Lars Vilks, artista svedese minacciato di aver disegnato il profeta Maometto, che si dice sia morto in un incidente stradale

L’artista svedese Lars Vilks parla durante un’intervista con l’Associated Press a Malmö, in Svezia, mercoledì 4 marzo 2015. Vilks, che vive sotto la protezione della polizia dal 2007, è morto a causa del suo disegno del profeta Maometto con il cadavere di un cane , per minacce di morte. Incidente stradale di domenica 3 ottobre 2021, secondo quanto riportato dai media svedesi.

David Keaton/The Associated Press

I media svedesi hanno riferito che l’artista svedese Lars Vilks, che vive sotto la protezione della polizia dal 2007, il cui disegno del profeta Maometto con il corpo di un cane è stato minacciato di morte, è morto domenica in un incidente stradale.

I media hanno riferito che l’incidente includeva ciò che è stato riferito che un camion si è scontrato con un’auto della polizia civile in cui viaggiava Lars Vilks ed era protetto dalla polizia.

L’agenzia di stampa svedese TT ha detto che la polizia ha confermato che Felix, 75 anni, era in macchina con due agenti di polizia, e il quotidiano Dagens Nyheter ha detto che il partner dell’artista ha confermato la sua morte.

La storia continua sotto l’annuncio

La causa dell’incidente era sotto inchiesta.

Felix era in gran parte sconosciuto al di fuori della Svezia prima di dipingere Mehmet. A casa era famoso per aver costruito una statua fatta di legni in una riserva naturale nel sud della Svezia senza permesso, che ha portato a una lunga battaglia legale. È stato multato, ma la statua sulla spiaggia – un mosaico di legno caoticamente inchiodato – attira decine di migliaia di visitatori all’anno.

READ  Una nuova foto sui social mostra la principessa Latifa "scomparsa".

La vita di Felix è cambiata drasticamente 13 anni fa dopo aver disegnato uno schizzo di Maometto con il corpo di un cane. I musulmani conservatori considerano i cani impuri e la legge islamica generalmente si oppone a qualsiasi rappresentazione del Profeta, anche se favorevole, per timore che porti all’idolatria.

Al-Qaeda ha messo una taglia sulla testa di Felix. Nel 2010, due uomini hanno tentato di bruciare la sua casa nel sud della Svezia. L’anno scorso, una donna della Pennsylvania si è dichiarata colpevole di un complotto per tentare il suo omicidio.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x