La Spagna chiede a Israele di non muovere nuovamente false accuse contro Sanchez – EURACTIV.com

La Spagna chiede a Israele di non muovere nuovamente false accuse contro Sanchez – EURACTIV.com

Il ministro degli Esteri spagnolo José Manuel Albarez ha convocato lunedì l’ambasciatore israeliano a Madrid per esprimere il “rifiuto categorico” da parte della Spagna delle ultime accuse di Israele contro il primo ministro Pedro Sanchez, che la scorsa settimana ha esortato il paese a smettere di attaccare i civili a Gaza e ha chiesto “garanzie” che tali critiche siano Continuerà. Non ripeterlo in futuro.

Parlando lunedì alla stampa al Forum Regionale dell’Unione per il Mediterraneo a Barcellona, ​​Albarez (PSOE/S&D) non ha detto quando esattamente verrà richiamato l’ambasciatore israeliano, anche se la stampa spagnola si aspetta che ciò avvenga questa settimana. Dopo che Israele ha accusato il primo ministro spagnolo e il leader socialista di “sostenere il terrorismo”, Evie menzionato.

Anche se Parigi non ha rivelato i dettagli, ha confermato che la Spagna invierà all’ambasciatrice israeliana a Madrid, Roderica Radian-Gordon, un “doppio messaggio” molto chiaro e forte.

Madrid trasmetterà all’ambasciatore israeliano il suo “rifiuto categorico delle parole false e inaccettabili” contro Sanchez e chiederà spiegazioni “chiare” e “la conferma che non si ripeteranno in futuro”.

“L’ambasciatore israeliano è colui che deve spiegare queste parole”, ha detto Parigi in una conferenza stampa poco dopo l’incontro con il suo omologo palestinese, Riyad al-Maliki, al Forum dell’Unione per il Mediterraneo.

Sanchez e il primo ministro belga Alexander De Croo hanno visitato la Palestina e l’Egitto lo scorso fine settimana, dove Sanchez ha affermato che “l’uccisione indiscriminata di civili innocenti, tra cui migliaia di bambini, è del tutto inaccettabile” durante la sua visita al valico di frontiera di Rafah.

Sebbene l’Unione Europea non riconosca la Palestina – 136 paesi lo fanno, inclusi 11 dei 27 stati membri dell’UE – Sanchez ha lasciato la porta aperta affinché il suo paese lo faccia unilateralmente.

READ  La tempesta tropicale Philip colpirà le aree marine durante il fine settimana del Ringraziamento

Madrid sostiene il ritorno dell’Autorità Palestinese a Gaza

Albarez ha sottolineato che la Spagna sostiene il “ritorno effettivo” dell’Autorità Palestinese a Gaza perché Hamas non può essere un “partner di pace” in Medio Oriente.

Nel suo discorso davanti al Forum di Barcellona, ​​Albaris ha chiesto di “fornire tutto il sostegno – europeo, arabo e internazionale – per accompagnare e consentire il ripristino della legittima autorità a Gaza”.

Ha sottolineato che “l’Autorità Palestinese è il nostro unico partner possibile per la pace”.

Il ministro ritiene che “Hamas non può guidare Gaza” perché “non ha un’agenda per la coesistenza pacifica” e “non può svolgere un ruolo in futuro nell’attuazione della soluzione dei due Stati” sostenuta dalla Spagna, quindi l’Autorità Palestinese deve avere più potere per sostituire Hamas.

Il ministro spagnolo ha chiesto di estendere il “cessate il fuoco umanitario” e ha chiesto a Israele di rispettare il diritto internazionale umanitario.

Ha sottolineato che “la morte di decine di migliaia di palestinesi innocenti è inaccettabile”.

Più di 13.000 civili palestinesi sono stati uccisi negli attacchi israeliani in seguito all’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre che ha provocato la morte di 1.200 persone e la presa di circa 240 ostaggi israeliani. I dati dell’ONU Sulla base dei dati del Ministero della Salute di Gaza.

(Fernando Heller | EuroEFE.Euractiv.es)

Leggi di più con EURACTIV

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x