L’astronauta dell’Apollo 11 Michael Collins muore all’età di 90 anni

L’astronauta americano Michael Collins, che rimase nel modulo di comando dell’Apollo 11, morì il 20 luglio 1969 mentre Neil Armstrong e Buzz Aldrin viaggiarono sulla superficie della Luna, diventando i primi umani a camminare sulla superficie della luna, mercoledì all’età di 90. La famiglia ha detto.

Secondo una dichiarazione rilasciata dalla sua famiglia, Collins era morto di cancro.

Spesso descritto come il terzo astronauta “dimenticato” nella storica missione, Collins è rimasto solo per più di 21 ore fino al ritorno dei suoi compagni lunari. Il contatto con il Mission Control Center di Houston è stato perso ogni volta che la navicella spaziale ha volato intorno al lato oscuro della luna.

“Da Adam, nessun essere umano ha conosciuto un simile isolamento come Mike Collins”, diceva il documento della missione, riferendosi al personaggio biblico.

Guarda | L’eredità a lungo termine dell’Apollo 11:

Il nostro gruppo esamina l’impatto dell’esplorazione spaziale sulla cultura popolare, la tecnologia e il cambiamento sociale. 13:02

Collins ha scritto una descrizione delle sue esperienze nella sua autobiografia del 1974, Porta il fuocoMa la pubblicità è ampiamente evitata.

Collins ha detto: “So che sarei un bugiardo o uno sciocco se dicessi che ho il meglio dei tre posti dell’Apollo 11, ma posso onestamente e con calma dire che sono completamente soddisfatto di quello che possiedo”. Commenti rilasciati dalla NASA nel 2009.

Collins ‘Road to the Moon

Collins è nato a Roma il 31 ottobre 1930, lo stesso anno in cui sono nati sia Armstrong che Aldrin. Era il figlio di un generale maggiore dell’esercito degli Stati Uniti e, come suo padre, frequentò l’Accademia militare degli Stati Uniti a West Point, New York, e si laureò nel 1952.

READ  La NASA si unisce alla celebrazione di Star Wars Day in Space: Lightsaber, Real Death Star, Tatooine e altro ancora

Come molti della prima generazione di astronauti americani, Collins ha iniziato come pilota collaudatore per l’Air Force.

Nel 1963, la NASA lo scelse per il suo programma astronauta, che era ancora agli inizi ma si intensificò rapidamente al culmine della Guerra Fredda mentre gli Stati Uniti cercavano di avanzare nell’Unione Sovietica e adempiere al presidente John F. Un uomo è atterrato sulla luna entro la fine del decennio.

Il primo volo nello spazio di Collins è avvenuto nel luglio 1966 come pilota della navicella Gemini X e fa parte delle missioni che hanno preparato il programma Apollo della NASA. La missione Gemini X ha effettuato un dock di successo con un veicolo bersaglio separato.

Il suo secondo e ultimo volo spaziale è stato lo storico Apollo 11.

Guarda | L’ora che ha cambiato il mondo – Sbarco sulla Luna:

Festeggia il cinquantesimo anniversario dello sbarco sulla Luna dell’Apollo 11. 46:13

Ha evitato gran parte del clamore mediatico che ha accolto gli astronauti al loro ritorno sulla Terra, e in seguito è stato critico nei confronti del culto delle celebrità.

Dopo un breve periodo al governo, Collins divenne direttore del National Air and Space Museum e si dimise nel 1978. Fu anche autore di numerosi libri sullo spazio.

Collins parla a una tavola rotonda in occasione del 50 ° anniversario del lancio dell’Apollo 11 a Cocoa Beach, in Florida, il 16 luglio 2019. (Joe Skipper / Reuters)

Ha detto che il suo ricordo più forte dell’Apollo 11 è stato guardare la Terra, che ha detto sembrava “fragile”.

“Penso davvero che se i leader politici del mondo potessero vedere il loro pianeta da 100.000 miglia di distanza, allora la loro prospettiva potrebbe cambiare radicalmente. Quei confini molto importanti sarebbero invisibili, e questo forte argomento verrebbe messo a tacere”, ha detto.

La dichiarazione della sua famiglia diceva che sanno: “Come si è sentito fortunato Mike a vivere la vita che ha fatto”.

“Per favore, unisciti a noi con orgoglio e gioia per ricordare la sua acuta intelligenza, il suo calmo senso di scopo e la sua saggia prospettiva, che ha acquisito guardando la Terra dalla preferenza dello spazio e fissando le acque calme dal ponte della sua barca da pesca. “

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x