L’America ti dà da mangiare pasta finta

Roma — Un avvertimento per gli appassionati di cucina italo-britannica: la tua pasta può essere falsa. La potente lobby agricola italiana Coldiretti ha accusato gli Stati Uniti di approfittare delle carenze causate dalla Brexit.

Lorenzo Bazzana, capo economista della Coldiretti, Ha detto in una dichiarazione I consumatori britannici sono ora soggetti a prodotti italiani “falsi” che utilizzano etichette fantasiose e colori italiani per cercare di trasmettere una cucina inferiore a prodotti italiani autentici. Ha incolpato la Brexit per le minori importazioni di prodotti italiani nel Regno Unito, che secondo lui ha aperto la strada a quelli che gli italiani vedono come crimini culinari, con gli Stati Uniti come il più grande colpevole.

“Gli inglesi devono fare attenzione all’olio italiano e al parmigiano con la bandiera italiana sull’etichetta che in realtà viene dall’America”, ha detto, aggiungendo che c’era anche molta pasta fatta con prodotti scadenti e procedure di taglio degli angoli ora per esportare. . “Un prodotto che finge di essere italiano vale 100 miliardi di euro di vendite annuali a livello globale, il doppio del cibo e delle bevande reali che provengono dall’Italia”.

E la Brexit ha peggiorato le cose a causa della popolarità della cultura e della cucina italiana lì. “Ora, il Regno Unito potrebbe diventare un cavallo di Troia in Europa”, avverte. “Porta d’Italia per il falso cibo italiano”.

Prima della Brexit, il Regno Unito era il quarto importatore di prodotti italiani in Italia dopo Germania, Francia e Stati Uniti Nel 2020, il Regno Unito ha importato 4 miliardi di dollari di pasta, prosciutto, prosecco e formaggio. Il ministero delle finanze italiano afferma che l’importo dovrebbe diminuire drasticamente nel 2021, il primo anno completo dopo la Brexit. Finora quest’anno, le esportazioni di pasta italiana nel Regno Unito sono diminuite del 28%, l’olio extravergine di oliva del 13% e i prodotti a base di pomodoro del 16%. Ma gli studi dimostrano che gli inglesi non hanno rinunciato al loro amore per la cucina mediterranea, il che significa che stanno acquistando altrove.

READ  Le scuse canadesi agli italocanadesi: ammettere uno stigma vergognoso e ingiusto | OP / ED

Prima della Brexit, l’Italia faceva affidamento sul Regno Unito per “eliminare i cibi italiani falsi” e acquistare cibi autentici. “Ma ora che siamo fuori dall’UE, non possiamo, e quindi le nostre paure potrebbero rivelarsi peggiori”, ha detto Bazana. Lo abbiamo già visto accadere in Russia, dove nel momento in cui le sanzioni hanno bloccato l’arrivo del cibo italiano, il parmigiano russo, con tanto di bandiera italiana, è apparso nei negozi.

Se l’Italia può proteggere l’integrità della sua cucina autentica in un mondo post Brexit non è solo una questione di gusto, ma anche di legalità.

Questa non è la prima volta che Coldiretti promuove l’autentica cucina italiana, gran parte della quale gode di protezione nell’Unione Europea e mira a dissuadere le versioni precedenti. quando Il Il New York Times Osando suggerire i pomodori come opzione per la tradizionale carbonara all’uovo e pasta di guancia, il gruppo ha rilasciato una dichiarazione schiacciante, definendo la ricetta rivista una “versione inquietante del prestigioso piatto della tradizione popolare italiana”, affermando che il piatto è davvero “uno dei ricette italiane più distorte.”

Né è la prima volta che gli inglesi sono stati influenzati da quella che nessun italiano considererebbe la loro cucina legittima, ovvero la propensione britannica a mettere l’ananas sulla pizza. Durante la Coppa delle Nazioni europee a luglio tra Italia e Inghilterra, i fan britannici hanno messo enormi pezzi di ananas sulla pizza come segno di sostegno e per far arrabbiare i loro avversari.

Tuttavia, gli italiani hanno vinto la finale e ora gli inglesi sono rimasti con quella che potrebbe essere l’unica cosa vicina alla vera pizza che possono ottenere.

READ  Claire Streeter di San Marino ottiene una grande vittoria contro La Canada - San Gabriel Valley Tribune

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x