L’amministrazione Biden difende la sua decisione di non confermare il privilegio esecutivo sui record della Casa Bianca di Trump

L’House Select Committee sostiene che ha un disperato bisogno di documenti per la sua vasta indagine sull’insurrezione mortale e che Trump non ha mostrato come avrebbe fatto abbastanza danni da impedire che i documenti venissero rilasciati. L’amministrazione Biden sta difendendo la sua decisione di non proteggere i record della Casa Bianca a partire dal 6 gennaio con privilegio esecutivo. Trump non era d’accordo e la sua insistenza sulla riservatezza lo ha spinto a intentare una causa a ottobre.

Il caso, una delle principali questioni del potere presidenziale e dei privilegi esecutivi, nonché un’indagine della Camera, solleva questioni irrisolte sul potere dell’ex presidente di controllare le informazioni dalla Casa Bianca, anche se l’attuale amministrazione e il Congresso supportano la trasparenza sui documenti.

“Consentire a un ex presidente di ignorare le decisioni del presidente in carica sarebbe una straordinaria interferenza con la capacità di quest’ultimo di adempiere alle sue responsabilità costituzionali”, hanno scritto giovedì gli avvocati del Dipartimento di Giustizia. Rappresentano l’Archivio Nazionale, che attualmente possiede i documenti della Casa Bianca di Trump.

Con le elezioni del Congresso nel novembre 2022 e la prospettiva che i Democratici perdano il controllo della Camera, il comitato ristretto ha sostenuto che il tempo è essenziale.

Gli avvocati della Camera hanno scritto giovedì che “il mandato del comitato ristretto scadrà il 3 gennaio 2023 e ogni giorno che passa ostacola l’indagine del comitato ristretto, costringendolo a procedere senza beneficiare dei documenti a cui ha diritto”.

Le loro risposte arrivano una settimana dopo che Trump ha chiesto ai giudici di esaminare il caso e mantenere riservati i documenti mentre il caso va in tribunale. Sia la Camera che l’amministrazione stanno ora ripetutamente accennando alla possibilità che il comitato della Camera ritenga di avere altro da rivelare sulle discussioni dei funzionari federali per impedire al Congresso di certificare la vittoria presidenziale di Joe Biden, persino potenziali illeciti da parte degli alti funzionari.

Lungi dalla “caccia”, ha scritto il Dipartimento di Giustizia, “o considerare l’ex presidente e i suoi consiglieri come un “caso di studio”, utilizzando Le parole della squadra di Trump contro di lui, “La commissione sta indagando su eventi che coinvolgono [Trump] e altri funzionari della Casa Bianca che hanno una base fattuale identificabile relativa a un attacco specifico e senza precedenti al Campidoglio. Non c’è dubbio che questa indagine serva a legittimi scopi legislativi. e offesa [Trump]Nelle sue obiezioni, tali finalità legislative sono sufficienti a sostenere la richiesta della commissione anche se alcuni membri [of Congress] Ritengono inoltre che l’indagine possa “rivelare un crimine o un illecito”.
Il Dipartimento di Giustizia sostiene anche che la Casa Bianca Recenti trattative con la Camera dei Rappresentanti per ritirare o rinviare le richieste Per alcuni record di sicurezza nazionale, la commissione ha ristretto alcune delle sue richieste. In precedenza, sia la Casa Bianca che la Casa hanno affrontato critiche per la volontà di Biden di pubblicare dischi dalla West Wing e per la grande quantità di materiale che il comitato sta cercando.

Il Dipartimento di Giustizia ha anche scritto che Trump “non sostiene che nemmeno una singola pagina di questi documenti sia al di fuori dell’ambito delle legittime indagini della Commissione”. “Il presidente Biden non ha evitato di proteggere quegli interessi” della presidenza, che protegge le comunicazioni sul presidente.

READ  La polizia di Saanich individua l'auto, arresta il sospettato ricercato per rapina a mano armata

Centinaia di record della Casa Bianca ricercati

La polemica nel caso Trump Centinaia di documenti In relazione alla sua risposta alle elezioni e al 6 gennaio, compresi i registri delle attività, gli orari, le note di discorso dei principali consiglieri dell’allora presidente e tre pagine di note scritte a mano dall’allora capo di stato maggiore della Casa Bianca Mark Meadows.

Se la Camera dei rappresentanti ottiene i documenti, può aiutare gli investigatori a rispondere ad alcuni dei fatti più gelosamente custoditi di ciò che è accaduto all’interno dell’ala ovest mentre la squadra di Trump ha discusso la squalifica di molti voti popolari nelle elezioni del 2020 e mentre i sostenitori si sono riuniti e hanno invaso gli Stati Uniti. Il Campidoglio il 6 gennaio.

La Camera ha indicato giovedì che stava cercando documenti risalenti all’aprile 2020, quando Trump ha iniziato a parlare del potenziale di frode elettorale. Ha continuato a formulare questa accusa anche dopo lo scorso novembre, quando diverse autorità federali e statali hanno stabilito che non vi erano frodi elettorali diffuse nel 2020.

Il comitato del 6 gennaio è stato formato sei mesi fa.  Questo è ciò che è stato rivelato.

Dice la Camera dei Rappresentanti negli archivi.

Altri documenti che la Casa Bianca sta cercando dalla Casa Bianca di Trump più vicina al 6 gennaio riguardano persone collegate agli insorti accusati o al gruppo “Stop Theft”, o che stavano lavorando con il Congresso o la sicurezza o visitando la Casa Bianca vicino quel giorno, dice Barada .

Archivi Nazionali hanno indicato Quelle registrazioni della Casa Bianca, anche intorno al 6 gennaio, sono quasi sempre destinate a diventare documenti pubblici dopo che il presidente ha lasciato l’incarico, e parte di ciò che Trump sta cercando di proteggere è stato regolarmente rilasciato pubblicamente da altre Case Bianche.
briscola perso follemente Le sue argomentazioni sia dinanzi al Tribunale di primo grado che Corte d’Appello livelli.

Tuttavia, mentre gli archivi inizialmente avevano pianificato di fornire al comitato della Camera i documenti a partire da novembre, la battaglia giudiziaria di Trump ha interrotto la produzione dei documenti.

READ  Brawl a Londra mentre migliaia di persone si uniscono alle marce "kill the bill" in tutta la Gran Bretagna

Se i giudici non accettano di ascoltare il caso a gennaio, potrebbero non discutere i documenti di Trump fino a un mese dopo, a metà febbraio, ha affermato la Camera.

Sebbene la Corte Suprema abbia impiegato mesi per considerare le questioni chiave sulla separazione nelle sfide delle citazioni in giudizio del Congresso in passato, loro rapidamente rifiutato È un tentativo del Texas che Trump ha sostenuto per invertire la sua perdita elettorale un anno fa.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x