La Turchia dichiara “aree disastrate” mentre aumenta il bilancio delle vittime degli incendi boschivi | Notizie sul clima

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato “aree disastrate” parti della Turchia meridionale devastata dagli incendi boschivi, con il bilancio delle vittime degli incendi che è salito a sei dopo la morte di due lavoratori forestali.

Gli incendi in tutta la Turchia da mercoledì hanno bruciato foreste, invaso villaggi e destinazioni turistiche e costretto le persone a evacuare.

Oggi, sabato, il ministro dell’agricoltura e delle foreste Bekir Bakdemirli ha dichiarato che 88 dei 98 incendi scoppiati in mezzo a forti venti e caldo intenso sono stati domati.

Almeno cinque persone sono morte a Manavgat e una a Marmaris. Entrambe le città si trovano sul Mar Mediterraneo e sono entrambe mete turistiche.

Il ministro della Sanità Fahrettin Koca ha affermato che 400 persone colpite dagli incendi a Manavgat sono state dimesse dagli ospedali e 10 stanno ancora ricevendo cure. A Marmaris, 159 persone sono state curate e una persona è ancora in cura per ustioni.

Nuovi incendi sono divampati nella provincia meridionale di Hatay, dove le fiamme sono divampate in aree popolate, ma sembra che siano state sottoposte a controllo.

I media turchi hanno affermato che agli ospiti dell’hotel in alcune parti della città egea di Bodrum è stato chiesto di evacuare e le autorità hanno chiesto a barche e yacht privati ​​di aiutare con gli sforzi di evacuazione via mare.

Sabato il presidente Erdogan ha visitato le aree colpite per ispezionare un elicottero.

Erdogan ha dichiarato le aree colpite dagli incendi boschivi “aree disastrate” in una dichiarazione su Twitter.

“Continueremo a prendere tutte le misure necessarie per curare le ferite della nostra nazione, compensare le sue perdite e migliorare le sue possibilità”, ha affermato Erdogan.

READ  La sorella di Kim Jong Un descrive la luna sudcoreana come un "pappagallo" americano

Parlando dalla città di Manavgat, nel sud della Turchia, sabato Erdogan ha detto in una conferenza stampa che mentre Ankara non sta cercando di politicizzare l’incidente, sta anche “studiando la possibilità di sabotaggio” e la questione è oggetto di indagine. Determinare le cause degli incendi.

La Turchia ha accusato alcuni incendi boschivi del passato di incendi dolosi o di gruppi fuorilegge come il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK).

Erdogan ha affermato che il governo fornirà un risarcimento alle famiglie che hanno perso la casa o i terreni agricoli. Ha affermato che il pagamento delle tasse, della sicurezza sociale e del credito alle persone colpite sarebbe stato differito e alle piccole imprese sarebbe stato concesso un credito senza interessi.

“Non possiamo fare altro che augurare la misericordia di Dio per le vite che abbiamo perso, ma possiamo sostituire tutto ciò che è stato bruciato”, ha detto.

Erdogan ha affermato che il numero di aerei per combattere gli incendi è passato da sei a 13, compresi aerei provenienti da Ucraina, Russia, Azerbaigian e Iran, e che migliaia di personale turco e dozzine di elicotteri e droni stavano aiutando con gli sforzi antincendio.

Parlando da Antalya, Resul Serdar di Al Jazeera ha affermato che ci sono ancora incendi boschivi attivi in ​​almeno 10 località della Turchia.

Erdogan ha detto che sono stati fatti grandi sforzi per controllare gli incendi. Tuttavia, è ancora difficile… gli incendi continuano a bruciare”, ha detto Sardar.

Gli incendi boschivi sono comuni nelle regioni mediterranee ed egee della Turchia durante gli aridi mesi estivi.

Una media di oltre 2.600 incendi sono scoppiati ogni anno negli ultimi dieci anni, ha affermato Khosrow Ozkara, vicepresidente dell’Associazione forestale turca, ma il numero è balzato a quasi 3.400 l’anno scorso.

READ  Le forze filippine uccidono il leader di Abu Sayyaf e salvano gli ostaggi | Notizie sui gruppi armati

Un’ondata di caldo in tutta l’Europa meridionale, alimentata dall’aria calda proveniente dall’Africa, ha provocato incendi in tutto il Mediterraneo.

Si prevede che lunedì le temperature in Grecia e nei paesi limitrofi dell’Europa sudorientale saliranno a 42 gradi Celsius (oltre 107 Fahrenheit) in molte città e paesi e si attenueranno solo verso la fine della prossima settimana.

Gli esperti hanno affermato che il cambiamento climatico sta alimentando eventi meteorologici estremi in tutto il mondo, inclusi incendi e inondazioni.

Mark Diesendorf, professore associato presso l’Università del New South Wales in Australia, ha detto ad Al Jazeera che il cambiamento climatico sta producendo ondate di calore e siccità, che a loro volta portano a una vegetazione secca che alimenta più facilmente grandi incendi.

“Molte volte l’accensione è causata da un fulmine… e poi c’è una tempesta di fuoco”, ha detto. “Il miglior lavoro che i politici possono fare ora è rispondere e mitigare il cambiamento climatico, che è il principale fattore trainante che aumenta anche l’intensità e la frequenza degli incendi e delle inondazioni”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x