L’aeronautica militare israeliana conduce una manovra “a sorpresa” vicino al confine libanese | Notizie dal Libano

Le esercitazioni militari israeliane arrivano nel mezzo di intensi attacchi nella vicina Siria che prendono di mira le risorse militari iraniane.

Secondo l’esercito, l’aviazione israeliana ha lanciato una “esercitazione a sorpresa” per migliorare la prontezza al combattimento lungo la linea blu dell’ONU tra essa e il Libano.

L’esercito ha detto lunedì che le esercitazioni, che proseguiranno fino a mercoledì, aumenteranno il traffico aereo in tutto il paese e che si potrebbero udire esplosioni nel nord di Israele.

Ha detto: “L’esercitazione simula scenari di combattimento sul fronte settentrionale e metterà alla prova tutti i componenti delle missioni di base (dell’Air Force), incluso il mantenimento della superiorità aerea e la protezione dello spazio aereo del paese, nonché l’attacco e la raccolta di informazioni”.

I jet israeliani sono stati accusati di violare lo spazio aereo libanese negli ultimi mesi. Il 1 ° febbraio, il movimento armato libanese di Hezbollah ha dichiarato di aver abbattuto un drone israeliano che ha sorvolato la linea blu.

I jet israeliani che volavano dal Mediterraneo su Beirut hanno allarmato la popolazione del Paese, con cui Israele è ancora tecnicamente in guerra.

Israele ha anche affermato di aver effettuato centinaia di attacchi nella vicina Siria contro quelli che descrive come obiettivi iraniani che cercavano di stabilire una presenza militare permanente lì, e contro le spedizioni di armi avanzate al gruppo libanese Hezbollah, sostenuto da Teheran.

Espandere la campagna militare

Questo annuncio è arrivato in un momento in cui l’esercito siriano ha annunciato, lunedì, che le difese aeree siriane avevano intercettato una “aggressione israeliana” contro la capitale, Damasco, senza fornire dettagli su ciò che era preso di mira.

READ  Il critico del Cremlino Alexei Navalny "potrebbe morire in qualsiasi momento": Dottore | Vladimir Putin News

Le forze armate israeliane non hanno commentato immediatamente l’ultimo raid.

Israele ha intensificato la sua campagna in Siria per impedire al suo acerrimo nemico, l’Iran, stretto alleato del presidente Bashar al-Assad, di stabilire un importante punto d’appoggio militare lungo il suo confine.

I suoi attacchi si sono concentrati sulla città siriana di Albu Kamal, il checkpoint di confine sull’autostrada principale Baghdad-Damasco.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x