L’avvocato bielorusso pro-democrazia elogia la posizione antiautoritaria del Canada

Mike Blanchfield, The Canadian Press

Pubblicato domenica 21 novembre 2021 8:24 EST

OTTAWA – Dalla sicura frontiera di Washington, D.C. e dal suo comodo lavoro alla Banca Mondiale, Valery Kavalewski non ha potuto resistere al crollo della riforma democratica nella sua nativa Bielorussia la scorsa estate.

Kavalusky è tornato nella capitale, Minsk, nell’agosto 2020, immergendosi in ondate di proteste a favore della democrazia che stavano fornendo speranza su un nuovo leader inaspettato ma stimolante, Svyatlana Tsikhnoskaya, di fronte a un diffuso contraccolpo del governo.

Kavalewski ricorda in un’intervista a Ottawa la scorsa settimana.

Kavalewski, che ha rappresentato la Bielorussia come diplomatico negli Stati Uniti, ha elogiato Canada, Stati Uniti, Unione Europea e Gran Bretagna per il loro continuo sostegno al movimento democratico bielorusso.

“Il Canada è stato tra i primi paesi ad esprimere il suo sostegno”, ha detto, parlando tra il frastuono di un fast food thailandese vicino all’Università di Ottawa.

“Abbiamo assistito a una serie di passi pratici in termini di assistenza alla società civile, ai media indipendenti e al coordinamento della politica delle sanzioni”, ha aggiunto. Direi che questo livello di partecipazione è senza precedenti”.

Pochi istanti prima, un Cavaliuski dai capelli argentati e riccamente decorato è emerso da una berlina bianca che lo ha lasciato cadere sul marciapiede del quartier generale canadese di Amnesty International. Veniva da un debriefing al Global Affairs Canada prima del suo incontro programmato con il cane da guardia dei diritti e ha trovato il tempo di sedersi con The Canadian Press tra un appuntamento e l’altro. È stato quindi programmato per partecipare all’Halifax International Security Forum, una conferenza globale dei leader della sicurezza dei governi democratici che si terrà in Nuova Scozia questo fine settimana.

READ  Le contee dell'Arizona trovano meno di 200 potenziali casi di frode elettorale su 3 milioni di schede elettorali 2020 | Arizona

Kavalusky ricorda come nell’estate del 2020 scese per le strade di Minsk, unendosi alle migliaia di manifestanti che si erano radunati dietro Tsikhanoskaya. Correva per se stessa al posto di suo marito, la cui campagna per cacciare un vecchio leader autocratico si è capovolta dopo essere stato imprigionato dalle autorità bielorusse.

Tsykhanoskaya ha rivitalizzato l’opposizione e ha attirato l’attenzione internazionale sulla sua lotta. Ma le loro speranze sono state deluse quando il presidente Alexander Lukashenko ha vinto un sesto mandato alle elezioni dell’agosto 2020, una valanga che il Canada e i suoi alleati democratici occidentali hanno definito una frode.

Il Canada si è unito agli Alleati imponendo sanzioni sui diritti umani contro il leader autoritario e i suoi massimi luogotenenti per le violenze prese di mira dalle forze di Lukashenko contro i manifestanti che si rifiutavano di lasciare le strade. Global Affairs ha affermato che le sanzioni erano in risposta a “violazioni grossolane e sistematiche dei diritti umani”.

L’ex ministro degli esteri Francois-Philippe Champagne è stato tra i primi politici occidentali a incontrare Tsykhanuskaya lo scorso ottobre in Lituania, dove era fuggita per cercare sicurezza dopo le elezioni.

Nel frattempo, Kavalewski si è unito ai manifestanti nei loro raduni regolari a Minsk fino al 22 novembre 2020, quando è stato spinto a terra e gettato in prigione. È stato rilasciato diversi giorni dopo dopo aver pagato una multa di diverse centinaia di dollari.

Nel dicembre 2020, Kavalusky ha risposto all’invito a unirsi al movimento democratico Tsikhanoskaya in esilio. L’ha raggiunta in Lituania, diventandone de facto ministro degli esteri in attesa.

L’anno scorso, ha detto Kavalewski, la repressione di Lukashenko ha ingrossato i ranghi dei prigionieri politici da 15.000 a 37.000.

READ  Alcuni sono arrabbiati a Cipro per la scelta della canzone "satanica" di Eurovision.

Nel frattempo, Lukashenko ha seminato il caos oltre i confini della Bielorussia. Recentemente ha permesso a migliaia di migranti dal Medio Oriente di entrare nel paese e li ha indirizzati verso i confini con Polonia, Lituania e Lettonia in quella che è stata ampiamente vista come una mossa per destabilizzare l’Europa in rappresaglia per le sanzioni.

La crisi ha recentemente raggiunto il suo culmine con migliaia di migranti bloccati al confine tra Bielorussia e Polonia senza un posto dove andare.

“Lukashenko ha inviato un segnale molto chiaro che il confine con l’Unione europea è aperto qui e che tu puoi venire qui”, ha detto Kavalewski. “Ha organizzato tutti questi rifornimenti di immigrati dal Medio Oriente”.

Giovedì, un giorno dopo il suo incontro sugli affari mondiali, il Canada e altri membri del G7 hanno rilasciato una dichiarazione congiunta criticando la Bielorussia. È stato lo stesso giorno in cui la Bielorussia ha ceduto, evacuato i campi di frontiera per i migranti e l’Iraq ha rimandato a casa centinaia di richiedenti asilo con una serie di voli.

“Queste azioni crudeli mettono in pericolo la vita delle persone. Siamo uniti nella nostra solidarietà con la Polonia, così come con la Lituania e la Lettonia, che sono state prese di mira da questo uso provocatorio della migrazione irregolare come tattica mista”, afferma la dichiarazione del G7. .

“Le azioni del regime bielorusso sono un tentativo di distogliere l’attenzione dal suo continuo disprezzo per il diritto internazionale, le libertà fondamentali e i diritti umani, compresi i diritti del proprio popolo”.

Kavalewski ha affermato che la solidarietà e il sostegno sono molto apprezzati dal popolo bielorusso, perché ha un forte desiderio di vivere in un paese libero come i suoi vicini democratici in tutta Europa.

READ  I registri mostrano che i repubblicani dell'Arizona hanno subito pressioni da Trump e dai suoi alleati dopo le elezioni | Notizie dagli Stati Uniti

“Quello che sta succedendo in Bielorussia, è come in bianco e nero. La gente vuole democrazia e libertà, e non c’è nessun sottofondo geopolitico”, ha detto Kavalowski, preparandosi ad uscire dal vivace ristorante.

“Questa crisi appartiene a tutti. Questo non è solo il problema dei bielorussi … perché fa parte della storia di questo confronto globale: democrazia e autoritarismo”.

Questo rapporto è stato pubblicato per la prima volta da The Canadian Press il 21 novembre 2021.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x