L’America indaga su incidenti di salute tra diplomatici a Vienna simili alla “Sindrome dell’Avana”

Funzionari statunitensi hanno detto venerdì che l’amministrazione Biden sta indagando su una recente serie di misteriosi incidenti sanitari segnalati da diplomatici statunitensi e altri dipendenti del governo a Vienna.

Alcuni dei sintomi sono simili a quelli segnalati per la prima volta da diplomatici e spie statunitensi all’Avana nel 2016 e 2017, per i quali non è stata ancora identificata alcuna causa specifica, secondo i funzionari.

Cinque diplomatici canadesi Anche i membri delle loro famiglie sono stati vittime di misteriosi problemi di salute, tra cui mal di testa, vertigini e problemi cognitivi, mentre lavoravano a Cuba.

Funzionari statunitensi hanno affermato che più di 20 nuovi casi sono stati esaminati da equipe mediche presso il Dipartimento di Stato e altrove, inclusi il Pentagono e la CIA.

“In coordinamento con i nostri partner in tutto il governo degli Stati Uniti, stiamo indagando in modo aggressivo sui rapporti di incidenti sanitari potenzialmente inspiegabili tra la comunità dell’ambasciata americana a Vienna”, ha affermato il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. “Qualsiasi dipendente che segnalasse un potenziale infortunio alla salute ha ricevuto un’attenzione e un’attenzione tempestive e adeguate”.

Alcuni credono che le lesioni inspiegabili siano causate da attacchi con onde radio o microonde. Tuttavia, nonostante anni di studio, non c’è consenso su cosa o chi potrebbe essere dietro gli incidenti o se si trattasse, in effetti, di attacchi.

Secondo i funzionari, i dipendenti con sede a Vienna hanno riferito di aver sperimentato sintomi misteriosi dall’insediamento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden. I casi di Vienna sono stati segnalati per la prima volta venerdì dal New Yorker.

Anche l’Austria controlla

Il ministero degli Esteri austriaco ha dichiarato sabato che il paese sta lavorando con le autorità statunitensi per scoprire la verità sui casi segnalati.

READ  2020: per gli animali che vivono nella natura, è stato l'anno più bello dell'intera era moderna

“Prendiamo sul serio questi rapporti e, in linea con il nostro ruolo di paese ospitante, stiamo lavorando con le autorità statunitensi per arrivare insieme al nocciolo della questione”, ha affermato il dipartimento in una breve dichiarazione.

“La sicurezza dei diplomatici assegnati a Vienna e delle loro famiglie è della massima importanza per noi”.

Il sito web del Dipartimento di Stato elenca 158 diplomatici statunitensi attualmente dispiegati a Vienna.

Vienna è stata per secoli un centro di spionaggio e diplomazia ed era un centro di spionaggio contro attività di spionaggio durante la Guerra Fredda. La città è attualmente sede di colloqui indiretti tra Iran e Stati Uniti per il salvataggio dell’accordo nucleare negoziato lì nel 2015.

Questi colloqui sono ora sospesi e non è stato immediatamente chiaro se tra i feriti ci fossero membri della squadra negoziale degli Stati Uniti.

I primi casi sono stati segnalati nel 2016

Il problema è stato chiamato “sindrome dell’Avana”, perché i primi casi nel 2016 hanno contagiato dipendenti dell’Ambasciata degli Stati Uniti a Cuba. A maggio, i funzionari hanno affermato che almeno 130 casi in tutto il governo erano sotto inchiesta, rispetto alle dozzine dell’anno scorso.

Secondo quanto riferito, le persone pensavano di aver sviluppato mal di testa, vertigini e sintomi compatibili con la commozione cerebrale, alcuni dei quali richiedevano mesi di cure mediche. Alcuni hanno riferito di aver sentito rumori forti prima dell’insorgenza improvvisa dei sintomi.

Di particolare preoccupazione è la divulgazione di almeno due potenziali incidenti nell’area di Washington, DC, incluso un caso vicino alla Casa Bianca a novembre in cui un funzionario ha riferito di vertigini.

READ  La Corea del Nord accusa le Nazioni Unite di "doppi standard" nei test missilistici | Notizie di politica

Sebbene alcuni siano convinti che le lesioni siano causate da attacchi energetici diretti, altri ritengono che il numero crescente di casi potrebbe in effetti essere collegato a “malattie mentali collettive”, in cui le persone che vengono a conoscenza di altri con sintomi iniziano a sentirsi male.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x