La testimonianza contro Derek Chauvin ha rivelato una crepa nel “Muro Blu”, ma gli esperti dicono che deve venire giù

Shannett Hall spera che più agenti di polizia seguano l’esempio degli ex colleghi di Derek Chauvin, che hanno testimoniato contro di lui in un processo di due settimane, e si esprimano quando sono testimoni di cattiva condotta.

“Questa è sicuramente una buona cosa”, ha detto Hall, un agente di polizia e secondo vicepresidente della Police Ethics Association. “Tuttavia, se andiamo un po ‘più a fondo, non sono sicuro che dovremmo congratularci con questi ufficiali”. il sesto giorno Presentatore Brent Bambry.

“Lo dico perché è qualcosa che ci si sarebbe dovuto aspettare”.

La testimonianza che condanna le azioni di Chauvin nell’omicidio di George Floyd è stata descritta da alcuni come la caduta – o almeno la rottura – del “Muro blu del silenzio”, una legge non ufficiale che impedisce alla polizia di denunciare la cattiva condotta e gli errori dei loro colleghi .

Il cosiddetto muro blu è un concetto consolidato nel campo della polizia, secondo Kate Levine, professore associato di diritto presso la Cardoso Law School di New York.

“C’è solo un’enorme solidarietà organizzativa all’interno delle stazioni di polizia, il che significa che si proteggono a vicenda e ciò significa che mentono l’uno per il bene dell’altro”, ha detto.

“C’è una frase chiamata ‘testilying’, che è stata inventata per descrivere la polizia sdraiata sul palco, la polizia che fa spergiuro.”

Chauvin ascolta come un giudice legge il verdetto alla fine del suo processo del maggio 2020 contro la morte di George Floyd, presso il tribunale della contea di Hennepin a Minneapolis il 20 aprile. L’ex ufficiale sarà giudicato tra circa otto settimane. (Court TV / Associated Press)

Sebbene Hall, la cui organizzazione è stata fondata con l’obiettivo di combattere la discriminazione razziale sia nella polizia che nelle comunità, sia a conoscenza dell’esistenza del Muro Blu, sostiene che coloro che lavorano nelle forze dell’ordine dovrebbero avere i più alti livelli di integrità in qualsiasi professione. .

“Ci si aspetta che facciamo la cosa giusta”, ha detto.

Chauvin lo era Martedì è stato condannato per omicidio premeditato e omicidio colposo Alla morte di Floyd, che lo ha inchiodato a terra, inginocchiandolo sul collo dell’uomo nero per più di nove minuti.

Mentre il verdetto e la testimonianza della polizia sono un passo nella giusta direzione, dice Hall, non indicano ancora un cambiamento sistemico tra la polizia negli Stati Uniti.

“Sono d’accordo con questa sensazione che questa sia solo una dimostrazione di responsabilità”, ha detto.

“In nessun modo dovremmo prendere il giudizio che abbiamo ricevuto due giorni fa che il sistema è stato riparato o il sistema ora funziona per tutti”.

Guarda | La condanna di Derek Chauven potrebbe portare alla riforma della polizia?:

L’ex agente di polizia Joe Esteed ha parlato con Andrew Chang del National se la condanna di Derek Chauvin per l’omicidio di George Floyd potrebbe portare alla riforma della polizia negli Stati Uniti e quali cambiamenti devono avvenire. 4:28

Invita i membri più giovani a parlare

La decisione è arrivata dopo 10 ore di deliberazione della giuria e un processo di due settimane che includeva testimonianze di ex colleghi di Chauvin, inclusi membri di alto rango delle forze di polizia.

Il capo della polizia di Minneapolis Medaria Aradondo ha risposto a un video girato durante l’arresto di Floyd, dicendo sul palco che le azioni di Chauvin “non erano in alcun modo in linea, forma o forma” con la politica di gestione o di formazione.

“Se il tuo ginocchio è sul collo di qualcuno, potrebbe ucciderlo”, ha testimoniato il tenente Richard Zimmerman, capo dell’Unità Omicidi del Dipartimento di Polizia.

Ma con così tante testimonianze negative contro Chauvin da parte di membri di alto rango del dipartimento, è improbabile che il Muro Blu sia caduto, dice William Hall, assistente professore di scienze politiche alle università Webster, Washington e Maryville. (Non esiste alcuna relazione tra William Hall e Shannett Hall.)

“Per me, il muro blu cadrà – o invertirà una fine – quando gli ufficiali più ordinari accetteranno allo stesso modo di convocare qualcuno quando vedono un’azione criminale”, ha detto.

Un cartello con la scritta “Colpevole” si trova accanto a una candela nel Carl Shores Park dopo che Chauvin è stato condannato per omicidio, a New York City il 20 aprile. (Caitlin Ochs / Reuters)

Hall, un ex mediatore del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti che lavora su casi di brutalità della polizia, afferma che i membri più anziani delle forze hanno un “interesse acquisito” nel processo di Chauvin e che i membri più giovani dovrebbero iniziare a parlare contro la cattiva condotta.

Indica il fatto che tre degli ex colleghi di polizia di Chauvin – ciascuno accusato di favoreggiamento e favoreggiamento dell’omicidio di secondo grado – non sono intervenuti mentre Chauvin ha inchiodato Floyd a terra.

“Gli ufficiali ordinari che avrebbero potuto, in qualsiasi momento, averlo tirato fuori”, ha detto Hall. “L’uomo è stato ammanettato. Era a terra. Era chiaro che era in pericolo.”

La questione della cultura

Spesso questi ufficiali ordinari sono protetti da sindacati e associazioni di polizia. L’avvocato di Chauvin è stato finanziato dalla Minnesota Police and Peace Officers Association, una pratica standard per l’organizzazione, che rappresenta più di 10.000 ufficiali nello stato.

Ma Shannett Hall afferma che questo tipo di supporto può essere dannoso.

“Questo è qualcosa che danneggia le relazioni – le relazioni già fragili – che esistono tra le forze dell’ordine e le comunità emarginate”, ha detto.

“Questo non porta ad un aumento della legittimità della polizia – quello che molte persone dicono di sforzarsi di ottenere all’interno delle nostre stazioni di polizia”.

Parla con KARE-TV 11 in Minnesota“Non possiamo scegliere quali casi difenderemo o non difenderemo”, ha detto Brian Peters, direttore esecutivo della Peace Officers and Police Association del Minnesota.

Dopo la condanna di Chauvin, il Dipartimento di Giustizia ha annunciato un’indagine federale con il Dipartimento di Polizia di Minneapolis per determinare se avesse un modello di “polizia incostituzionale o illegale”.

Guarda | Il dipartimento di polizia di Minneapolis deve affrontare un’indagine federale:

Un giorno dopo che l’ex ufficiale Derek Chauvin è stato condannato per l’omicidio di George Floyd, l’intero dipartimento di polizia di Minneapolis è sottoposto a un’indagine federale. Il Dipartimento di Giustizia americano valuterà se soffre di un modello di “polizia incostituzionale o illegale”. 2:53

Questa è una buona notizia per William Hall, il quale sostiene che il dipartimento deve affrontare problemi molto più profondi di Chauvin.

Ha detto: “Qualsiasi organizzazione ha una cultura, uno stile e una pratica, e penso che ciò che ha fatto con le sue azioni riflettesse la cultura”.

a Dichiarazione pubblicata su Twitter Dopo la condanna di Chauvin, il capo della polizia di Minneapolis Ardondo ha detto che il dipartimento ha “l’obbligo e l’obbligo di servire la nostra comunità e mantenere i nostri cittadini al sicuro”.

“Ci sforzeremo ogni giorno e ogni notte di fare del nostro meglio per guadagnarci la tua fiducia”.

Dati necessari per misurare “il disordine che sentiamo”

Per aggirare questa sentenza e cambiare il modo in cui la polizia interagisce con le comunità emarginate, i processi devono cambiare, afferma Shannett Hall.

Ciò significa migliorare la raccolta di dati in tutto il paese sulla cattiva condotta della polizia e sul modo in cui l’uso della forza influisce in modo sproporzionato sulle società che subiscono il razzismo.

“Fino a quando non potremo iniziare a misurare – misurare davvero – quanto siamo disordinati, non saremo in grado di mettere in atto gli altri punti di misurazione per vedere quali progressi stiamo facendo”, ha detto.

Mentre attende il verdetto di Chauvin, previsto dopo circa otto settimane, Hall afferma che il verdetto evidenzia la necessità di uno sforzo maggiore.

“Il verdetto in sé non è ciò che ci spinge in avanti; vedere come Mister Floyd è stato ucciso per strada è ciò che ci spinge in avanti”.


Scritto da Jason Vermes con file di The Associated Press, CBC News e Pedro Sanchez. Intervista a Shanit Hall, prodotta da Samir Shoubra.

Ascolta gli episodi completi dal giorno 6 in poi CBC Ascolta, Il nostro servizio di streaming audio gratuito.

READ  4 uomini associati ai Proud Boys sono stati accusati di un complotto per attaccare il Campidoglio degli Stati Uniti

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x