L’anziano Gotti della famiglia criminale di Gambino muore in prigione

Il gangster Peter Gotti, fratello di John Gotti, il famigerato boss del crimine a Gambino, è morto mentre stava scontando una pena detentiva federale, ha detto giovedì all’Associated Press una persona che ha familiarità con la questione.

La persona che non è stata in grado di discutere pubblicamente la questione e ha parlato con l’AP in condizione di anonimato ha detto che Gotti, 81 anni, è morto per cause naturali mentre era in custodia presso il Federal Medical Center di Butner, nella Carolina del Nord.

Gotti è stato condannato a 25 anni di carcere per la sua condanna nel 2003 per racket e altre accuse secondo cui aveva preso il comando dei Gambino dopo che suo fratello era stato imprigionato.

Ha chiesto il suo rilascio anticipato, citando la cattiva salute e il suo rifiuto della vita di gruppo, nel tentativo di evitare la morte in prigione. Ha servito più di 17 anni dietro le sbarre.

John Gotti, che era conosciuto come “Dapper Don” a causa dei suoi abiti costosi e dei capelli argentati, e “Teflon Don” dopo una serie di assoluzioni, stava scontando l’ergastolo per estorsione e omicidio quando morì di cancro nel 2002.

Peter Gotti era malato da tempo, aveva problemi alla tiroide ed era cieco da un occhio, ha detto Louis Casman, un ex gangster e stretto collaboratore di John Gotti.

Casman ricorda Peter Gotti, un ex addetto ai servizi igienico-sanitari, come “un uomo vicino regolare che non ha mai lasciato che il suo cognome gli andasse alla testa”. Casman ha detto che la sua gentilezza lo ha reso inadatto a guidare la famiglia criminale Gambino.

READ  La Casa Bianca: Biden rivaluterà la politica di Trump nei confronti di Cuba | Donald Trump News

“Stava cercando di attuare ciò che suo fratello aveva richiesto, e aveva un compito difficile”, ha detto. “Molti capitani erano molto arrabbiati con lui perché non era un capo forte. I lucchesi camminavano ovunque”.

——

Segnalato da Samo da Washington. Ha contribuito il corrispondente della Associated Press Jim Mustian da New York.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x