― Advertisement ―

spot_img
HomesportLa vittima dell'ACL Corey Evans potrebbe perdere l'intera campagna del Nord Europa

La vittima dell’ACL Corey Evans potrebbe perdere l’intera campagna del Nord Europa

Il centrocampista dovrà stare fermo a lungo a causa di un infortunio al legamento crociato anteriore ed è un altro grande grattacapo per O’Neal in vista delle qualificazioni che prenderanno il via contro San Marino a marzo.

Anche la forma fisica del fratello di Corey, Johnny, è stata una preoccupazione, mentre il trio esperto Stephen Davis, Stewart Dallas e Liam Boyce ha infortuni a lungo termine.

Con uno strappo ACL che può richiedere fino a nove mesi per riprendersi, il capitano del Sunderland Evans dovrà probabilmente saltare l’intera stagione che terminerà a novembre.

O’Neill ha guardato con ansia allo Stadium of Light mentre l’ex giocatore del Blackburn Rovers ha zoppicato la vittoria per 2-0 nel derby della scorsa settimana contro il Middlesbrough dopo appena 11 minuti.

Il club del campionato ha confermato: “Corey Evans ha subito un danno al legamento crociato anteriore. Il centrocampista subirà un intervento chirurgico e dovrebbe restare fuori per il resto della stagione dopo essersi infortunato durante la vittoria di domenica contro il Middlesbrough”.

Evans, che ora deve affrontare un intervento chirurgico al ginocchio, ha collezionato 69 presenze con la nazionale, segnando in due occasioni.

Il 32enne salterà quasi sicuramente la partita di qualificazione a Euro 2024 dell’Irlanda del Nord a San Marino il 23 marzo, la partita contro la Finlandia tre giorni dopo, nonché la trasferta in Danimarca e l’incontro di Windsor Park con il Kazakistan a giugno. .

L’infortunio è anche un duro colpo per le speranze di promozione del Sunderland e, sebbene il contratto di Evans sia scaduto alla fine della stagione, il manager dei Black Cats Tony Mowbray è fiducioso che il suo tempo al club sia tutt’altro che finito.

READ  Ralph Rangnick spiega perché Harry Maguire sta lottando per il livello al Manchester United

“Non temo che tornerà più forte e ci aiuterà in futuro”, ha detto.

“Penso che sia una grande perdita per il club di calcio, non solo per la squadra in campo e lo capiamo.

“Prima di tutto, è un duro colpo per Currie. Penso che sia stato fantastico in questo club da quando è arrivato ed è stato molto centrale.

“Cory è solo un ottimo calciatore professionista che capisce il suo lavoro, fa il suo lavoro, fa il suo lavoro ogni giorno, stabilisce gli standard nello spogliatoio.

“Sono sicuro che lo manterrà, sarà in giro e ovviamente nella stanza dei trattamenti per un po’, ma stabilirà comunque lo standard nello spogliatoio per i giovani giocatori di questa squadra di calcio”.