cometa Atlas, stavamo ancora calibrando la navicella spaziale e i suoi strumenti. Inoltre, la cometa si è frammentata prima di arrivarci. Ma con la cometa Leonard eravamo praticamente pronti e la cometa non è crollata”.

Con questo incontro completato, il Solar Orbiter continuerà a orbitare vicino al Sole, rendendolo la sua traiettoria più vicina finora nel marzo 2022 a circa 30 milioni di miglia di distanza.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x