L’accordo raggiunto nel crollo di un appartamento in Florida, supera il miliardo di dollari – notizie dal mondo

Gli avvocati per le famiglie che hanno perso i parenti nel crollo di una torre di appartamenti in Florida l’anno scorso, che ha ucciso 98 persone, hanno raggiunto un accordo di $ 1,02 miliardi venerdì, fornendo una rapida risoluzione alle cause che avrebbero potuto trascinarsi per anni.

Un accordo per porre fine al contenzioso sulla tragedia di Champlain Towers South attende l’approvazione del giudice di circuito Michael Hansmann, ma questa dovrebbe essere solo una formalità.

Gli avvocati avevano precedentemente annunciato in tribunale un accordo provvisorio per condividere quasi 1 miliardo di dollari con le famiglie i cui parenti sono morti o sono stati feriti nel crollo della torre di 12 piani a Surfside, e le parti di entrambe le parti della causa hanno presentato domanda venerdì. in un fondo di liquidazione da 1,02 miliardi di dollari. Inoltre, quasi 100 milioni di dollari saranno divisi da coloro che hanno perso le loro partecipazioni nel tracollo.

Le famiglie delle vittime dovranno sporgere denuncia, in quanto il denaro non sarà diviso equamente. L’obiettivo è iniziare a distribuire fondi entro settembre.

Il denaro proviene da diverse fonti, comprese compagnie assicurative, società di ingegneria e complessi di appartamenti di lusso costruiti di recente nelle vicinanze. Nessuna delle parti ammette di aver fatto qualcosa di sbagliato. Uno sviluppatore miliardario di Dubai acquisterà un sito fronte mare di 1,8 acri (1 ettaro) per $ 120 milioni, contribuendo all’accordo.

Le spese legali saranno determinate dal giudice, ma dovrebbero essere una frazione delle spese del terzo avvocato. Tali casi di solito richiedono tre anni o più per raggiungere un accordo, per non parlare di un processo.

READ  I leader di Stati Uniti, Giappone, India e Australia discutono del conflitto in corso e della crisi umanitaria in Ucraina

Nel chiedere “l’approvazione iniziale per l’azione collettiva”, gli avvocati di querelanti e imputati hanno definito l’incidente di Surfside l’evento del “cigno nero” che ha devastato questa comunità e si sono detti “orgogliosi di aver accolto la sfida di questa corte di fornire sollievo al classe di vittime in vista del primo anniversario del crollo”.

La maggior parte delle torri di South Champlain è crollata improvvisamente verso l’01:20 lo scorso 24 giugno mentre la maggior parte dei suoi residenti dormiva. Solo tre persone sono sopravvissute al crollo iniziale.

Nessun altro sopravvissuto è stato trovato nonostante gli sforzi 24 ore su 24 dei soccorritori che hanno scavato in un cumulo di macerie di 40 piedi (12 m) per due settimane. Altre 36 persone sono riuscite a fuggire dalla parte restante dell’edificio. Tutte le 135 unità furono infine demolite, lasciando un buco lungo Surfside Beach.

Il National Institute of Standards and Technology sta indagando sulla causa dell’incidente, un processo che dovrebbe richiedere anni. Champlain South ha una lunga storia di problemi di manutenzione e all’inizio degli anni ’80 sono state sollevate domande sulla qualità della costruzione originale e delle ispezioni.

Il crollo ha innescato un nuovo controllo sulla sicurezza degli edifici alti in tutto lo stato, specialmente nelle aree costiere vulnerabili. A quel tempo, le vicine contee di Miami-Dade e Broward erano l’unica delle 67 contee della Florida a richiedere agli edifici di riconfermare la loro sicurezza dopo 40 anni.

La nuova legislazione approvata dal legislatore questa settimana in privato e firmata dal governatore Ron DeSantis richiederà quelle certificazioni in tutto lo stato, molto prima nella vita dell’edificio.

READ  Trump vuole che la Corte Suprema legga l'intervista del Washington Post a Benny Thompson

La ricertificazione sarà richiesta dopo 30 anni, o 25 anni se l’edificio si trova entro 3 miglia (5 chilometri) dalla costa e successivamente ogni 10 anni. Champlain Towers South aveva 40 anni e la sua associazione condominiale stava lottando per conformarsi al momento del tracollo.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x