L’Arabia Saudita rilascia due importanti attiviste per i diritti delle donne | notizie sui diritti umani

Samar Badawi e Nassima al-Sada sono stati arrestati nell’agosto 2018 nell’ambito della repressione del governo contro l’opposizione.

Un’organizzazione per i diritti umani ha confermato che l’Arabia Saudita ha rilasciato due importanti attiviste per i diritti delle donne che sono state detenute per quasi tre anni.

“I due difensori dei diritti umani, Samar Badawi e Nassima Al-Sadah, sono stati rilasciati dopo la fine delle loro sentenze”, ha dichiarato domenica ALQST per i diritti umani in un tweet su Twitter.

Gli attivisti sono stati arrestati nell’agosto 2018 nell’ambito di una vasta repressione governativa contro il dissenso pacifico.

La maggior parte dei prigionieri, stimati in decine, hanno combattuto per il diritto di guidare e la fine del sistema di tutela maschile del regno, che richiede alle donne di ottenere il consenso di un parente maschio nelle decisioni importanti.

Badawi è stata insignita del premio US International Women of Courage nel 2012 per aver sfidato il sistema di tutela ed è stata tra le prime donne a firmare una petizione che chiedeva al governo di consentire alle donne di guidare, votare e candidarsi alle elezioni locali.

È anche la sorella di Raif Badawi, un importante attivista per i diritti umani, condannato a 10 anni di carcere nel 2014 per “aver offeso l’Islam” sul suo blog.

Al-Sada, che proviene dalla provincia di Qatif, dominata dagli sciiti, ha anche fatto una campagna per il diritto di guidare e l’abolizione del sistema di tutela. Si è candidata alle elezioni locali del 2015 che hanno visto per la prima volta le donne partecipare alle elezioni.

READ  Niger: l'attacco alla casa di Sene Oumarou uccide la guardia | Notizie sul Niger

Il suo nome è stato infine cancellato dalle autorità.

Alcuni degli attivisti per i diritti delle donne arrestati nel 2018 sono Iman al-Nafjan, Loujain al-Hathloul, Aziza al-Yousef, Aisha al-Manea, Ibrahim Madimig e Muhammad al-Rabiah.

Sebbene le autorità abbiano revocato il divieto decennale alle donne alla guida, le autorità saudite hanno giustificato gli arresti affermando che gli attivisti avevano contatti sospetti con entità straniere e fornivano sostegno finanziario ai “nemici all’estero”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x