La squadra di hockey canadese è bloccata in Sudafrica e cerca di ritrovare la strada di casa

Una squadra di hockey su prato canadese, bloccata in Sudafrica, spera di tornare a casa entro la fine della settimana dopo che una variante del coronavirus appena scoperta chiamata omicron ha portato a restrizioni di viaggio globali e alla cancellazione dei voli per la regione.

Il nuovo virus potenzialmente più trasmissibile è stato identificato per la prima volta in Sudafrica. Venerdì, il governo canadese ha annunciato che a tutti i cittadini stranieri che hanno viaggiato in Sudafrica, Namibia, Zimbabwe, Botswana, Lesotho, Eswatini o Mozambico negli ultimi 14 giorni è vietato l’ingresso in Canada.

I cittadini e i cittadini canadesi possono ancora tornare a casa secondo le nuove regole, ma viaggiare sta diventando più difficile Con molte compagnie aeree commerciali che tagliano i voli e mettono in atto nuovi test e misure di quarantena.

La squadra, che comprende 14 donne della British Columbia, si è recata in Sudafrica per allenarsi e competere nella Coppa del mondo junior della International Hockey Federation (FIH) che si svolge a Potchefstrom dal 5 al 16 dicembre.

Venerdì il torneo è stato rinviato a causa di una variante omicron. Le squadre del Regno Unito e dell’Europa non potranno partecipare a causa delle restrizioni di viaggio.

Le figlie di Sue Goddard, Nora, 20 anni, e Arden, 18, di Metro Vancouver, fanno parte della squadra bloccata in Sud Africa. Tutti i giocatori della squadra di età inferiore ai 21 anni.

“In quel momento, i confini e i voli per il Sudafrica hanno iniziato a chiudersi e hanno scoperto molto rapidamente che non avevano modo di tornare a casa”, ha detto Goddard lunedì.

Grande delusione

Il team manager Nancy Mullenhauer ha detto che è stato così deludente per la squadra, soprattutto dopo aver vinto la medaglia d’oro ai Pan American Junior Games in Cile all’inizio di quest’anno, che non avrebbero giocato.

READ  La coalizione afferma che una base irachena che ospita soldati statunitensi è stata attaccata da un drone | Notizie dal Medio Oriente

“È un affare enorme”, ha detto Mullenhauer. “Per l’atleta in erba, a questo punto, è l’apice della loro carriera”.

Goddard ha detto che l’attenzione della squadra si è presto spostata su come tornare a casa.

“All’inizio tutte le ragazze erano scioccate e la loro attenzione era solo sul fatto che si erano tutte allenate e avevano lavorato per questo per anni e non stava succedendo”, ha detto. “Poi c’era una grande ansia da parte di tutti su come sarebbero tornati a casa”.

La squadra ha vinto la medaglia d’oro ai Giochi Panamericani Junior in Cile all’inizio di quest’anno. (@fhc_wolfpups / Instagram)

Goddard ha detto che i funzionari sudafricani e canadesi supportano la squadra e stanno lavorando duramente per riportarli a casa.

“L’università in cui risiedono si è interessata a loro in modo insolito”, ha detto. “Non ci siamo mai preoccupati per la loro sicurezza fisica, volevamo solo riportarli sugli aerei e tornare in Canada”.

Questa potrebbe presto essere una possibilità, afferma Susan Arens, CEO di Hockey Canada. Dice che la squadra ha assicurato un percorso di ritorno l’8 dicembre, ma sta cercando di tornare anche prima il 3 dicembre.

Per ora, Mullenhauer afferma che il team sta prendendo le cose giorno per giorno.

“Siamo qui. Siamo al sicuro. Siamo ben curati e sappiamo di essere in buone mani qui in Sud Africa ea casa”, ha detto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x