La sorella di Kim Jong Un descrive la luna sudcoreana come un “pappagallo” americano

SEOUL, Corea del Sud – Martedì la sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un ha criticato il presidente sudcoreano, definendolo un “pappagallo allevato dall’America” ​​dopo aver criticato il test missilistico di Pyongyang.

La Corea del Nord dotata di armi nucleari ha una lunga storia di utilizzo di test sulle armi per aumentare le tensioni e la scorsa settimana ha effettuato la sua prima provocazione sostanziale dall’insediamento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Gli Stati Uniti e il Giappone hanno affermato che le armi sparate erano missili balistici – bandite da una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite – mentre Pyongyang ha insistito sul fatto che fossero armi a guida tattica.

Il presidente sudcoreano Moon Jae-in, che da tempo sostiene la comunicazione con Pyongyang, venerdì ha tenuto un discorso attentamente calcolato – quando il Sud ha identificato tre attacchi mortali della Corea del Nord dal 1999 – che non si riferiva specificamente al test missilistico.

Ha detto che le misure che ostacolano la ripresa del dialogo tra Pyongyang e Washington sono “indesiderabili”.

Il suo discorso è stato condannato da Pyongyang, e Kim Yoo Jong, il consigliere principale di suo fratello, lo ha descritto come “il massimo dell’impudenza”.

In un comunicato diffuso dalla Central News Agency ufficiale, ha affermato di essere “scioccata dalle parole”, riferendosi a Moon solo come “CEO” del Sud e non con il suo nome o titolo.

Lo ha descritto come un “pappagallo allevato dall’America” ​​e ha detto che usa “la logica del gangster degli Stati Uniti”.

È ben lontano dalla diplomazia del 2018, quando Moon ha visitato Pyongyang e si è rivolto a una grande folla al Mayday Stadium, dove a un certo punto una sua foto e Kim Jong Un è stata esposta su un palco.

READ  Il Pakistan blocca temporaneamente i social media a causa di possibili proteste | Notizie sull'islamofobia

L’amministrazione Biden è nelle fasi finali della revisione della politica verso il Nord e il nuovo presidente degli Stati Uniti ha ripetutamente affermato che cercherà di ricostruire alleanze con partner come la Corea del Sud che hanno sofferto sotto il suo predecessore, Donald Trump.

Biden ha avvertito la Corea del Nord che “ci saranno reazioni se sceglieranno di intensificare” i test.

Ha lasciato la porta aperta per più diplomazia, ma la Casa Bianca ha detto lunedì che tenere un vertice tra essa e Kim “non era sua intenzione”.

I membri europei del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite hanno chiesto un incontro martedì per discutere il lancio.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x