Laurie: San Marino mi ricorda sempre il bersaglio shock del 1993

I numeri sono stati importanti, come abbiamo detto di recente, con i manager che hanno perso il lavoro e i cambiamenti in atto tra i reparti.

Ma il numero più grande questa settimana in campo è stato 10, che l’Inghilterra ha segnato senza risposta contro San Marino.

Non credo che nessuno sarebbe stato sorpreso dalla vittoria dell’Inghilterra, ma dal fair play di Gareth Southgate e della sua squadra per pareggiare la più grande vittoria della nazione in un torneo internazionale competitivo.

Ma quando penso a San Marino, i miei ricordi risalgono al 1993, quando Graham Taylor era allenatore dell’Inghilterra. Ho lavorato con lui gestendo la squadra B e l’Under 21.

Quelle partite sono di solito il giorno prima del big game e anche se siamo all’estero nello stesso paese, i nostri giocatori stanno andando direttamente a casa.

Ma chissà perché, visto che anche San Marino è un posto piccolo, siamo partiti lo stesso giorno ma davanti alla prima squadra.

Avevo organizzato con Graham che una volta finita la nostra partita, avremmo avuto la loro partita con loro, invece di andare all’aeroporto.

“Una volta fischiato l’ultimo fischio, scendi il più velocemente possibile, saliamo sull’autobus e guardiamo l’altra partita”, ho detto ai nostri ragazzini.

Detto questo, ricordo che Graham mi ha chiamato il giorno prima per dire che aveva bisogno di un sostituto perché aveva un infortunio alla sua squadra.

“Mi dispiace, non ti giocherò domani”, ha detto al giocatore in questione, Ian Wright.

Poi rimase scioccato e disse: “Cosa ho fatto di sbagliato?” “Mi dispiace che tu non sia in squadra,” dissi, “torna nella tua stanza, fai le valigie e unisciti alla prima squadra.” Non ci poteva credere, mi ha abbracciato ed è scappato via!

READ  Notizie sportive oggi: cosa devi sapere

I nostri under 21 hanno giocato molto bene, abbiamo segnato abbastanza gol che non devo correggerli per niente.

Siamo saliti sull’autobus e ha detto all’autista di arrivare il più velocemente possibile.

È iniziata la partita della prima squadra e gli ho chiesto di accendere la radio. Sono passati solo pochi secondi quando il commentatore ha iniziato a urlare a squarciagola! Obiettivo! Obiettivo!’ I ragazzi stavano applaudendo.

Poi il pilota ha detto con calma che San Marino aveva segnato. Non ci potevamo credere, pensavamo stesse scherzando.

Quando il telecronista San Marino 1 Inghilterra 0, ho detto all’autista “Vai all’aeroporto!”. Abbiamo ascoltato il resto della partita alla radio in attesa che la prima squadra si unisse a noi.

Naturalmente, l’Inghilterra ha vinto 7-1. Stewart Pierce ha mancato la palla, permettendo all’attaccante sammarinese David Gualtieri di aggirare il portiere e segnare.

Questo è stato segnato all’epoca, come il gol più veloce di sempre nella storia della Coppa del Mondo a circa otto secondi.

Ormai i giocatori internazionali sono fuori dai giochi da tempo, l’attenzione è tornata in particolare sulla Premier League.

Ci sono stati molti cambiamenti nella gestione nelle ultime settimane e tutti gli occhi saranno puntati sui nuovi presidenti che subentreranno.

Ironia della sorte, i Saints oggi affrontano uno di loro a Norwich al Dean Smith, che ha perso il suo ultimo lavoro all’Aston Villa dopo che li abbiamo battuti 1-0.

Ma nel giro di poco tempo ha preso il posto di Karoo Road e questo gli avrebbe dato più intento di ottenere un risultato contro i Saints.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x