La Spagna è in testa alla classifica della stagione dopo un’entusiasmante seconda giornata al SailGP Italia

La Spagna è in testa alla classifica della stagione dopo un’entusiasmante seconda giornata al SailGP Italia

Scritto da Richard Gladwell Sail-World.com/nz 6 giugno 14:50 GMT
7 giugno 2021

Il Team Japan SailGP guidato da Nathan Outerridge, festeggia a bordo della loro barca F50 come i vincitori della gara finale del secondo giorno di regata italiano SailGP Event 2, Stagione 2 a Taranto, in Italia. 06 giugno. © Bob Martin / SailGP

Per il secondo giorno, il giapponese SailGP ha continuato a dominare la gara del SailGP Italia, vincendo la seconda gara della giornata e andando poi in finale in una giornata piena di drammi.

A causa della collisione con gli USA, nel secondo giorno del primo round della seconda stagione, alle Bermuda, il team giapponese occupa solo il terzo posto nella classifica stagionale, nonostante alla flotta sia stata impartita una lezione di vela in condizioni mutevoli a Taranto.

La prima delle tre regate di oggi si è svolta con un equipaggio completo di cinque velisti, con un vento di 8,5 km da SSW alla partenza. Il peso corporeo extra non sembrava fare molta differenza per le prestazioni frustranti, tranne quando la brezza è scesa a 4kt durante la gara. La chiave era essere sventati e quindi utilizzare l’aumento della velocità del vento apparente per rimanere in aria.

NZSailGP con il timoniere provvisorio Arnaud Psarofaghis (SUI), uscito dal circuito GC32, è partito al volo in Gara 4, lasciando letteralmente alle spalle il gruppo.

Mentre Jimmy Spiethl e Nathan Outridge di USASailGP, entrambi del Team JapanSailGP affrontano i kiwi con le gambe del vento, ognuno ha avuto la possibilità di comandare la flotta di otto barche. Ma Psarofaghis si è ripreso, anche se il tempo di volo era solo del 50%, e con l’aiuto di una brezza fresca ha fatto battere ad Amokura la sua penultima tappa e ha continuato a segnare una comoda vittoria. Spithill navigando per gli USA, ha tenuto la stessa rotta con il vento negli ultimi due piedi per finire secondo. Il Giappone si è classificato terzo dopo essere stato inizialmente sepolto.

READ  Gli italiani cercano di mettersi alla prova

Phil Robertson Skippling SpainSailGP ha aperto le porte ai kiwi per diventare il terzo finalista, penultimo in Gara 5, aiutando a portare il kiwi al terzo posto con la Spagna a 19 punti ciascuno.

Tra una regata e l’altra, è stato chiesto di ridurre gli equipaggi, come accaduto il primo giorno, a tre per l’ultima regata di flotta completa, con anche i pesi correttori modificati per garantire che le barche navigassero vicino allo stesso peso dell’equipaggio e si raddrizzassero. momento possibile.

Quando si è scoperto che il vento non calava molto, l’F50 ha raggiunto una velocità accettabile di 29 km (54 km/h) nella tappa 1, e la brezza ha contrastato notevolmente per tutta la larghezza della pista, poiché il lato destro sembrava avere più pressione .

Ridurre il numero dell’equipaggio tra le gare è decisamente devastante, in quanto interrompe lo slancio della gara e la mancanza di pressione idraulica a causa della ridotta potenza del tapis roulant che ha un impatto maggiore sulla gara rispetto al peso dell’equipaggio pesante.

Nella cruciale gara 5, Psarofaghis ha portato il kiwi al terzo posto intorno alla Mark 1, e ha mantenuto quella posizione fino a metà del segmento 3, nonostante abbia faticato a frustrarlo. Ma l’intersezione del porto e della destra con gli inglesi andò contro i neozelandesi e, ad aggravare i loro guai, ottennero un buon vantaggio sulla destra, mentre gli inglesi si ritirarono dall’altra parte. Per esentarli dal calcio di rigore, gli steward hanno chiesto ai neozelandesi di fare marcia indietro dagli inglesi, quindi hanno ricevuto una seconda penalità per non averlo fatto abbastanza rapidamente per gli arbitri di cabina.

READ  Sdottorate: Chiesa gioca a poker Cr7, impara da Borja! | notizia

La doppia penalità e la decisione di aggirare la Mark 4, piuttosto che fare il giro dell’orso dalla boa di gate opposta, è stata l’ultimo chiodo nella bara di Kiwis mentre il resto della flotta si dirigeva verso una 4 gamba carica di chip.

La gara finale si è disputata tra Spagna, Stati Uniti e Giappone, con gli equipaggi dei tre che hanno navigato con un vento di 8kt (16 km). Jimmy Spiethl (USA) ha messo la sua F50 con lo scafo blu in una posizione di comando fin dall’inizio, davanti al Giappone, con Phil Robertson (ESP) che ha fermato una penalità per una partenza anticipata.

Spithill ha mantenuto il suo vantaggio nel primo inning, ma è caduto fuori dalle chips dopo essere andato a sinistra all’inizio del Round 3, mancando un po’ la brezza durante una fase critica di superamento dei limiti. Il bordo esterno girò intorno al cartello del cancello destro, uscendo brevemente dalle schegge, ma si riprese nella brezza leggermente più fresca.

La gara si è conclusa sfortunatamente per Spiethl e il team statunitense nella parte inferiore del 4, quando avevano una buona velocità intorno al cancello sinistro, poco dopo la F50 è saltata prima di schiantarsi all’indietro, fermandosi. Il motivo è stato poi messo nel colpire un oggetto in acqua, rompendo il timone, ed è stato un incidente straziante per la squadra statunitense.

Ciò ha lasciato il Giappone e la Spagna in corsa rispettivamente con il primo e il secondo posto – e spingendo la Spagna in cima alla classifica della serie, con il Giappone che avanza al terzo posto.

READ  Il governo federale chiede scuse alle famiglie degli italocanadesi detenuti durante la seconda guerra mondiale


Serie 2 – Taranto

Giappone 10 piastre
Spagna 9pt
USA 8 punti
Nuova Zelanda 7 punti
Danimarca 6 punti
Gran Bretagna 5pt
Francia 4 punti
Australia 3 punti

Punti stagione:

Spagna 16 pezzi
Gran Bretagna 15 punti
Giappone 14 punti
Nuova Zelanda 13 punti
Francia 12 punti
Australia 12 punti
USA 11 punti
Danimarca 11 punti

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x