L’artista ucraino posa per uno stand culturale alla Biennale di Venezia

Venezia, Italia (Associated Press) – Il ruolo dell’artista Pavlo Makov nel rappresentare l’Ucraina alla Biennale di Venezia è diventato una sfida per gli invasori russi, i cui attacchi alla sua città natale, Kharkiv, si sono intensificati negli ultimi giorni.

L’ucraino di origine russa afferma che i russi non sono solo intenzionati a conquistare il suo paese, ma sono anche decisi a cancellare la cultura ucraina.

“Questa guerra in Ucraina non è un conflitto etnico”, ha detto Makov, 63 anni, all’Associated Press. È uno scontro di culture. Vogliono distruggere, demolire ed eliminare la cultura ucraina, in modo che non ci sia l’Ucraina”.

Makov, uno degli artisti viventi più importanti dell’Ucraina, è andato alla Biennale il 2 marzo, dove ha pressato sua moglie, due amici della sua famiglia e sua madre di 92 anni. Ha detto che i missili sono volati sopra la testa quando hanno lasciato Kharkiv.

Il centro storico della città, che è stata la prima capitale sovietica dell’Ucraina ed è famosa per la sua architettura costruttivista negli anni ’20 e ’30, è stato in gran parte distrutto, compreso l’edificio amministrativo e il parlamento.

Makov ha lasciato suo figlio e sua figlia, che avevano entrambi lavorato come volontari per aiutare i residenti assediati e per produrre opere d’arte per tutta la vita.

“Non c’era dubbio se l’arte dovesse essere presa”, disse, “perché non c’era posto per essa”. “Inoltre, stavamo uscendo dal rifugio, non lasciando la casa o lo studio”.

Da allora la sua attività è stata evacuata in un’area più sicura nell’Ucraina occidentale. Alcuni pezzi sono già stati ordinati per mostre altrove.

READ  Chrissy Teigen si reca in Italia con la sua famiglia dopo le polemiche sul cyberbullismo (vedi foto)

Erano i coni di rame che compongono la sua scultura del Padiglione ucraino a Kiev, ed è stato cacciato dal paese da uno dei curatori, Maria Lanko. Un’altra curatrice, Lizaveta German, è scappata con il figlio neonato, nato in un ospedale della città occidentale di Leopoli durante una pausa tra le sirene dei raid aerei. Ora ha un mese, allatta soddisfatto nel reparto vicino al tintinnio dell’acqua che cade.

La scultura di Makov “La fontana dell’esaurimento. Acqua Alta”, un imbuto che si raccoglie in una fontana a cascata di 3 1/2 metri (11 1/2 piedi) contro un muro di cemento all’Arsenale, che ospita i nuovi Padiglioni Nazionali che partecipano al più antico e più importante galleria d’arte contemporanea. La 59a Biennale di Venezia si apre sabato e durerà fino al 27 novembre.

Il progetto di Makov è stato ispirato dalla mancanza di vitalità che ha sentito quando l’Ucraina è passata a un paese indipendente all’inizio degli anni ’90, e di nuovo mentre viaggiava per l’Europa negli anni 2000.

Ho sentito questa mancanza di capacità di proteggere i pensieri. Ho sentito che questa dipendenza dall’energia che l’Europa riceveva dalle società non democratiche stava aumentando. Ciò è culminato con l’epidemia, che secondo i custodi rappresentava un “accumulo di fatica”, e poi la guerra con la Russia.

Ora a Venezia, Makov ha scoperto di parlare più di guerra che della sua arte.

“È come una missione diplomatica per noi”, ha detto Makov. “Mi vedo meno come artista e più come cittadino del mio paese”.

Poco distante, ai Giardini, il Padiglione della Russia, costruito nel 1914, è stato chiuso per il ritiro della partecipazione degli artisti, cosa che l’artista e i curatori ucraini hanno protestato. Una lettera di protesta è stata firmata pochi giorni dopo le invasioni del 24 febbraio, a conferma dell’ironia che il padiglione russo è stato costruito con i soldi del collezionista d’arte ucraino Bohdan Khanenko. La sua collezione costituisce il cuore del più importante museo di arte europea, asiatica e antica del paese, che Makov teme possa essere minacciato a Kiev.

READ  Bannon perde la sua offerta per avviare un'accademia di destra in Italia

A Giardini, i curatori del padiglione ucraino – i tedeschi, Lanko e Boris Vilonenko – hanno creato una piazza ucraina attorno a una pila di sacchi di sabbia, circondata da manifesti realizzati durante la guerra da artisti ucraini.

Includono raffigurazioni stilizzate di soldati che usano l’attrezzatura del parco giochi per coprirsi, bambini i cui genitori ansiosi hanno scritto le loro date di nascita e nomi con segni indelebili sulla schiena, nel caso fossero stati separati dalla guerra, e l’affondamento della nave da guerra russa Moskva.

“Sai, l’unico dialogo che abbiamo ora con la cultura russa è in primo piano”, ha detto Makov. Non ci sono ulteriori dialoghi.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x