L’Arabia Saudita afferma che un attacco missilistico è stato intercettato su Riyadh

Gli edifici sono stati visti a Riyadh il 16 febbraio 2021.

Ahmed Yousry / Reuters

L’Arabia Saudita ha detto sabato di aver intercettato un attacco missilistico contro la sua capitale e droni carichi di bombe contro una provincia meridionale, nell’ultimo di una serie di attacchi aerei che ha attribuito agli Houthi nello Yemen.

La coalizione militare a guida saudita, che ha combattuto la lunga guerra in Yemen, ha annunciato che gli Houthi alleati con l’Iran hanno lanciato un missile balistico verso Riyadh e tre droni esplosivi verso il Governatorato di Jizan, con una serie di altri droni avvistati. Inizialmente non sono stati segnalati feriti o danni. Non ci fu alcun commento immediato da parte degli Houthi.

L’attacco arriva nel mezzo di una forte escalation delle tensioni in Medio Oriente, un giorno dopo una misteriosa esplosione in una nave di proprietà israeliana nel Golfo di Oman. L’esplosione ha rinnovato le preoccupazioni per la sicurezza delle navi nelle vie navigabili strategiche, che hanno assistito a una serie di sospetti attacchi iraniani alle petroliere nel 2019.

La storia continua sotto l’annuncio

Il canale statale Al-Ikhbariya ha pubblicato filmati di quelle che sembravano essere esplosioni nell’aria sopra la città di Riyadh. Gli utenti dei social media hanno anche pubblicato video, alcuni dei quali mostravano residenti che urlavano mentre guardavano l’esplosione di fuoco che ha perforato il cielo notturno, che sembrava essere le batterie dei missili Patriot statunitensi che intercettavano il missile balistico.

Il colonnello Turki Al-Maliki, un portavoce della coalizione guidata dai sauditi, ha detto che gli Houthi stavano cercando “in modo sistematico e deliberato di prendere di mira i civili”.

READ  Il presidente armeno rifiuta di licenziare il capo di stato maggiore dell'esercito su ordine del primo ministro | Notizie di politica

L’ambasciata americana a Riyadh ha lanciato un avvertimento agli americani invitandoli a “rimanere vigili in caso di ulteriori attacchi in futuro”.

Mentre la guerra in Yemen continua, gli attacchi con missili e droni Houthi al regno sono diventati comuni e raramente causano danni. All’inizio di questo mese, gli Houthi hanno colpito un aereo passeggeri vuoto all’aeroporto di Abha, nel sud-ovest dell’Arabia Saudita, con un drone carico di bombe, incendiandolo.

Nel frattempo, la coalizione guidata dai sauditi ha dovuto affrontare le critiche internazionali diffuse sugli attacchi aerei nello Yemen che hanno ucciso centinaia di civili e hanno colpito obiettivi non militari, tra cui scuole, ospedali e matrimoni. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato questo mese che interromperà il sostegno degli Stati Uniti alla guerra guidata dai sauditi nello Yemen, comprese le vendite di armi “correlate”. Ma ha sottolineato che gli Stati Uniti continueranno ad aiutare il Regno dell’Arabia Saudita a difendersi dagli attacchi esterni.

Gli Houthi hanno controllato la capitale yemenita e il nord del paese, dove vive la maggior parte della popolazione, da settembre 2014. Mesi dopo, l’Arabia Saudita ei suoi alleati hanno lanciato una guerra per cacciare i ribelli e ripristinare il governo riconosciuto a livello internazionale dello Yemen .

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x