L’aumento delle temperature causa più emissioni di carbonio nell’Artico: studio

L’aumento delle temperature causa più emissioni di carbonio nell’Artico: studio

Gli scienziati stimano che l’Oceano Artico assorba fino a 180 milioni di tonnellate di carbonio ogni anno, rendendolo uno dei più importanti serbatoi di carbonio sulla Terra. Ora, un nuovo studio mostra che lo scongelamento del permafrost e il deflusso ricco di carbonio del fiume Mackenzie in Canada stanno facendo sì che parte dell’Oceano Artico rilasci più carbonio di quanto ne possa assorbire.

Lo studio riguarda l’uso della più recente modellazione computerizzata per studiare fiumi come il fiume Mackenzie, che sfocia in un’area dell’Oceano Artico chiamata Mare di Beaufort, ha spiegato la NASA in un comunicato stampa.

Storie simili

Come molte regioni artiche che stanno sperimentando gli effetti del riscaldamento globale, il fiume Mackenzie e il suo delta hanno dovuto affrontare temperature significativamente più calde negli ultimi anni, causando il disgelo dei corsi d’acqua e dei paesaggi.

In questo studio, i ricercatori hanno utilizzato un modello biogeochimico globale dell’oceano chiamato ECCO-Darwin, sviluppato presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California e il Massachusetts Institute of Technology di Cambridge. Utilizzando questo modello, i ricercatori hanno simulato lo scarico di acqua dolce e gli elementi in essa contenuti – carbonio, azoto e silice – dal 2000 al 2019.

I ricercatori hanno scoperto che lo scarico di anidride carbonica da parte del fiume Mackenzie ha portato al rilascio di grandi quantità di gas nel mare di Beaufort sud-orientale. Ciò ha portato a uno squilibrio di carbonio, con un conseguente rilascio netto di anidride carbonica di 0,13 milioni di tonnellate all’anno, spiega la dichiarazione. Ciò equivale all’incirca alle emissioni annuali di 28.000 auto a benzina. La dichiarazione aggiunge che le emissioni di anidride carbonica erano maggiori durante i mesi più caldi, quando la portata dei fiumi era elevata e il ghiaccio marino aveva meno capacità di assorbire il gas.

READ  Cosa vedrai nel cielo notturno questa settimana

Secondo la NASA, tali scoperte sono importanti perché metà dell’Oceano Artico è costituito da acque costiere, dove la terra incontra il mare. Anche se lo studio si è concentrato su un’area, potrebbe aiutare a comprendere meglio i cambiamenti ambientali che si verificano nell’oceano.

“Con il nostro modello, stiamo cercando di esplorare il reale contributo delle frange costiere e dei fiumi al ciclo del carbonio artico”, ha affermato l’autore principale Clement Bertin nella dichiarazione.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x